Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

 

italiano

tu sei qui: Home Trentino Alto Adige Val d'Isarco Chiusa

Strutture

Visita una località navigando tramite il menù a sinistra. In ogni zona d'Italia potrai successivamente scegliere le strutture turistiche d'eccellenza che ti proponiamo.

Stampa questa pagina Segnala via e-mail

Condividi:
fb-like
g-plus

Chiusa

Descrizione

Situata nel cuore della Val d'Isarco, circondata da vigneti e castagneti, Chiusa (Klausen in tedesco) è un'incantevole località turistica della provincia di Bolzano. Il toponimo farebbe riferimento allo stretto passaggio naturale tra la rupe di Sabiona, il fiume Isarco ed il torrente Tinne.
Che l'area fosse abitata già in epoca pre-romana è testimoniata dalla presenza in loco di resti di tombe risalenti al periodo retico. Sabiona fu un'importante sede vescovile tra l'800 ed il 1000, prima che la stessa fosse trasferita a Bressanone per ragioni di spazio e maggiore accessibilità. La cittadina visse il periodo di maggior splendore tra il 1350 ed il 1550, grazie allo sfruttamento delle miniere della valle del Tinne ed al conseguente traffico commerciale.
Il centro storico medievale, dominato dalla rocca di Sabiona con l'omonimo monastero benedettino, presenta un tipico aspetto altoatesino; nel 1494 vi soggiornò il maestro Alberecht Dürer durante il suo viaggio in Italia.
Siti di interesse:
- la Chiesa degli Apostoli, risalente alla seconda metà del Quattrocento, in stile gotico a navata unica;
- la Chiesa di Sant'Andrea, di epoca tardo-gotica, edificata su un preesistente edificio in stile romanico;
- il Monastero di Sabiona, che domina la rocca omonima, abitato da monache di clausura benedettine e parzialmente visitabile. E' uno dei monumenti più antichi della regione e sorge in un luogo in cui sono affiorati reperti risalenti già all'Età della Pietra.
- la Chiesa di San Valentino a Verdignes, risalente all'XI secolo;
- la Chiesa di San Giacomo a Lazfons, recentemente restaurata;
- la quattrocentesca Chiesa di San Martino a Gudon;
- l'ex Convento dei Cappuccini, ora sede della Biblioteca Civica e del Museo Civico;
- gli splendidi edifici con stemmi, facciate merlate e bovindi;
- il Municipio, di epoca medievale;
- la Dogana vescovile, di epoca medievale, con gli stemmi araldici dei vescovi di Bressanone;
- il castello di Gernstein, risalente al XII secolo, caratterizzato da torri e merlature, fu edificato per sorvegliare la strada che da Bressanone conduceva a sud.
- castel Summersberg a Gudon.

Mappa

La pagina web di questo paese è stata visitata 25.589 volte.

Scegli la lingua

italiano

english