Locali d'Autore

Abbiamo a cuore la tua privacy

Come indicato nella cookie policy, noi e alcuni partner selezionati facciamo uso di tecnologie, quali i cookie, per raccogliere ed elaborare dati personali dai dispositivi (ad esempio l'indirizzo IP, tracciamenti precisi dei dispositivi e della posizione geografica), al fine di garantire le funzionalità tecniche, mostrarti pubblicità personalizzata, misurarne la performance, analizzare le nostre audience e migliorare i nostri prodotti e servizi. Con il tuo consenso potremo fare uso di tali tecnologie per le finalità indicate. Puoi liberamente conferire, rifiutare o revocare il consenso a tutti o alcuni dei trattamenti facendo click sul pulsante "Preferenze". Puoi acconsentire all'uso delle tecnologie sopra menzionate facendo click su "Accetta" o rifiutarne l'uso facendo click su "Rifiuta".

RifiutaPersonalizzaAccetta

Locali d'Autore

Il rispetto della tua riservatezza è la nostra priorità

Noi e i nostri fornitori archiviamo informazioni su un dispositivo (e/o vi accediamo), quali cookie e trattiamo i dati personali, quali gli identificativi unici e informazioni generali inviate da un dispositivo per le finalità descritte sotto. Puoi fare clic per consentire a noi e ai nostri fornitori di trattarli per queste finalità. In alternativa puoi fare clic per negare il consenso o accedere a informazioni più dettagliate e modificare le tue preferenze prima di acconsentire. Le tue preferenze si applicheranno solo a questo sito web. Si rende noto che alcuni trattamenti dei dati personali possono non richiedere il tuo consenso, ma hai il diritto di opporti a tale trattamento. Puoi modificare le tue preferenze in qualsiasi momento ritornando su questo sito o consultando la nostra informativa sulla riservatezza.

Cookie strettamente necessari Questi cookie sono necessari per il funzionamento del sito e non possono essere disattivati ​​nei nostri sistemi. Di solito vengono impostati solo in risposta alle azioni da te effettuate che costituiscono una richiesta di servizi, come l'impostazione delle preferenze di privacy, l'accesso o la compilazione di moduli. È possibile impostare il browser per bloccare o avere avvisi riguardo questi cookie, ma di conseguenza alcune parti del sito non funzioneranno. Questi cookie non archiviano informazioni personali.

Cookie per pubblicità mirata Questi cookie possono essere impostati tramite il nostro sito dai nostri partner pubblicitari. Possono essere utilizzati da queste aziende per costruire un profilo dei tuoi interessi e mostrarti annunci pertinenti su altri siti. Non memorizzano direttamente informazioni personali, ma sono basati unicamente sull'individuazione del tuo browser e del tuo dispositivo internet. Se non si accettano questi cookie, riceverai una pubblicità meno mirata.

Rifiuta tuttoAccetta tuttoAccetta selezionati

 

italiano

tu sei qui: Home Sardegna Entroterra Sardo Monti

Strutture

I più visitati in Monti

  • Cantina del Vermentino Monti

    Menhir, tombe dei giganti e nuraghi, attribuiscono le origini di Monti al periodo neolitico (6000 anni a.C.). Conclusa l'età nuragica, il territorio è dominato dai romani, ai quali si contrappongono i bellicosissimi Bàlari, che dal Limbara minacciavano...

Stampa questa pagina Segnala via e-mail

Condividi:
fb-like
g-plus

Monti

Descrizione

Comune in provincia di Olbia-Tempio, situato nella zona meridionale della Gallura, nell'entroterra della Costa Smeralda, l'abitato di Monti sorge alle falde della catena del Limbara, dominante un'ampia vallata verde di sughereti e vigneti dai quali si ricava un ottimo vino. Il territorio comunale comprende un'oasi agro-faunistica di grande importanza, popolata da diversi animali ed attraversata da sentieri e ruscelletti.
La zona di Monti, così come in generale la Gallura, fu abitata sin dal Neolitico e numerose sono le testimonianze della presenza umana nel periodo nuragico. I territori furono conquistati dai Cartaginesi, prima, e dai Romani, poi. Nel periodo medievale il centro fu fulcro per il commercio: i Pisani qui acquistavano legna, pelli, cereali. Appartenne ai Malaspina e nel Trecento fu inglobato nel Giudicato di Arborea. Conquistato dagli Aragonesi, fu ceduto in feudo ai Deffenu e da questi ai Farina da cui fu governato fino all'eliminazione del feudalesimo.

Da vedere:

Il santuario di San Paolo Eremita, bella e semplice chiesa campestre costruita in pietra e recentemente restaurata. L'edificio attuale risale al Seicento, ma la chiesa primitiva fu consacrata molto prima. Presenta una facciata estremamente lineare con portale ad arco e tetto a capanna. La linearità è interrotta solo da una cornice che disegna un timpano e da una finestra a mezzaluna.
La parrocchiale di San Gavino, situata nel centro abitato, possiede tetto a capanna ed un campanile seicentesco preesistente rispetto alla chiesa.
Il centro storico.
Il nuraghe Logu.

Mappa

La pagina web di questo paese è stata visitata 30.718 volte.

Scegli la lingua

italiano

english