Locali d'Autore

Abbiamo a cuore la tua privacy

Come indicato nella cookie policy, noi e alcuni partner selezionati facciamo uso di tecnologie, quali i cookie, per raccogliere ed elaborare dati personali dai dispositivi (ad esempio l'indirizzo IP, tracciamenti precisi dei dispositivi e della posizione geografica), al fine di garantire le funzionalità tecniche, mostrarti pubblicità personalizzata, misurarne la performance, analizzare le nostre audience e migliorare i nostri prodotti e servizi. Con il tuo consenso potremo fare uso di tali tecnologie per le finalità indicate. Puoi liberamente conferire, rifiutare o revocare il consenso a tutti o alcuni dei trattamenti facendo click sul pulsante "Preferenze". Puoi acconsentire all'uso delle tecnologie sopra menzionate facendo click su "Accetta" o rifiutarne l'uso facendo click su "Rifiuta".

RifiutaPersonalizzaAccetta

Locali d'Autore

Il rispetto della tua riservatezza è la nostra priorità

Noi e i nostri fornitori archiviamo informazioni su un dispositivo (e/o vi accediamo), quali cookie e trattiamo i dati personali, quali gli identificativi unici e informazioni generali inviate da un dispositivo per le finalità descritte sotto. Puoi fare clic per consentire a noi e ai nostri fornitori di trattarli per queste finalità. In alternativa puoi fare clic per negare il consenso o accedere a informazioni più dettagliate e modificare le tue preferenze prima di acconsentire. Le tue preferenze si applicheranno solo a questo sito web. Si rende noto che alcuni trattamenti dei dati personali possono non richiedere il tuo consenso, ma hai il diritto di opporti a tale trattamento. Puoi modificare le tue preferenze in qualsiasi momento ritornando su questo sito o consultando la nostra informativa sulla riservatezza.

Cookie strettamente necessari Questi cookie sono necessari per il funzionamento del sito e non possono essere disattivati ​​nei nostri sistemi. Di solito vengono impostati solo in risposta alle azioni da te effettuate che costituiscono una richiesta di servizi, come l'impostazione delle preferenze di privacy, l'accesso o la compilazione di moduli. È possibile impostare il browser per bloccare o avere avvisi riguardo questi cookie, ma di conseguenza alcune parti del sito non funzioneranno. Questi cookie non archiviano informazioni personali.

Cookie per pubblicità mirata Questi cookie possono essere impostati tramite il nostro sito dai nostri partner pubblicitari. Possono essere utilizzati da queste aziende per costruire un profilo dei tuoi interessi e mostrarti annunci pertinenti su altri siti. Non memorizzano direttamente informazioni personali, ma sono basati unicamente sull'individuazione del tuo browser e del tuo dispositivo internet. Se non si accettano questi cookie, riceverai una pubblicità meno mirata.

Rifiuta tuttoAccetta tuttoAccetta selezionati

 

italiano

tu sei qui: Home Valle d'Aosta Saint Vincent Verrayes

Strutture

Visita una località navigando tramite il menù a sinistra. In ogni zona d'Italia potrai successivamente scegliere le strutture turistiche d'eccellenza che ti proponiamo.

