Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

 

italiano

tu sei qui: Home Molise Entroterra Molisano Bojano

Strutture

Visita una località navigando tramite il menù a sinistra. In ogni zona d'Italia potrai successivamente scegliere le strutture turistiche d'eccellenza che ti proponiamo.

Stampa questa pagina Segnala via e-mail

Condividi:
fb-like
g-plus

Bojano

Descrizione

Il toponimo rimanda al latino "bos, bovis" (bove), da cui Bovianum. Comune in provincia di Campobasso, situato a ridosso del Monte Crocella, alla destra del Biferno ed ai confini con la Campania, è un ottimo punto di partenza per raggiungere il Matese, uno dei più grandi massicci del Centro-Sud. Nel territorio comunale sono comprese numerosissime frazioni, alcune molto popolose, sorgenti, corsi d'acqua, laghi artificiali ove praticare la pesca sportiva e boschi.
La regione fu abitata sin dal Paleolitico; l'originaria popolazione degli Osci si mescolò, nel corso dei secoli, con genti italiche. Fu la capitale dei Pentri, tribù sannita, e fu coinvolta nelle guerre dei Sanniti contro i Romani che videro la vittoria di questi ultimi. Municipio romano, fu assediato e vinto da Silla durante la Guerra Sociale del I secolo a.C.. Il primo nucleo urbano si venne a creare grazie al fenomeno dell'incastellamento provocato dagli attacchi e dalle scorribande dei Saraceni, in seguito al declino dell'Impero di Roma. Gli abitanti della zona furono costretti a trasferirsi in un luogo in cui fosse possibile la difesa e migliore il controllo del territorio. Si venne a creare una città fortificata dotata di porte di accesso. La presenza di corsi d'acqua e di sorgenti, nonchè la vicinanza di un antico tratturo che collegava Bojano con Pescasseroli, ha favorito lo sviluppo economico.
Da vedere:
La cattedrale dedicata a San Bartolomeo, risalente all'XI secolo, fu più volte ricostruita, come un occhio attento può notare osservando il vecchio portale dell'ingresso che ora è murato. Presenta dipinti del Gioia ed affreschi.
La chiesa dei SS. Erasmo e Martino presenta un portale ogivale e tre monofore. L'eremo di Sant'Egidio risalente al IX secolo.
La chiesa di Santa Maria dei Rivoli.
La chiesa di Santa Maria del Parco.
La chiesa di San Michele.
La chiesa di San Biagio.
I resti delle fortificazioni risalenti alla dominazione sannitica situate sul Monte Crocella.
I resti delle fortificazioni medievali ed i ruderi del castello normanno a Civita.
Il Museo Civico.

Mappa

La pagina web di questo paese è stata visitata 25.211 volte.

Scegli la lingua

italiano

english