Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

 

italiano

tu sei qui: Home Piemonte Torino e dintorni Nichelino

Strutture

Visita una località navigando tramite il menù a sinistra. In ogni zona d'Italia potrai successivamente scegliere le strutture turistiche d'eccellenza che ti proponiamo.

Primo Piano

Qui ti proporremo informazioni e curiosità riguardanti l'area che stai visitando.

Stampa questa pagina Segnala via e-mail

Condividi:
fb-like
g-plus

Nichelino

Descrizione

Il toponimo pare derivi dal latino "nihil locus" (terra del nulla), forse per il fatto che la zona fosse paludosa; un'altra corrente di pensiero, invece, sostiene che il toponimo deriverebbe dal nome di persona Nicola, il conte degli Occelli. E' un comune in provincia di Torino, situato a ridosso del capoluogo, in zona pianeggiante, è lambito dal torrente Sangone. Dal punto di vista demografico è il nono comune del Piemonte.
Le prime notizie storiche vogliono Nichelino feudo di Moncalieri fino al 1500. Sotto la giurisdizione dei Savoia, nel 1559 fu concesso alla famiglia degli Ussel, divenendo contea solo qualche anno dopo. Il territorio, a lungo conteso tra gli Occelli e gli Umoglio; alla fine del XVII secolo ebbe riconosciuta una individualità, fu dichiarato autonomo rispetto a Moncalieri ed assegnato al Conte Niccolò Manfredi Occelli. Nei primi anni dell'Ottocento Nichelino mandò in aiuto di Torino, occupata dalle truppe francesi, i propri uomini e, in segno di riconoscenza, ottenne dai Savoia nuove prerogative che si aggiunsero alle vecchie. Alla fine del XVIII secolo il paese, come del resto l'intera Regione, finì sotto il controllo dei Francesi. Nel 1814 tornò il re ed il centro si trasformò sulla spinta dei radicali mutamenti politici, sociali ed economici con un aumento esponenziale della popolazione che nel XX secolo, anche grazie ai flussi migratori provenienti dal Sud della penisola, fece in modo che si potesse registrare la presenza di residenti originari da tutte le zone d'Italia.

Da vedere:

La parrocchiale della Santissima Trinità presenta un bel portale e facciata suddivisa nettamente in due parti, quella superiore, interrotta da un finestrone ovale, è sormontata da un timpano. Il campaniletto, inglobato nella struttura, lateralmente e in posizione retrostante rispetto al corpo principale, sovrasta il timpano.
La Palazzina di caccia di Stupinigi, patrimonio dell'Umanità, fu fatta costruire dai Savoia su progetto di Juvarra come palazzina di caccia. Circondata da un ampio parco, oggi ospita il Museo dell'arredamento.
Palazzo Occelli, il castello di Nichelino, fu edificato su basi preesistenti nel 1565.
Teatro Superga.
Il parco Boschetto è una vasta area verde che insieme con il parco Sangone e il parco Colonnetti di Torino forma un'immensa estensione vasta circa 600.000 metri quadrati.

Mappa

La pagina web di questo paese è stata visitata 19.614 volte.

Scegli la lingua

italiano

english