Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

 

italiano

tu sei qui: Home Veneto Padova - Colli Euganei Rovolon

Strutture

Visita una località navigando tramite il menù a sinistra. In ogni zona d'Italia potrai successivamente scegliere le strutture turistiche d'eccellenza che ti proponiamo.

Primo Piano

Qui ti proporremo informazioni e curiosità riguardanti l'area che stai visitando.

Stampa questa pagina Segnala via e-mail

Condividi:
fb-like
g-plus

Rovolon

Descrizione

Tra le ipotesi più accreditate sull'origine del toponimo, menzioniamo quella che lo vuole derivante dal termine latino "robus" (rovo).
Comune in provincia di Padova, situato in parte sul Monte della Madonna ed in parte in pianura, ai confini con il territorio vicentino, grazie alla sua posizione privilegiata, si può ammirare uno splendido panorama che si estende dai Colli Berici fino alle Prealpi. Di rilievo il parco di Frassanelle con percorso da golf.
I primi abitanti della zona furono molto probabilmente gli Euganei, raggiunti, tempo dopo, dai Greci; seguirono i Veneti che si fusero con le popolazioni locali. I Romani colonizzarono la zona ed edificarono un reticolo di strade che consentirono loro il controllo della Pianura Padana. Visse un periodo di decadenza in concomitanza con la fine dell'Impero romano e le successive invasioni barbariche.
Nel XIII secolo i Padovani edificarono un castello per proteggere i loro confini dagli attacchi dei nemici Vicentini. L'edificio fu distrutto dai Della Scala in epoca successiva. Rovolon fu sotto la giuridizione dei Vescovi di Padova che lo donò ai monaci di Santa Giustina intorno all'anno Mille: questi resero fertili le terre ed introdussero nuove coltivazioni. Condivise le vicende che interessarono la regione con il dominio veneziano, quello napoleonico, quello asburgico.

Da vedere:

La chiesa di San Pietro a Carbonara, risalente all'XI secolo, ha forme classiche. La facciata è scandita da due coppie di colonne poggianti su grandi basi a forma di parallelepipedo e timpano su cui sono collocate tre statue. Il campanile, posto a poca distanza, poggia su un tronco di piramide, è sormontato da un tamburo e da una cuspide.
La chiesa di San Giorgio, citata sin dal 1077, ma di epoca di molto precedente, conserva nell'abside affreschi del XV secolo.
La chiesa dell'Immacolata Concezione.
Il santuario del Monte Madonna.
La chiesa di Bastia.
Villa Papafava a Bastia dei primi dell'Ottocento è circondata da un bosco.
Villa Barbarigo a Bastia del XVII secolo con loggiato cinquecentesco.
Villa Priuli un elegante edificio della fine del XVII secolo.
Villa Ottavia del Quattrocento.
Palazzo Lion del XVII secolo.
La Colombara el XV secolo.
Villa Barbaro a Bastia.
Villa Da Rio-Soranzo.

Mappa

La pagina web di questo paese è stata visitata 15.660 volte.

Scegli la lingua

italiano

english