Locali d'Autore

Abbiamo a cuore la tua privacy

Come indicato nella cookie policy, noi e alcuni partner selezionati facciamo uso di tecnologie, quali i cookie, per raccogliere ed elaborare dati personali dai dispositivi (ad esempio l'indirizzo IP, tracciamenti precisi dei dispositivi e della posizione geografica), al fine di garantire le funzionalità tecniche, mostrarti pubblicità personalizzata, misurarne la performance, analizzare le nostre audience e migliorare i nostri prodotti e servizi. Con il tuo consenso potremo fare uso di tali tecnologie per le finalità indicate. Puoi liberamente conferire, rifiutare o revocare il consenso a tutti o alcuni dei trattamenti facendo click sul pulsante "Preferenze". Puoi acconsentire all'uso delle tecnologie sopra menzionate facendo click su "Accetta" o rifiutarne l'uso facendo click su "Rifiuta".

RifiutaPersonalizzaAccetta

Locali d'Autore

Il rispetto della tua riservatezza è la nostra priorità

Noi e i nostri fornitori archiviamo informazioni su un dispositivo (e/o vi accediamo), quali cookie e trattiamo i dati personali, quali gli identificativi unici e informazioni generali inviate da un dispositivo per le finalità descritte sotto. Puoi fare clic per consentire a noi e ai nostri fornitori di trattarli per queste finalità. In alternativa puoi fare clic per negare il consenso o accedere a informazioni più dettagliate e modificare le tue preferenze prima di acconsentire. Le tue preferenze si applicheranno solo a questo sito web. Si rende noto che alcuni trattamenti dei dati personali possono non richiedere il tuo consenso, ma hai il diritto di opporti a tale trattamento. Puoi modificare le tue preferenze in qualsiasi momento ritornando su questo sito o consultando la nostra informativa sulla riservatezza.

Cookie strettamente necessari Questi cookie sono necessari per il funzionamento del sito e non possono essere disattivati ​​nei nostri sistemi. Di solito vengono impostati solo in risposta alle azioni da te effettuate che costituiscono una richiesta di servizi, come l'impostazione delle preferenze di privacy, l'accesso o la compilazione di moduli. È possibile impostare il browser per bloccare o avere avvisi riguardo questi cookie, ma di conseguenza alcune parti del sito non funzioneranno. Questi cookie non archiviano informazioni personali.

Cookie per pubblicità mirata Questi cookie possono essere impostati tramite il nostro sito dai nostri partner pubblicitari. Possono essere utilizzati da queste aziende per costruire un profilo dei tuoi interessi e mostrarti annunci pertinenti su altri siti. Non memorizzano direttamente informazioni personali, ma sono basati unicamente sull'individuazione del tuo browser e del tuo dispositivo internet. Se non si accettano questi cookie, riceverai una pubblicità meno mirata.

Rifiuta tuttoAccetta tuttoAccetta selezionati

 

italiano

tu sei qui: Home Veneto Padova - Colli Euganei Cittadella

Strutture

Primo Piano

Qui ti proporremo informazioni e curiosità riguardanti l'area che stai visitando.

I più visitati in Cittadella

  • Hotel Filanda Veneto

    L'Hotel Filanda e' un modernissimo recupero di archeologia industriale, i suoi spazi e le sue prospettive derivano dalle prestigiose strutture di un opificio ottocentesco. Inaugurato nel 1994 offre alla clientela un servizio di standard elevato in ambienti...

Stampa questa pagina Segnala via e-mail

Condividi:
fb-like
g-plus

Cittadella

Descrizione

Il toponimo rimanda alla funzione di città militare, svolta in passato dal paese. Comune in provincia di Padova, posto tra i fiumi Brenta e Musone, è caratterizzato da una forma estremamente originale, racchiuso in un anello di mura che si sviluppa per 1460 metri, interrotto da torri e da quattro porte di accesso, circondato a sua volta da un fossato e da un filare di alberi. Al suo interno le strade si sviluppano lungo due assi perpendicolari, secondo la tradizione del castrum di concezione latina.
L'abitato fu fondato, nel 1220, dalla città di Padova su progetto dell'ingegnere militare Da Cartura. Quest'ultimo disegnò una cinta dalla forma innovativa: un poligono irregolarmente ellittico, discostandosi dall'uso dell'epoca che voleva le città fortificate di forma rettangolare o quadrata. Fu scelta strategicamente la zona compresa tra i due fiumi come avamposto per contrastare la rivale città di Treviso che, meno antica e meno potente, circa vent'anni prima, aveva fondato con identico scopo il centro di Castelfranco Veneto. Padova concesse a Cittadella statuti propri ed autonomia di governo, nonché la giurisdizione su un vasto territorio. Nel XIII secolo fu sotto il dominio di Ezzelino da Romano, passando ai Carraresi, prima, ed ai Della Scala, poi. Tornato nuovamente ai Carrarresi, fu conquistato da Venezia nel XV secolo, trasformandosi da presidio militare a centro a valenza commerciale.

Da vedere:

Il Duomo, edificato tra il Settecento e l'Ottocento su progetto degli architetti Cerato, Barera e Berotti, presenta una sola navata e sei altari arricchiti dalle opere realizzate da importanti artisti, tra cui "La Cena di Emmaus", realizzata da Jacopo da Ponte nel Cinquecento, una tavola del Bastiani, una tela di Palma il Giovane. La facciata in stile neoclassico è stata terminata nel 1913.
La pieve di San Donato, situata fuori dalle mura e risalente al IX-X secolo, presenta un aspetto molto semplice ed è composta da tre navate decorate da affreschi e separate da archi. Ha rappresentato per molti secoli il principale centro religioso.
La chiesa del Torresino, così chiamata perchè addossata alla torre nei pressi di Porta Padova, fu costruita nel XIII secolo su un preesistente edificio.
L'antica parrocchiale dei Santi Prosdocimo e Donato, costruita nel XIII secolo e rifatta nel XIV.
Il convento di San Francesco costruito alla fine del XV secolo.
La Torre di Malta, situata accanto a Porta Padova, fu fatta costruire nel 1251 da Ezzelino da Romano e fu adibita a prigione per i nobili padovani.
La cinta muraria conservata quasi perfettamente e le quattro porte fortificate, tra cui porta Padova e Bassano.
Il Teatro Sociale, edificato nel XIX secolo da Giacomo Bauto, ha facciata neoclassica del Jappelli.
Il Palazzo del Podestà, risalente al XIV secolo, in forme gotiche.
Palazzo Mantegna.

Mappa

La pagina web di questo paese è stata visitata 24.858 volte.

Scegli la lingua

italiano

english