Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

 

italiano

tu sei qui: Home Molise Entroterra Molisano Roccamandolfi

Strutture

Visita una località navigando tramite il menù a sinistra. In ogni zona d'Italia potrai successivamente scegliere le strutture turistiche d'eccellenza che ti proponiamo.

Stampa questa pagina Segnala via e-mail

Condividi:
fb-like
g-plus

Roccamandolfi

Descrizione

Il toponimo è di origini longobarde e fa riferimento a Maginulfo, membro della famiglia reale e Castaldo di Aquino. Comune in provincia di Isernia, situato ai confini con il territorio di Caserta e di Campobasso, alle pendici del massiccio del Matese, Roccamandolfi è un punto di partenza ideale per effettuare escursioni sui monti circostanti. L'abitato con il colore chiaro delle sue abitazioni si distingue in modo netto nel verde circostante creando un angolo pittoresco di paesaggio. Del territorio comunale fa parte, con i suoi 2050 metri, il monte più alto del Matese.
Di origini medievali, probabilmente fu fondato nei primi secoli del XII secolo, epoca in cui giunsero dalla Germania i Mandolfus che ivi edificarono una fortezza. Roccamandolfi fu sottoposto ai Longobardi e in quel periodo fece parte della Contea di Bojano; successivamente fu sotto i Normanni e fu concesso da Carlo d'Angiò a Tommaso d'Evoli e a Berengario di Tarascona. Nel corso della sua storia numerosi furono i feudatari che lo governarono: nel XIII secolo divenne feudo dei Roccafoglia, nel XV dei Gaetani, poi dei Cennamo, successivamente dei Perez. Venduto al Barone Rizzo, nel XVI secolo fu acquistato dai Conti di Trivento, infine fu dei Pignatelli che lo conservarono fino all'Ottocento, epoca in cui il feudalesimo ebbe termine.

Da vedere:
La chiesa di San Giacomo Maggiore è un edificio barocco ad una sola navata, presenta nella cappella di San Gaetano un pregevole altare di epoca settecentesca, opera del Massotti, e cornici coeve, nonchè una scultura lignea settecentesca.
La chiesetta di San Sebastiano.
Il santuario di San Liberato.
La chiesa dei Santi Martiri.
Il castello, situato a pochi chilometri dal paese, su un monte, in posizione dominante l'abitato, è purtroppo in pessimo stato di conservazione. Presenta una pianta semplice con torri circolari e semicircolari. Non esistono dati sicuri sulla precisa data di costruzione, senza dubbio l'edificio era esistente già nel XII secolo. Fu smantellato per ordine dell'imperatore Federico II nel 1223.
La croce viaria in pietra di epoca trecentesca. Situata al centro del paese, è inserita in una cornice circolare e presenta particolari che la rendono estremamente originale.

Mappa

La pagina web di questo paese è stata visitata 25.194 volte.

Scegli la lingua

italiano

english