Locali d'Autore

Abbiamo a cuore la tua privacy

Come indicato nella cookie policy, noi e alcuni partner selezionati facciamo uso di tecnologie, quali i cookie, per raccogliere ed elaborare dati personali dai dispositivi (ad esempio l'indirizzo IP, tracciamenti precisi dei dispositivi e della posizione geografica), al fine di garantire le funzionalità tecniche, mostrarti pubblicità personalizzata, misurarne la performance, analizzare le nostre audience e migliorare i nostri prodotti e servizi. Con il tuo consenso potremo fare uso di tali tecnologie per le finalità indicate. Puoi liberamente conferire, rifiutare o revocare il consenso a tutti o alcuni dei trattamenti facendo click sul pulsante "Preferenze". Puoi acconsentire all'uso delle tecnologie sopra menzionate facendo click su "Accetta" o rifiutarne l'uso facendo click su "Rifiuta".

RifiutaPersonalizzaAccetta

Locali d'Autore

Il rispetto della tua riservatezza è la nostra priorità

Noi e i nostri fornitori archiviamo informazioni su un dispositivo (e/o vi accediamo), quali cookie e trattiamo i dati personali, quali gli identificativi unici e informazioni generali inviate da un dispositivo per le finalità descritte sotto. Puoi fare clic per consentire a noi e ai nostri fornitori di trattarli per queste finalità. In alternativa puoi fare clic per negare il consenso o accedere a informazioni più dettagliate e modificare le tue preferenze prima di acconsentire. Le tue preferenze si applicheranno solo a questo sito web. Si rende noto che alcuni trattamenti dei dati personali possono non richiedere il tuo consenso, ma hai il diritto di opporti a tale trattamento. Puoi modificare le tue preferenze in qualsiasi momento ritornando su questo sito o consultando la nostra informativa sulla riservatezza.

Cookie strettamente necessari Questi cookie sono necessari per il funzionamento del sito e non possono essere disattivati ​​nei nostri sistemi. Di solito vengono impostati solo in risposta alle azioni da te effettuate che costituiscono una richiesta di servizi, come l'impostazione delle preferenze di privacy, l'accesso o la compilazione di moduli. È possibile impostare il browser per bloccare o avere avvisi riguardo questi cookie, ma di conseguenza alcune parti del sito non funzioneranno. Questi cookie non archiviano informazioni personali.

Cookie per pubblicità mirata Questi cookie possono essere impostati tramite il nostro sito dai nostri partner pubblicitari. Possono essere utilizzati da queste aziende per costruire un profilo dei tuoi interessi e mostrarti annunci pertinenti su altri siti. Non memorizzano direttamente informazioni personali, ma sono basati unicamente sull'individuazione del tuo browser e del tuo dispositivo internet. Se non si accettano questi cookie, riceverai una pubblicità meno mirata.

Rifiuta tuttoAccetta tuttoAccetta selezionati

 

italiano

tu sei qui: Home Piemonte Torino e dintorni Cavour

Strutture

Visita una località navigando tramite il menù a sinistra. In ogni zona d'Italia potrai successivamente scegliere le strutture turistiche d'eccellenza che ti proponiamo.

Primo Piano

Qui ti proporremo informazioni e curiosità riguardanti l'area che stai visitando.

Stampa questa pagina Segnala via e-mail

Condividi:
fb-like
g-plus

Cavour

Descrizione

Il toponimo deriva probabilmente da "Caburriates", antica tribù ligure-celtica che fu presente nella zona. E' un comune in provincia di Torino, il cui territorio è esteso per circa 50 Km quadrati intorno alla cosiddetta Rocca, la cima di una montagna sommersa dai detriti trasportati dalle acque fluviali nel corso dei secoli e dalla cui sommità, a 162 metri di altezza dalla pianura e 462 dal livello del mare, è possibile usufruire di un panorama unico sugli Appennini liguri, il Gran Paradiso ed il capoluogo regionale. Comprende, oltre all'abitato principale, una serie di frazioni, e si trova al confine tra la provincia di Torino e quella di Cuneo, non distante dalla sorgente del Po. Ha vocazione principalmente agricola, benchè siano attive industrie per la lavorazione delle carni, del granito e diverse attività artigianali.
Inizialmente vi si insediarono popolazioni celtiche-liguri, probabilmente attirate dalla montagna e dalla sorgente del fiume; i Romani vi giunsero nel I secolo a.C. lasciando numerose tracce della loro permanenza: frammenti di ceramiche, necropoli, lapidi, ecc. Il Forum Vibii-Caburrum raggiunse il massimo sviluppo sotto Augusto, seguendo le sorti dell'Impero. A partire dal 568 si susseguirono in zona i Longobardi, i Franchi ed i Saraceni, determinando distruzioni e riedificazioni dell'abitato. Cavour fu conteso tra i Savoia-Acaja ed i Marchesi di Saluzzo. Dominio degli Acaja, durante il XIV secolo, visse un periodo felice e di partecipazione democratica, rara per l'epoca. All'inizio del XV secolo il borgo si presentava cinto da mura e caratterizzato dalla presenza di due castelli sulla Rocca. Dopo l'estinzione del ramo degli Acaja, fu concesso in feudo dai Savoia a Ludovico di Racconigi. È qui che nel 1561 fu firmata la Pace di Cavour tra Savoia e Valdesi. Conquistato alla fine del XVI secolo dal Lesdiguieres, solo dopo tre anni abilmente fu ripreso dai Savoia. Dopo la morte di Vittorio Amedeo I, il paese fu conteso dai diversi rami della casa sabauda. Nel 1649 fu concesso in feudo ai Benso di Santena Ponticelli da cui discese il famoso Camillo Benso conte di Cavour; nel 1685 il paese subì nuovamente gli attacchi delle truppe francesi. Con il periodo napoleonico visse un altro periodo di decadenza.

Da vedere:
L'abbazia di Santa Maria, fondata nel 1037 sul luogo in cui si ergeva un preesistente edificio dell' VIII secolo, distrutta dai Francesi nel XVI secolo, fu ricostruita nel 1728 con dimensioni ridotte. Nella cripta è custodito l'altare più antico della Regione, ha tre navate separate da colonne ed abside semicircolare. L'ex monastero, ristrutturato recentemente, ospita il Museo Archeologico di Caburrum.
La Riserva Naturale Rocca di Cavour Parco del Po tratto cuneese è una piccola collina che insolitamente ed in maniera del tutto originale emerge al centro di una pianura. L'altura è coperta quasi completamente da boschi e da numerose specie di piante ed animali. È un habitat particolare tutelato come riserva naturale.
Il centro storico.

Mappa

La pagina web di questo paese è stata visitata 35.369 volte.

Scegli la lingua

italiano

english