Locali d'Autore

Abbiamo a cuore la tua privacy

Come indicato nella cookie policy, noi e alcuni partner selezionati facciamo uso di tecnologie, quali i cookie, per raccogliere ed elaborare dati personali dai dispositivi (ad esempio l'indirizzo IP, tracciamenti precisi dei dispositivi e della posizione geografica), al fine di garantire le funzionalità tecniche, mostrarti pubblicità personalizzata, misurarne la performance, analizzare le nostre audience e migliorare i nostri prodotti e servizi. Con il tuo consenso potremo fare uso di tali tecnologie per le finalità indicate. Puoi liberamente conferire, rifiutare o revocare il consenso a tutti o alcuni dei trattamenti facendo click sul pulsante "Preferenze". Puoi acconsentire all'uso delle tecnologie sopra menzionate facendo click su "Accetta" o rifiutarne l'uso facendo click su "Rifiuta".

RifiutaPersonalizzaAccetta

Locali d'Autore

Il rispetto della tua riservatezza è la nostra priorità

Noi e i nostri fornitori archiviamo informazioni su un dispositivo (e/o vi accediamo), quali cookie e trattiamo i dati personali, quali gli identificativi unici e informazioni generali inviate da un dispositivo per le finalità descritte sotto. Puoi fare clic per consentire a noi e ai nostri fornitori di trattarli per queste finalità. In alternativa puoi fare clic per negare il consenso o accedere a informazioni più dettagliate e modificare le tue preferenze prima di acconsentire. Le tue preferenze si applicheranno solo a questo sito web. Si rende noto che alcuni trattamenti dei dati personali possono non richiedere il tuo consenso, ma hai il diritto di opporti a tale trattamento. Puoi modificare le tue preferenze in qualsiasi momento ritornando su questo sito o consultando la nostra informativa sulla riservatezza.

Cookie strettamente necessari Questi cookie sono necessari per il funzionamento del sito e non possono essere disattivati ​​nei nostri sistemi. Di solito vengono impostati solo in risposta alle azioni da te effettuate che costituiscono una richiesta di servizi, come l'impostazione delle preferenze di privacy, l'accesso o la compilazione di moduli. È possibile impostare il browser per bloccare o avere avvisi riguardo questi cookie, ma di conseguenza alcune parti del sito non funzioneranno. Questi cookie non archiviano informazioni personali.

Cookie per pubblicità mirata Questi cookie possono essere impostati tramite il nostro sito dai nostri partner pubblicitari. Possono essere utilizzati da queste aziende per costruire un profilo dei tuoi interessi e mostrarti annunci pertinenti su altri siti. Non memorizzano direttamente informazioni personali, ma sono basati unicamente sull'individuazione del tuo browser e del tuo dispositivo internet. Se non si accettano questi cookie, riceverai una pubblicità meno mirata.

Rifiuta tuttoAccetta tuttoAccetta selezionati

 

italiano

tu sei qui: Home Piemonte Canavese Lanzo Torinese

Strutture

Visita una località navigando tramite il menù a sinistra. In ogni zona d'Italia potrai successivamente scegliere le strutture turistiche d'eccellenza che ti proponiamo.

Primo Piano

Qui ti proporremo informazioni e curiosità riguardanti l'area che stai visitando.

Stampa questa pagina Segnala via e-mail

Condividi:
fb-like
g-plus

Lanzo Torinese

Descrizione

Il toponimo deriva dall'antroponimo germanico "Lanzo". E' un comune in provincia di Torino, situato all'imbocco delle Valli di Lanzo, il cui territorio è attraversato dai torrenti Tesso e Uppia e dal fiume Stura. Originariamente a vocazione agricola, oggi è dedito al turismo. Fu un medico originario di Lanzo, coadiuvato da un panettiere, ad inventare nella seconda metà del XVII secolo un pane denominato "ghersin", oggi noto come grissino.
Fu feudo del Vescovo di Torino, dei Savoia e del Monferrato. Agli inizi del XIV secolo, epoca in cui Lanzo era sotto il dominio di Margherita di Savoia, divenne una castellania e gli abitanti del borgo ottennero tutta una serie di privilegi. Nel XVI secolo le truppe francesi assediarono ed espugnarono il paese distruggendo il castello. Con la Pace di Cateau-Cambrèsis i Savoia riacquisirono il possesso del territorio che divenne Marchesato con nozze della figlia di Emanuele Filiberto con Filippo d'Este. Purtroppo però in questo periodo Lanzo perse molti dei privilegi acquisiti in passato. Nel XVIII secolo il feudo fu venduto al Conte Cacherano Osasco della Rocca e poi, per la mancanza di eredi di questo, tornò al re. Successivamente passò agli Austriaci e dopo la battaglia di Marengo ai Francesi.

Da vedere:

La parrocchiale di San Pietro in Vincoli, originariamente situata nei pressi del castello, e risalente all'XI secolo, fu fatta abbattere nella prima metà del XVI secolo da Giangiacomo Medici per rendere più facilmente difendibile il castello. L'edificio attuale, risalente al XVI secolo, fu ampliato in seguito e dotato di campanile. All'interno della chiesa, affrescata dal Guglielmino, un gruppo ligneo risalente al Seicento raffigurante San Pietro.
La chiesa di Santa Croce in origine si trovava poco fuori le mura del borgo e risaliva al Duecento. L'edificio attuale fu fatto costruire dalla Confraternita dei Disciplinati con la funzione di ospedale per i pellegrini diretti a Santiago di Compostela. Nel 1776 fu aggiunto il campanile. L'edificio presenta fregi e portale in stile gotico. Conserva preziosi dipinti ed un Crocifisso settecentesco
Il santuario della Madonna di Loreto edificato in appena tre mesi nel 1618 dai cittadini di Lanzo.
Il santuario di Sant'Ignazio.
L'eremo dei Camaldolesi.
Il Ponte del Diavolo sul fiume Stura fu edificato nel 1378 con i proventi derivanti da una tassa sul vino per collegare Lanzo a Torino evitando l'attraversamento di territori limitrofi appartenenti a feudatari ostili ai Savoia. Vi fu costruita sopra una porta che serviva a preservare il centro in caso di epidemie.
La Torre Civica di Aymone di Challant, dal nome del suo costruttore, porta di accesso al borgo, unica testimonianza dell'antico ricetto distrutto dai Francesi a metà del Cinquecento. L'edificio, alto più di venti metri e dotato di merlatura e cornice ad archetti, un tempo era fornito di ponte levatoio di cui sono ancora presenti i cardini. Fu coperto da un tetto nell'Ottocento.
Il Museo dell'Utensileria.

Mappa

La pagina web di questo paese è stata visitata 17.426 volte.

Scegli la lingua

italiano

english