Locali d'Autore

Abbiamo a cuore la tua privacy

Come indicato nella cookie policy, noi e alcuni partner selezionati facciamo uso di tecnologie, quali i cookie, per raccogliere ed elaborare dati personali dai dispositivi (ad esempio l'indirizzo IP, tracciamenti precisi dei dispositivi e della posizione geografica), al fine di garantire le funzionalità tecniche, mostrarti pubblicità personalizzata, misurarne la performance, analizzare le nostre audience e migliorare i nostri prodotti e servizi. Con il tuo consenso potremo fare uso di tali tecnologie per le finalità indicate. Puoi liberamente conferire, rifiutare o revocare il consenso a tutti o alcuni dei trattamenti facendo click sul pulsante "Preferenze". Puoi acconsentire all'uso delle tecnologie sopra menzionate facendo click su "Accetta" o rifiutarne l'uso facendo click su "Rifiuta".

RifiutaPersonalizzaAccetta

Locali d'Autore

Il rispetto della tua riservatezza è la nostra priorità

Noi e i nostri fornitori archiviamo informazioni su un dispositivo (e/o vi accediamo), quali cookie e trattiamo i dati personali, quali gli identificativi unici e informazioni generali inviate da un dispositivo per le finalità descritte sotto. Puoi fare clic per consentire a noi e ai nostri fornitori di trattarli per queste finalità. In alternativa puoi fare clic per negare il consenso o accedere a informazioni più dettagliate e modificare le tue preferenze prima di acconsentire. Le tue preferenze si applicheranno solo a questo sito web. Si rende noto che alcuni trattamenti dei dati personali possono non richiedere il tuo consenso, ma hai il diritto di opporti a tale trattamento. Puoi modificare le tue preferenze in qualsiasi momento ritornando su questo sito o consultando la nostra informativa sulla riservatezza.

Cookie strettamente necessari Questi cookie sono necessari per il funzionamento del sito e non possono essere disattivati ​​nei nostri sistemi. Di solito vengono impostati solo in risposta alle azioni da te effettuate che costituiscono una richiesta di servizi, come l'impostazione delle preferenze di privacy, l'accesso o la compilazione di moduli. È possibile impostare il browser per bloccare o avere avvisi riguardo questi cookie, ma di conseguenza alcune parti del sito non funzioneranno. Questi cookie non archiviano informazioni personali.

Cookie per pubblicità mirata Questi cookie possono essere impostati tramite il nostro sito dai nostri partner pubblicitari. Possono essere utilizzati da queste aziende per costruire un profilo dei tuoi interessi e mostrarti annunci pertinenti su altri siti. Non memorizzano direttamente informazioni personali, ma sono basati unicamente sull'individuazione del tuo browser e del tuo dispositivo internet. Se non si accettano questi cookie, riceverai una pubblicità meno mirata.

Rifiuta tuttoAccetta tuttoAccetta selezionati

 

italiano

tu sei qui: Home Sardegna Entroterra Sardo Oliena

Strutture

Visita una località navigando tramite il menù a sinistra. In ogni zona d'Italia potrai successivamente scegliere le strutture turistiche d'eccellenza che ti proponiamo.

Stampa questa pagina Segnala via e-mail

Condividi:
fb-like
g-plus

Oliena

Descrizione

Comune in provincia di Nuoro, situato ai piedi del monte Corrasi, la cima più alta del Supramonte, del territorio di Oliena, attraversato dal Rio Golathi, fa parte Badde Pentumas e Su Gologone, rispettivamente un canyon ed una fonte. Di grande suggestione il centro storico con le strade rivestite di ciottoli e le case che conservano ancora intatta l'antica struttura con cortile interno e pozzo. Il centro è noto per il bellissimo costume tradizionale, per il "canto a tenore" e per il vino Nepente, prodotto alle pendici del Supramonte, apprezzato in tutto il mondo.
L'uomo popolò questi territori sin dal periodo Neolitico e numerose sono le testimonianze giunte fino a noi dell'epoca nuragica. Il primo insediamento stabile si deve ai Romani; successivamente fece parte del Giudicato di Gallura. Nel Medioevo il paese visse una fase particolarmente propizia. Nel XII secolo parte delle terre appartenenti alla circoscrizione di Olina furono concesse all'Abbazia di Girifai; i Pisani, di fede guelfa, non apprezzarono questo stato di cose e decisero di procedere all'occupazione militare. In seguito fu conquistato dagli Aragones e nel XVII secolo si potevano distinguere due nuclei urbani separati dal fiume. Di grande importanza fu l'influenza esercitata dai Gesuiti a partire dalla seconda metà del Seicento: in quel periodo furono incrementate le colture agricole e la pastorizia.

Da vedere:
La chiesa di Santa Maria Maggiore, edificata tra la fine del XIII secolo e gli inizi del XIV, ha subito profondi rifacimenti. Il campanile è stato recentemente sopraelevato, lo stile dell'edificio è romanico-gotico.
La chiesa di Sant'Ignazio è preceduta da una doppia scalinata, all'interno una sola navata e tre cappelle per lato.
La chiesa di Santa Croce risale ai primi del Seicento. Si presenta con facciata semplice dotata di campanile a vela.
La chiesa di Nostra Signora della Pietà.
La chiesa di San Francesco da Paola.
La chiesa di Nostra Signora d'Itria.
La chiesa di San Giovanni.
La chiesa di San Giuseppe.
La chiesa di San Lussorio.
La chiesa di Sant'Anna.
Su Gologone, una fonte carsica che riversa le sue acque nel fiume Cedrino.
La valle di Lanaitho con le sue grotte.
Il villaggio nuragico di Carros.

Mappa

La pagina web di questo paese è stata visitata 24.502 volte.

Scegli la lingua

italiano

english