Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

 

italiano

  • Relais Il Cannito Capaccio

    Relais Il Cannito Capaccio

    Ospitalità di Charme Camere e Colazione Capaccio B&B di Lusso Paestum Costa Cilentana Escursioni Costa d'Amalfi Salerno Campania...

  • Hotel America Marina di Camerota

    Hotel America Marina di Camerota

    Ospitalità di Qualità Albergo 4 Stelle Piscina Costiera Cilentana Salerno Parco del Cilento Campania Italia

  • Hotel Hermitage Costa Cilentana

    Hotel Hermitage Costa Cilentana

    Ospitalità di Qualità Albergo 4 Stelle Ristorante Piscina San Marco di Castellabate Costa Cilentana Salerno Campania Italia

  • Biroccio Country House Albanella

    Biroccio Country House Albanella

    Ospitalità di Qualità Casa Vacanze, Country House, Bed and Breakfast, Camera e Colazione, Agriturismo, Cilento Albanella Capaccio...

  • Le Cannicelle Villa Mediterranea

    Le Cannicelle Villa Mediterranea

    Ospitalità esclusiva nel Cilento, Villa con piscina panoramica e parcheggio privato, Villa vicino al mare, Vacanze di qualità...

tu sei qui: Home Piemonte Torino e dintorni Cambiano

Strutture

Visita una località navigando tramite il menù a sinistra. In ogni zona d'Italia potrai successivamente scegliere le strutture turistiche d'eccellenza che ti proponiamo.

Primo Piano

Qui ti proporremo informazioni e curiosità riguardanti l'area che stai visitando.

Stampa questa pagina Segnala via e-mail

Condividi:
fb-like
g-plus

Cambiano

Descrizione

Il toponimo con molta probabilità deriva dal nome celtico, successivamente latinizzato, "Cambius". E' un comune in provincia di Torino, situato ai piedi delle colline torinesi. Originariamente a vocazione agricola, raggiunto dalla linea ferroviaria e, di conseguenza meglio collegato con le zone limitrofe, ha trovato recentemente le condizioni ideali per aprirsi anche alle attività industriali. Sul territorio si sono sviluppate manifatture prevalentemente tessili e si è registrato un progressivo incremento della popolazione. Ospita il Centro studi e ricerche di Pininfarina.
Il borgo ha origini romane, come testimonia il ritrovamento di resti di una villa del III secolo d.C.; non si esclude, tuttavia, l'eventualità che la zona fosse stata popolata già in epoche più remote dai Celti. Il paese fu citato per la prima volta in un documento dell'anno 959. Appartenuto ad Ugo di Levaldigi, fu venduto a Bernardo di Masio per poi divenire proprietà del Monastero di San Silvestro di Nonantola, in provincia di Modena. Nel 1034 passò ai Conti di Briandate. Durante il Medioevo Cambiano condivise le sorti del vicino Chieri, al quale nel 1248 si sottomise per ottenerne in cambio protezione. Il borgo subì più volte attacchi e conseguenti danni durante il XIV secolo. Nel 1347 si sottomise ai Savoia e fu nuovamente oggetto di assalti e devastazioni durante la guerra tra i Savoia-Acaia ed il Marchese del Monferrato. Nel XV secolo il ramo dei Savoia-Acaia si estinse ed il paese divenne parte del nuovo stato sabaudo. Nel XVII secolo fu concesso in feudo alla famiglia piacentina Scotti per divenire poco dopo dominio dei Borgarelli di Chieri. Nella prima metà del XVII secolo il paese fu nuovamente saccheggiato, questa volta dalle truppe francesi, durante la guerra civile che coinvolse i Savoia. Nel 1691 fu ceduto al Marchese di San Tommaso che a sua volta lo cedette alla Contessa Tana; da quest'ultima fu concesso alla famiglia San Martino-Provana. Nel XVIII secolo fu acquistato dalla famiglia Turinetti ed infine, dopo essere stato annesso all'Impero napoleonico, nel 1815 tornò ai Savoia.

Da vedere:

La parrocchia dei Santi Vincenzo e Anastasio, distrutta durante un saccheggio nel XVII secolo, fu ricostruita poco tempo dopo. Nel Settecento fu rimaneggiata la facciata su progetto dell'architetto Vittone. Il campanile risale al 1883 e fu costruito utilizzando materiali provenienti dalla vecchia torre campanaria.
La torre campanaria di origine medievale è l'unica superstite delle due torri gemelle che costituivano la porta di accesso alla città. Un tempo presidiata da sentinelle, costituiva un passaggio obbligato per accedere alla zona destinata agli scambi e al commercio.
Il castello dei Mosi ed il castello dei Mosetti, edifici risalenti al XII secolo, non molto distanti tra loro, situati nel centro storico del paese.

Mappa

La pagina web di questo paese è stata visitata 18.708 volte.

Scegli la lingua

italiano

english