Locali d'Autore

Abbiamo a cuore la tua privacy

Come indicato nella cookie policy, noi e alcuni partner selezionati facciamo uso di tecnologie, quali i cookie, per raccogliere ed elaborare dati personali dai dispositivi (ad esempio l'indirizzo IP, tracciamenti precisi dei dispositivi e della posizione geografica), al fine di garantire le funzionalità tecniche, mostrarti pubblicità personalizzata, misurarne la performance, analizzare le nostre audience e migliorare i nostri prodotti e servizi. Con il tuo consenso potremo fare uso di tali tecnologie per le finalità indicate. Puoi liberamente conferire, rifiutare o revocare il consenso a tutti o alcuni dei trattamenti facendo click sul pulsante "Preferenze". Puoi acconsentire all'uso delle tecnologie sopra menzionate facendo click su "Accetta" o rifiutarne l'uso facendo click su "Rifiuta".

RifiutaPersonalizzaAccetta

Locali d'Autore

Il rispetto della tua riservatezza è la nostra priorità

Noi e i nostri fornitori archiviamo informazioni su un dispositivo (e/o vi accediamo), quali cookie e trattiamo i dati personali, quali gli identificativi unici e informazioni generali inviate da un dispositivo per le finalità descritte sotto. Puoi fare clic per consentire a noi e ai nostri fornitori di trattarli per queste finalità. In alternativa puoi fare clic per negare il consenso o accedere a informazioni più dettagliate e modificare le tue preferenze prima di acconsentire. Le tue preferenze si applicheranno solo a questo sito web. Si rende noto che alcuni trattamenti dei dati personali possono non richiedere il tuo consenso, ma hai il diritto di opporti a tale trattamento. Puoi modificare le tue preferenze in qualsiasi momento ritornando su questo sito o consultando la nostra informativa sulla riservatezza.

Cookie strettamente necessari Questi cookie sono necessari per il funzionamento del sito e non possono essere disattivati ​​nei nostri sistemi. Di solito vengono impostati solo in risposta alle azioni da te effettuate che costituiscono una richiesta di servizi, come l'impostazione delle preferenze di privacy, l'accesso o la compilazione di moduli. È possibile impostare il browser per bloccare o avere avvisi riguardo questi cookie, ma di conseguenza alcune parti del sito non funzioneranno. Questi cookie non archiviano informazioni personali.

Cookie per pubblicità mirata Questi cookie possono essere impostati tramite il nostro sito dai nostri partner pubblicitari. Possono essere utilizzati da queste aziende per costruire un profilo dei tuoi interessi e mostrarti annunci pertinenti su altri siti. Non memorizzano direttamente informazioni personali, ma sono basati unicamente sull'individuazione del tuo browser e del tuo dispositivo internet. Se non si accettano questi cookie, riceverai una pubblicità meno mirata.

Rifiuta tuttoAccetta tuttoAccetta selezionati

 

italiano

tu sei qui: Home Valle d'Aosta Monte Rosa Verrès

Strutture

Visita una località navigando tramite il menù a sinistra. In ogni zona d'Italia potrai successivamente scegliere le strutture turistiche d'eccellenza che ti proponiamo.

Stampa questa pagina Segnala via e-mail

Condividi:
fb-like
g-plus

Verrès

Descrizione

Il toponimo si ritiene da alcuni che venga dal latino "vitricium" (vetro), da altri che si riferisca ad un particolare tipo di roccia. Attivo centro commerciale, industriale e di villeggiatura posto nella valle della Dora Baltea, sulle rive del torrente Evançon, l'abitato di Verrès è dominato da una rupe situata a circa due chilometri di distanza dal centro, sulla quale si trova l'omonimo castello che segna l'inizio della Val d'Ayas.
Il paese offre la possibilità di effettuare diverse e piacevoli escursioni. Interessante il castello di Villa che si affaccia sulla bassa Valle di Ayas e da cui è possibile godere di una panoramica sulla zona di Verrès, sulle vette circostanti il Vallone di Dondeuil e sulla Riserva Naturale del Lago di Villa. Si raggiunge affrontando un sentiero in terra battuta non particolarmente impegnativo passando tra gli alberi.
Fu probabilmente centro strategico dei Salassi sia dal punto di vista politico che militare. Fu, poi, conquistato dai Romani che lo denominarono Vitricium. Nel XIII secolo il territorio era diviso tra il Vescovo di Aosta e i De Turrilia, i De Arnado ed i De Verretio, famiglie feudatarie dei Conti di Savoia, che si scontrarono duramente con il primo, fino all'assedio della residenza vescovile di Issogne nel 1333. Nel 1390 divenne feudo degli Challant perchè i Savoia concessero Verrès ad Ibleto di Challant, che si era distinto per la fedeltà e la dedizione nei loro confronti e, successivamente passò al figlio Francesco. Dopo la morte di questo, avvenuta senza eredi maschi, terminata una lunga disputa ereditaria, Verrès divenne possedimento del nipote di Francesco, Giacomo di Challant Aymavilles. Qualche tempo dopo nuovamente gli Challant rimasero senza eredi maschi e si riaprirono dispute per l'eredità; alla fine del XVI secolo, il territorio passò sotto il dominio dei Savoia fino al 1696, anno in cui, terminate le dispute legali, tornò sotto gli Challant.

Da vedere:
Il castello di Verrès, a pianta quadrata, costituito da un unico blocco con pareti doppie più di 2 metri e mezzo, rappresenta il classico esempio di fortificazione medievale. Fu fatto edificare per volere di Ibleto di Challant tra il 1360 ed il 1390 per scopi militari. Infatti la sua collocazione su un promontorio roccioso sovrastante il torrente Evançon lo rendeva di difficile accesso e contemporaneamente consentiva il controllo del territorio circostante. Un sofisticato ed ingegnoso sistema di botole, antiporte, ingressi in salita, curve e portoni è stato studiato per rendere inattaccabile la fortezza e consentire ai suoi abitanti di resistere agli assedi più lunghi. In epoca successiva fu ampliato e, nel 1536, fu fatto circondare da una cortina di mura.
Il castello di Issogne, ad un chilometro da Verrès, rappresenta una delle residenze gentilizie più note della regione. Eretto in stile gotico-rinascimentale dagli Challant nel 1480, presenta pianta quadrata con torri angolari. Nel cortile si può ammirare una fontana in pietra sormontata da un melograno in ferro battuto. Nel portico alcuni affreschi riportano scene di vita quotidiana del XVI secolo. Nelle sale sono presenti affreschi e mobili d'epoca originali.
Il castello di Villa, situato in un punto strategico, è abbandonato da tempo all'incuria ed è stato depredato di materiali edili più di una volta per edificare nuove costruzioni. Presenta due piani, mura possenti in pietra ed è ancora visibile il fossato. Nel 1200 l'edificio fu ceduto dal conte Tommaso I di Savoia a Bosone II di Challant, successivamente passò a Goffredo I e ad Aimone III, quindi ad Ebalo Magno che, secondo alcune fonti, lo restaurò ed ampliò. Nel 1370 fu riscattato da Bonifacio e Giovanni di Challant e trasformato da presidio militare in struttura residenziale. Il perimetro fu ulteriormente fortificato nel 1430, nel periodo in cui Caterina di Challant e sua sorella Margherita furono impegnate in una lunga disputa ereditaria. Successivamente il castello fu abbandonato ed utilizzato per la costruzione della vicina fortezza di Verrès.

Mappa

La pagina web di questo paese è stata visitata 16.507 volte.

Scegli la lingua

italiano

english