Stampa questa pagina Segnala via e-mail

Condividi:
fb-like
g-plus

Verrayes

Descrizione

Il toponimo potrebbe derivare dal latino "vetus" (vecchio). E' un comune montano situato a più di 1000 metri di altitudine, composto da ben 85 frazioni, di cui alcune disabitate, che dalla Dora Baltea si estendono fino alla Becca d'Aver. In posizione soleggiata, gode di un clima mite, i boschi circostanti e la lussureggiante flora rendono particolarmente piacevoli le passeggiate.
La zona di Verrayes fu abitata sin dall'Età del Ferro, come si evince dai reperti preistorici rinvenuti. Anche Verrayes era conosciuta dai Romani che invasero e conquistarono i territori popolati dai Salassi e li distribuirono tra i soldati. La loro presenza sul territorio è testimoniata dal rinvenimento nei pressi della chiesa di Dièmoz di un sarcofago romano in granito e di un frammento di pietra tombale, di frammenti di vasellame, nonché di una tomba nei pressi di Marcillier.
Le signorie feudali nel 1191 si sottomisero al Conte di Savoia Thomas I che nel 1227 prese sotto la sua protezione anche il territorio di Verres. Nel 1238 la Val d'Aosta fu eretta in Ducato dall'Imperatore Federico II in favore di Amedeo II, conte di Savoia. Nel 1304 i signori di Cly, Boniface e Godefroy, indebitati per le guerre tra le signorie, imposero dazi ai loro sudditi per poter far fronte ai consistenti debiti accumulati. La popolazione offrì loro una somma consistente ed essi, per riconoscenza, condonarono sanzioni e taglie e nominarono un consiglio composto di 40 uomini con il compito di amministrare i beni del casato, di nominare un tesoriere ed un economo e si impegnarono a non intraprendere più guerre senza il preventivo placet del consiglio dei quaranta. Fu così che a causa dell'incapacità dei signori di Cly di amministrare correttamente il casato finì sotto il controllo dei loro stessi vassalli. Nel 1315 Bonifacio, Pietro di Cly e Giovanni di Nus si incontrarono per definire i confini dei rispettivi feudi. Nella seconda metà del XIX secolo furono determinati con decreto della Royal dèlègation i confini di Nus, Verrayes e Chambave.

Da vedere:

Chiesa parrocchiale di San Martino e Santa Barbara. La primitiva struttura probabilmente risaliva al 790, l'esistenza della parrocchia è documentata da una bolla di Papa Lucio III risalente al 1184. Nel 1872 fu deciso l'abbattimento del vecchio edificio per lasciare il posto ad uno nuovo. Il 30 giugno del 1872 il parroco, Samuel Duc, posò la prima pietra della nuova chiesa che fu consacrata il 12 novembre 1877. Nell'ottobre del 1885 fu gravemente danneggiata da un tifone che ne scoperchiò il tetto facendolo cadere a più di 100 metri di distanza. Il campanile presenta una struttura possente, base quadrata, due file di finestre ed è sormontato da una cuspide a forma di cono.
Il contiguo cimitero monumentale fu costruito nel 1878.
L'Oratorio di Charrère.
La parrocchiale di Dièmoz ,costruita nel 1190, conserva interessanti reperti.
La cappella di Grumey, situata su un antico oratorio, è dedicata a San Rocco. Fu costruita nel 1868.
La cappella di Grand Villa costruita con molta probabilità nel 1600.
La cappella di Vieille la cui costruzione si fa risalire al XV secolo.
La cappella di Vencorère fondata nel 1752.
La cappella di Lozon
La casa forte di Marseiller appartenuta alla famiglia Saluard e risalente al XV secolo. Fu affrescata da Giacomino d'Ivrea.
La cappella di Marseiller fatta erigere dalla famiglia Saluard, che già nel XIV secolo abitava in Val d'Aosta. Fu fatta affrescare intorno al 1441 da Giacomo di Ivrea.
Il parco naturale, vasto oltre12 ha, creato nei primissimi anni del Novecento, con precisione tra il 1905 ed il 1908, dal canonico Vescoz, letterato, geologo e scienziato, natio di questi luoghi, che mise a dimora 11.000 piante, tra cui specie esotiche, su un arido costone, denominato Pointys.
L'area naturalistica di Lozon situata a 1500 metri di quota. Al centro di una vallata ricoperta da prato si trova lo stagno che presenta il maggior numero di piante acquatiche e palustri dell'intera regione.
I grenier a Voisinal e Gros-Ollian.

Mappa

La pagina web di questo paese è stata visitata 18.611 volte.

Scegli la lingua

italiano

english