Locali d'Autore

Abbiamo a cuore la tua privacy

Come indicato nella cookie policy, noi e alcuni partner selezionati facciamo uso di tecnologie, quali i cookie, per raccogliere ed elaborare dati personali dai dispositivi (ad esempio l'indirizzo IP, tracciamenti precisi dei dispositivi e della posizione geografica), al fine di garantire le funzionalità tecniche, mostrarti pubblicità personalizzata, misurarne la performance, analizzare le nostre audience e migliorare i nostri prodotti e servizi. Con il tuo consenso potremo fare uso di tali tecnologie per le finalità indicate. Puoi liberamente conferire, rifiutare o revocare il consenso a tutti o alcuni dei trattamenti facendo click sul pulsante "Preferenze". Puoi acconsentire all'uso delle tecnologie sopra menzionate facendo click su "Accetta" o rifiutarne l'uso facendo click su "Rifiuta".

RifiutaPersonalizzaAccetta

Locali d'Autore

Il rispetto della tua riservatezza è la nostra priorità

Noi e i nostri fornitori archiviamo informazioni su un dispositivo (e/o vi accediamo), quali cookie e trattiamo i dati personali, quali gli identificativi unici e informazioni generali inviate da un dispositivo per le finalità descritte sotto. Puoi fare clic per consentire a noi e ai nostri fornitori di trattarli per queste finalità. In alternativa puoi fare clic per negare il consenso o accedere a informazioni più dettagliate e modificare le tue preferenze prima di acconsentire. Le tue preferenze si applicheranno solo a questo sito web. Si rende noto che alcuni trattamenti dei dati personali possono non richiedere il tuo consenso, ma hai il diritto di opporti a tale trattamento. Puoi modificare le tue preferenze in qualsiasi momento ritornando su questo sito o consultando la nostra informativa sulla riservatezza.

Cookie strettamente necessari Questi cookie sono necessari per il funzionamento del sito e non possono essere disattivati ​​nei nostri sistemi. Di solito vengono impostati solo in risposta alle azioni da te effettuate che costituiscono una richiesta di servizi, come l'impostazione delle preferenze di privacy, l'accesso o la compilazione di moduli. È possibile impostare il browser per bloccare o avere avvisi riguardo questi cookie, ma di conseguenza alcune parti del sito non funzioneranno. Questi cookie non archiviano informazioni personali.

Cookie per pubblicità mirata Questi cookie possono essere impostati tramite il nostro sito dai nostri partner pubblicitari. Possono essere utilizzati da queste aziende per costruire un profilo dei tuoi interessi e mostrarti annunci pertinenti su altri siti. Non memorizzano direttamente informazioni personali, ma sono basati unicamente sull'individuazione del tuo browser e del tuo dispositivo internet. Se non si accettano questi cookie, riceverai una pubblicità meno mirata.

Rifiuta tuttoAccetta tuttoAccetta selezionati

 

italiano

tu sei qui: Home Veneto Padova - Colli Euganei Rovolon

Strutture

Visita una località navigando tramite il menù a sinistra. In ogni zona d'Italia potrai successivamente scegliere le strutture turistiche d'eccellenza che ti proponiamo.

Primo Piano

Qui ti proporremo informazioni e curiosità riguardanti l'area che stai visitando.

Stampa questa pagina Segnala via e-mail

Condividi:
fb-like
g-plus

Rovolon

Descrizione

Tra le ipotesi più accreditate sull'origine del toponimo, menzioniamo quella che lo vuole derivante dal termine latino "robus" (rovo).
Comune in provincia di Padova, situato in parte sul Monte della Madonna ed in parte in pianura, ai confini con il territorio vicentino, grazie alla sua posizione privilegiata, si può ammirare uno splendido panorama che si estende dai Colli Berici fino alle Prealpi. Di rilievo il parco di Frassanelle con percorso da golf.
I primi abitanti della zona furono molto probabilmente gli Euganei, raggiunti, tempo dopo, dai Greci; seguirono i Veneti che si fusero con le popolazioni locali. I Romani colonizzarono la zona ed edificarono un reticolo di strade che consentirono loro il controllo della Pianura Padana. Visse un periodo di decadenza in concomitanza con la fine dell'Impero romano e le successive invasioni barbariche.
Nel XIII secolo i Padovani edificarono un castello per proteggere i loro confini dagli attacchi dei nemici Vicentini. L'edificio fu distrutto dai Della Scala in epoca successiva. Rovolon fu sotto la giuridizione dei Vescovi di Padova che lo donò ai monaci di Santa Giustina intorno all'anno Mille: questi resero fertili le terre ed introdussero nuove coltivazioni. Condivise le vicende che interessarono la regione con il dominio veneziano, quello napoleonico, quello asburgico.

Da vedere:

La chiesa di San Pietro a Carbonara, risalente all'XI secolo, ha forme classiche. La facciata è scandita da due coppie di colonne poggianti su grandi basi a forma di parallelepipedo e timpano su cui sono collocate tre statue. Il campanile, posto a poca distanza, poggia su un tronco di piramide, è sormontato da un tamburo e da una cuspide.
La chiesa di San Giorgio, citata sin dal 1077, ma di epoca di molto precedente, conserva nell'abside affreschi del XV secolo.
La chiesa dell'Immacolata Concezione.
Il santuario del Monte Madonna.
La chiesa di Bastia.
Villa Papafava a Bastia dei primi dell'Ottocento è circondata da un bosco.
Villa Barbarigo a Bastia del XVII secolo con loggiato cinquecentesco.
Villa Priuli un elegante edificio della fine del XVII secolo.
Villa Ottavia del Quattrocento.
Palazzo Lion del XVII secolo.
La Colombara el XV secolo.
Villa Barbaro a Bastia.
Villa Da Rio-Soranzo.

Mappa

La pagina web di questo paese è stata visitata 18.793 volte.

Scegli la lingua

italiano

english