Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

 

italiano

tu sei qui: Home Emilia Romagna Ferrara e Forlì-Cesena Cesena

Stampa questa pagina Segnala via e-mail

Condividi:
fb-like
g-plus

Cesena

Descrizione

Di probabili origini umbro-etrusche, Cesena è situata in un'ottima posizione lungo la Via Emilia, tra la pianura Padano-Romagnola e le colline del pre-appennino Tosco-Romagnolo.
Conobbe un periodo di grande espansione e d fervida attività culturale sotto la dominazione della famiglia Malatesta (1368-1475) che diede al centro storico il volto odierno ed ai suoi cittadini la splendida Biblioteca.
La Biblioteca Malatestiana, inserita dall'UNESCO nel Registro della Memoria del Mondo, fu edificata su una vecchia fabbrica del Convento di San Francesco dei Frati Minori, inaugurata nel 1452 per volontà di Novello Malatesta. E' l'unico esempio di biblioteca umanistica perfettamente conservata nell'edificio, negli arredi e nella dotazione libraria. Conserva ben 250.000 volumi, oltre 1700 manoscritti e più di 17.000 lettere ed autografi.
La Rocca Malatestiana è una delle più belle e imponenti della Romagna, con le sue fortificazioni e i restaurati camminamenti; posta sulla sommità del colle Garampo è circondata dal Parco della Rimembranza, con i suoi sentieri immersi nel verde. Vi si accede dalla centrale Piazza del Popolo, attraverso la scalinata del Palazzo Comunale e dall'ingresso al parco sito in viale Mazzoni.
Merita una visita anche l'Abbazia Benedettina, situata sul colle Spaziano e domina Cesena da sud-est; vi sono conservate pregevoli affreschi e opere d'arte, senza dimenticare la celebre Collezione di ex-voto, antiche tavolette per "grazia ricevuta" tipiche della devozione popolare alla Madonna, che offrono uno spaccato della società dal XV secolo ad oggi.
Il Duomo di San Giovanni Battista, in stile gotico-romanico, risale alla fine del 1300 e conserva nella cripta le spoglie di San Mauro. Fra il 1467 e il 1517 l'edificio si arricchì di importanti opere scultoree di artisti "forestieri" del rango del fiorentino Ottaviano di Antonio di Duccio e dei veneziani Lorenzo e Giovanni Battista Bregno. Fra Quattro e Cinquecento si completò anche la facciata e, negli anni successivi, si realizzarono le volte nelle navate laterali.

Mappa

La pagina web di questo paese è stata visitata 45.300 volte.

Scegli la lingua

italiano

english