Locali d'Autore

Abbiamo a cuore la tua privacy

Come indicato nella cookie policy, noi e alcuni partner selezionati facciamo uso di tecnologie, quali i cookie, per raccogliere ed elaborare dati personali dai dispositivi (ad esempio l'indirizzo IP, tracciamenti precisi dei dispositivi e della posizione geografica), al fine di garantire le funzionalità tecniche, mostrarti pubblicità personalizzata, misurarne la performance, analizzare le nostre audience e migliorare i nostri prodotti e servizi. Con il tuo consenso potremo fare uso di tali tecnologie per le finalità indicate. Puoi liberamente conferire, rifiutare o revocare il consenso a tutti o alcuni dei trattamenti facendo click sul pulsante "Preferenze". Puoi acconsentire all'uso delle tecnologie sopra menzionate facendo click su "Accetta" o rifiutarne l'uso facendo click su "Rifiuta".

RifiutaPersonalizzaAccetta

Locali d'Autore

Il rispetto della tua riservatezza è la nostra priorità

Noi e i nostri fornitori archiviamo informazioni su un dispositivo (e/o vi accediamo), quali cookie e trattiamo i dati personali, quali gli identificativi unici e informazioni generali inviate da un dispositivo per le finalità descritte sotto. Puoi fare clic per consentire a noi e ai nostri fornitori di trattarli per queste finalità. In alternativa puoi fare clic per negare il consenso o accedere a informazioni più dettagliate e modificare le tue preferenze prima di acconsentire. Le tue preferenze si applicheranno solo a questo sito web. Si rende noto che alcuni trattamenti dei dati personali possono non richiedere il tuo consenso, ma hai il diritto di opporti a tale trattamento. Puoi modificare le tue preferenze in qualsiasi momento ritornando su questo sito o consultando la nostra informativa sulla riservatezza.

Cookie strettamente necessari Questi cookie sono necessari per il funzionamento del sito e non possono essere disattivati ​​nei nostri sistemi. Di solito vengono impostati solo in risposta alle azioni da te effettuate che costituiscono una richiesta di servizi, come l'impostazione delle preferenze di privacy, l'accesso o la compilazione di moduli. È possibile impostare il browser per bloccare o avere avvisi riguardo questi cookie, ma di conseguenza alcune parti del sito non funzioneranno. Questi cookie non archiviano informazioni personali.

Cookie per pubblicità mirata Questi cookie possono essere impostati tramite il nostro sito dai nostri partner pubblicitari. Possono essere utilizzati da queste aziende per costruire un profilo dei tuoi interessi e mostrarti annunci pertinenti su altri siti. Non memorizzano direttamente informazioni personali, ma sono basati unicamente sull'individuazione del tuo browser e del tuo dispositivo internet. Se non si accettano questi cookie, riceverai una pubblicità meno mirata.

Rifiuta tuttoAccetta tuttoAccetta selezionati

 

italiano

tu sei qui: Home Puglia Puglia Imperiale Trani

Strutture

Stampa questa pagina Segnala via e-mail

Condividi:
fb-like
g-plus

Trani

Descrizione

La leggenda vuole che Trani sia stata fondata da Tirreno, figlio del dio Diomede; tuttavia le prime testimonianze storiche risalgono al III secolo d.C.. Il periodo d'oro della città fu senza dubbio il Medioevo, con il trasferimento da Canosa della sede vescovile e l'inizio delle Crociate in Terra Santa.
Trani conobbe una grande espansione commerciale sotto la dominazione degli aragonesi che ne risollevarono le sorti dopo il buio governo angioino. Fu sotto il dominio spagnolo che Trani divenne il più importante centro di tutto il sud Italia, tanto da assumere il titolo di capoluogo di questa regione, titolo che perse successivamente, nel periodo murattiano, a favore di Bari.
Una visita della città non può non cominciare dal Castello Svevo, fatto costruire da Federico II a breve distanza dalla Cattedrale, sulle sponde del mare Adriatico, a difesa del porto e del centro abitato. Il Castello presenta una pianta quadrangolare, un vasto cortile centrale e quattro torri angolari a base quadrata.
La Cattedrale di San Nicola Pellegrino, Duomo di Trani, è il monumento più prestigioso della città. Realizzata in tipico stile romanico-pugliese nel 1099, anno della canonizzazione del giovane Nicola Pellegrino, un ragazzo greco di 18 anni morto a Trani in odore di santità e canonizzato a furor di popolo, la costruzione venne terminata nel 1143. Si presenta a croce latina divisa in tre navate da colonne binate; sulla navata centrale si affacciano i matronei attraverso quattordici artistiche trifore. La navata centrale ed il transetto sono coperte da capriate, mentre la navate laterali da volte a crociera. La facciata presenta poche aperture: solo il rosone, una monofora e tre finestre a tutto sesto. Interessanti sono le porte in bronzo opera di Barisano da Trani, lo stesso che forgiò anche quelle del Duomo di Monreale e del Duomo di Ravello.
Menzioniamo, ancora, Palazzo Torres, fatto costruire nel XVI secolo da Martino Torres, Palazzo Lambert (1420), il Palazzo Arcivescovile, Palazzo Caccetta (1456), Casa De Agnete (1283), Palazzo Antonacci Telesio (1761).
Il Monastero di Colonna fu fatto costruire a cavallo tra l'XI ed il XII secolo dal nobile tranese Goffredo Siniscalco. La facciata presenta gli elementi tipi dello stile romanico ed all'interno è conservato un bel crocifisso ligneo del XV secolo, oltraggiato dai Saraceni durante le loro incursioni nefaste, nonché un prezioso altare donato dal Gran Duca di Toscana in cambio delle reliquie di Santo Stefano, qui venerate fino al 1684.

Mappa

La pagina web di questo paese è stata visitata 33.876 volte.

Scegli la lingua

italiano

english