Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

 

italiano

tu sei qui: Home Liguria La Valle del Magra Montemarcello (Ameglia)

Strutture

Visita una località navigando tramite il menù a sinistra. In ogni zona d'Italia potrai successivamente scegliere le strutture turistiche d'eccellenza che ti proponiamo.

Primo Piano

Qui ti proporremo informazioni e curiosità riguardanti l'area che stai visitando.

Stampa questa pagina Segnala via e-mail

Condividi:
fb-like
g-plus

Montemarcello (Ameglia)

Descrizione

Si ipotizza che toponimo derivi dal console Claudio Marcello che sottomise i Liguri nel 180 a.C. Località turistica residenziale, Montemarcello è una frazione del comune di Ameglia, in provincia di La Spezia, situata in una splendida posizione sul colle che divide il golfo di La Spezia dalla Valle del Magra. Nei pressi dell'abitato, sulla vetta del monte Murlo, si trova l'orto botanico dove è visibile la flora e la fauna locale, oltre ad uno splendido panorama della valle del fiume Magra e delle Alpi Apuane. Presenta una struttura ortogonale con case in pietra a vista accanto ad altre intonacate con i colori tipici liguri e vie strette e ben tenute.
Nel tracciato urbanistico sono evidenti le origini romane. Fondamentale punto strategico, fu citato per la prima volta in un documento del 1286 e nel secolo successivo fu annesso alla provincia di Luni. Quando era ormai possedimento della Repubblica di Genova, nel 1485, vide una notevole espansione urbanistica ed assunse l'attuale struttura di borgo circondato da mura. Fu incendiato e devastato dai Fiorentini, eterni rivali di Genova nel 1487.

Da vedere:
La porta di ingresso al paese risalente al XV secolo.
La chiesa parrocchiale di San Pietro edificata nel 1474, ampliata tra il 1643 ed il 1683, quando assunse l'aspetto attuale. All'interno è conservata una scultura in marmo raffigurante Gesù Cristo ed i Santi Sebastiano e Rocco risalente al 1529, attribuita allo scultore francese Domenico Gar, un trittico ligneo del XIV secolo, raffigurante la Vergine del Rosario tra i Santi Pietro e Giovanni Battista, attribuito a Pietro da Talata, conosciuto come maestro di Borsigliana.

Mappa

La pagina web di questo paese è stata visitata 10.989 volte.

Scegli la lingua

italiano

english