Locali d'Autore

Abbiamo a cuore la tua privacy

Come indicato nella cookie policy, noi e alcuni partner selezionati facciamo uso di tecnologie, quali i cookie, per raccogliere ed elaborare dati personali dai dispositivi (ad esempio l'indirizzo IP, tracciamenti precisi dei dispositivi e della posizione geografica), al fine di garantire le funzionalità tecniche, mostrarti pubblicità personalizzata, misurarne la performance, analizzare le nostre audience e migliorare i nostri prodotti e servizi. Con il tuo consenso potremo fare uso di tali tecnologie per le finalità indicate. Puoi liberamente conferire, rifiutare o revocare il consenso a tutti o alcuni dei trattamenti facendo click sul pulsante "Preferenze". Puoi acconsentire all'uso delle tecnologie sopra menzionate facendo click su "Accetta" o rifiutarne l'uso facendo click su "Rifiuta".

RifiutaPersonalizzaAccetta

Locali d'Autore

Il rispetto della tua riservatezza è la nostra priorità

Noi e i nostri fornitori archiviamo informazioni su un dispositivo (e/o vi accediamo), quali cookie e trattiamo i dati personali, quali gli identificativi unici e informazioni generali inviate da un dispositivo per le finalità descritte sotto. Puoi fare clic per consentire a noi e ai nostri fornitori di trattarli per queste finalità. In alternativa puoi fare clic per negare il consenso o accedere a informazioni più dettagliate e modificare le tue preferenze prima di acconsentire. Le tue preferenze si applicheranno solo a questo sito web. Si rende noto che alcuni trattamenti dei dati personali possono non richiedere il tuo consenso, ma hai il diritto di opporti a tale trattamento. Puoi modificare le tue preferenze in qualsiasi momento ritornando su questo sito o consultando la nostra informativa sulla riservatezza.

Cookie strettamente necessari Questi cookie sono necessari per il funzionamento del sito e non possono essere disattivati ​​nei nostri sistemi. Di solito vengono impostati solo in risposta alle azioni da te effettuate che costituiscono una richiesta di servizi, come l'impostazione delle preferenze di privacy, l'accesso o la compilazione di moduli. È possibile impostare il browser per bloccare o avere avvisi riguardo questi cookie, ma di conseguenza alcune parti del sito non funzioneranno. Questi cookie non archiviano informazioni personali.

Cookie per pubblicità mirata Questi cookie possono essere impostati tramite il nostro sito dai nostri partner pubblicitari. Possono essere utilizzati da queste aziende per costruire un profilo dei tuoi interessi e mostrarti annunci pertinenti su altri siti. Non memorizzano direttamente informazioni personali, ma sono basati unicamente sull'individuazione del tuo browser e del tuo dispositivo internet. Se non si accettano questi cookie, riceverai una pubblicità meno mirata.

Rifiuta tuttoAccetta tuttoAccetta selezionati

 

italiano

tu sei qui: Home Molise Entroterra Molisano Campobasso

Strutture

I più visitati in Campobasso

  • Cantine D'Uva Vini Molise

    L'Azienda Agricola D'Uva, ha la sua sede nel cuore dell'antica Frentania, a Larino città d'arte romana e medioevale, gioiello e simbolo della regione Molise. L'azienda sorge nell'immediato entroterra della regione, alla confluenza di bracci minori di...

Stampa questa pagina Segnala via e-mail

Condividi:
fb-like
g-plus

Campobasso

Descrizione

Quarto capoluogo più alto d'Italia, dopo Enna, Potenza e L'Aquila, Campobasso nacque come insediamento sannita, successivamente passato sotto il controllo romano. Il toponimo compare per la prima volta, nella forma "Campibassi", in un documento del IX secolo e pare derivi dalla particolare posizione della città (campus detto bassus in rapporto ad una località più elevata: etimologia che corrisponde alla posizione dell'abitato rispetto al castello che domina).
Campobasso iniziò ad avere importanza nel periodo longobardo. Sotto i Normanni divenne capitale della contea: il conte Ugo II di Molise vi stabilì la sua dimora. Nel Cinquecento passò ai Gonzaga che la tennero in feudo fino al 1638, quando fu venduta ad Ottavio Vitagliano che l'anno successivo la cedette a Giambattista Carafa, ai cui discendenti rimase fino al 1742 quando si riscattò versando oltre 100.000 ducati.
Domina la città di Campobasso il Castello Monforte, monumento nazionale realizzato nel 1459 su una preesistente struttura di origine longobarda o normanna. L'edificio rientra in un sistema più complesso di mura e torri, che lo stesso Cola Monforte rinforzò ed ampliò lungo le pendici del monte, fino ad inglobare, con una seconda cerchia, il centro abitato che si sviluppa a sud-est
La Cattedrale della Santissima Trinità, costruita nel 1504 e più volte rimaneggiata, è la chiesa più rappresentativa della città di Campobasso. La facciata è in tipico stile neoclassico con pronao e frontone triangolare; l'interno è diviso in tre ampie navate con due grandi cappelle laterali ed un elegante baldacchino sostenuto da colonne corinzie sovrastante l'altare maggiore.
La Chiesa di San Bartolomeo (XIII secolo) è situata nella parte alta delle pendici del colle Monforte. La facciata, di grossi conci squadrati, ha come elemento particolarmente significativo il portale ornato di portico con colonne fra due arcate cieche ed un Cristo benedicente nella lunetta che sormonta il portale.
Come la vicina Chiesa di San Bartolomeo, posta leggermente più a valle, la Chiesa di San Giorgio si trova nella parte alta della città; in stile romanico a pietra viva, è divisa in tre navate con bel portale preceduto da quattro gradini ed una lunetta realizzata con un blocco monolitico raffigurante l'agnello crucifero con foglie e tralci intrecciati.
La Chiesa di Sant'Antonio Abate sorge nell'omonimo quartiere di Campobasso, al di fuori della seconda cerchia di mura che Cola di Monforte, nel 1458. Realizzata nel XVI secolo, l'interno, semplice dal punto di vista architettonico, conserva una molteplicità di opere d'arte di particolare rilevanza: dagli affreschi, di poco noti artisti di scuola napoletana, che si susseguono nella parte alta delle pareti, alla serie degli altari nei quali confluiscono la perizia degli artigiani locali nella carpenteria lignea.
Menzioniamo, ancora, Il Convitto Nazionale Mario Pagano (1879), l'edificio della Banca d'Italia (1925), Palazzo San Giorgio (1874), la settecentesca Villa De Capua ed il Teatro Savoia, realizzato negli anni Venti del 1900.

Mappa

La pagina web di questo paese è stata visitata 48.159 volte.

Scegli la lingua

italiano

english