Locali d'Autore

Abbiamo a cuore la tua privacy

Come indicato nella cookie policy, noi e alcuni partner selezionati facciamo uso di tecnologie, quali i cookie, per raccogliere ed elaborare dati personali dai dispositivi (ad esempio l'indirizzo IP, tracciamenti precisi dei dispositivi e della posizione geografica), al fine di garantire le funzionalità tecniche, mostrarti pubblicità personalizzata, misurarne la performance, analizzare le nostre audience e migliorare i nostri prodotti e servizi. Con il tuo consenso potremo fare uso di tali tecnologie per le finalità indicate. Puoi liberamente conferire, rifiutare o revocare il consenso a tutti o alcuni dei trattamenti facendo click sul pulsante "Preferenze". Puoi acconsentire all'uso delle tecnologie sopra menzionate facendo click su "Accetta" o rifiutarne l'uso facendo click su "Rifiuta".

RifiutaPersonalizzaAccetta

Locali d'Autore

Il rispetto della tua riservatezza è la nostra priorità

Noi e i nostri fornitori archiviamo informazioni su un dispositivo (e/o vi accediamo), quali cookie e trattiamo i dati personali, quali gli identificativi unici e informazioni generali inviate da un dispositivo per le finalità descritte sotto. Puoi fare clic per consentire a noi e ai nostri fornitori di trattarli per queste finalità. In alternativa puoi fare clic per negare il consenso o accedere a informazioni più dettagliate e modificare le tue preferenze prima di acconsentire. Le tue preferenze si applicheranno solo a questo sito web. Si rende noto che alcuni trattamenti dei dati personali possono non richiedere il tuo consenso, ma hai il diritto di opporti a tale trattamento. Puoi modificare le tue preferenze in qualsiasi momento ritornando su questo sito o consultando la nostra informativa sulla riservatezza.

Cookie strettamente necessari Questi cookie sono necessari per il funzionamento del sito e non possono essere disattivati ​​nei nostri sistemi. Di solito vengono impostati solo in risposta alle azioni da te effettuate che costituiscono una richiesta di servizi, come l'impostazione delle preferenze di privacy, l'accesso o la compilazione di moduli. È possibile impostare il browser per bloccare o avere avvisi riguardo questi cookie, ma di conseguenza alcune parti del sito non funzioneranno. Questi cookie non archiviano informazioni personali.

Cookie per pubblicità mirata Questi cookie possono essere impostati tramite il nostro sito dai nostri partner pubblicitari. Possono essere utilizzati da queste aziende per costruire un profilo dei tuoi interessi e mostrarti annunci pertinenti su altri siti. Non memorizzano direttamente informazioni personali, ma sono basati unicamente sull'individuazione del tuo browser e del tuo dispositivo internet. Se non si accettano questi cookie, riceverai una pubblicità meno mirata.

Rifiuta tuttoAccetta tuttoAccetta selezionati

 

italiano

tu sei qui: Home Trentino Alto Adige Val d'Isarco Laion

Strutture

Visita una località navigando tramite il menù a sinistra. In ogni zona d'Italia potrai successivamente scegliere le strutture turistiche d'eccellenza che ti proponiamo.

Stampa questa pagina Segnala via e-mail

Condividi:
fb-like
g-plus

Laion

Descrizione

Laion (Lajen in tedesco) è un suggestivo paesino di montagna, situato su un altopiano soleggiato all'imbocco della Val Gardena e della Val d'Isarco, in provincia di Bolzano, circondato da vigneti, boschi e pascoli d'altura e con una meravigliosa vista sulle Dolomiti. E' una località di villeggiatura ideale per gli appassionati del contatto con la natura e delle lunghe passeggiate all'aria aperta, grazie ai tanti sentieri montani che circondano Laion; per i più intraprendenti, invece, è possibile effettuare anche escursioni verso le cime dolomitiche e gli alpeggi. In inverno il comprensorio sciistico Dolomiti Superski è alla portata di tutti.
Il toponimo, attestato già nel 985, deriverebbe dall'antroponimo latino "Lagius", con l'aggiunta del suffisso "-anus" per indicarne l'appartenenza (quindi, terreno di Lagio).
Scavi archeologici condotti in zona permettono di affermare che i primi insediamenti umani risalirebbero all'Età Neolitica; rilevanti ed altrettanto interessanti, non solo dal punto di vista storico, sono i reperti dell'Età del Bronzo e del Rame, nonché quelli del periodo retico e romano. In epoca medievale vantavano possedimenti sia la chiesa vescovile di Frisinga che quella di Ratisbona; tuttavia, a partire dal XIV secolo, il paese pian piano passò sotto il controllo dei Conti di Tirolo.
Siti di interesse:
- Castel Forte, uno dei più imponenti complessi fortificati dell'Alto Adige. Costruito alla fine del XII secolo fu ulteriormente ingrandito nel corso dei secoli successivi. Di particolare pregio è la sala rinascimentale con stube gotica.
- la Chiesa di Santa Caterina (XV secolo), sulla cui facciata sono ancora visibili tracce di affreschi parzialmente consunti. All'interno, oltre al pregevole altare barocco, segnaliamo preziose figure di santi e capolavori scultorei.
- la piccola Chiesa di San Bartolomeo, risalente al XV secolo, con resti di affreschi all'interno ed altare di epoca tardo-barocca;
- la Chiesa di Santa Maria, realizzata, secondo la tradizione, su un preesistente edificio di culto pagano, è menzionata già nel 1147 e si presenta attualmente in stile gotico. L'altare maggiore è un'elegante fusione di elementi gotici e rinascimentali.
- la Chiesa di San Nicolò, risalente al periodo tardo-romanico, presenta all'interno un prezioso altare barocco, volta a nido d'ape e portale ad arco acuto.
- la Chiesa di San Pietro, risalente al 1247, rimaneggiata negli anni successivi. Attualmente si presenta in stile barocco con pregevoli dipinti all'interno ed affiancata da un campanile con volta a cipolla;
- la Chiesa di San Giovanni, affiancata da un tozzo campanile, risalirebbe al XIII secolo;
- la Chiesa dei Santi Lorenzo e Stefano, eretta nella prima metà del XIX secolo su un preesistente edificio sacro di epoca romanica. Nel 1714 il campanile romanico fu sopraelevato da una struttura sormontata da una volta a bulbo. Situata su uno sperone roccioso, si presenta in stile neoclassico con interessanti dipinti all'interno.
- il maso Vogelweider, presunta casa natale di Walther von der Vogelweide, poeta e menestrello vissuto tra il 1168 ed il 1230.

Mappa

La pagina web di questo paese è stata visitata 20.653 volte.

Scegli la lingua

italiano

english