Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

 

italiano

tu sei qui: Home Toscana Lucca e Versilia Coreglia Antelminelli

Strutture

Visita una località navigando tramite il menù a sinistra. In ogni zona d'Italia potrai successivamente scegliere le strutture turistiche d'eccellenza che ti proponiamo.

Stampa questa pagina Segnala via e-mail

Condividi:
fb-like
g-plus

Coreglia Antelminelli

Descrizione

Piccolo comune della Media Valle del Serchio, il toponimo deriva dal composto del nome proprio di persona latino "Corelius" e la specificazione "Antelminelli", assunta nel 1862 con riferimento a Francesco Castracani degli Antelminelli, vicario del paese.
Le origini del borgo risalgono all’Alto Medioevo e nel X secolo è sotto il controllo della famiglia dei Rolandinghi; nel secolo successivo passa sotto la giurisdizione di Lucca.
Oltre ai resti delle fortificazioni volute da Castruccio castracani e la Rocca, risalente all’XI secolo, menzioniamo anche la Chiesa di San Michele costruita nel XII secolo a ridosso della fortezza e della torre, successivamente trasformata in campanile. All’interno è conservato un ambone pre-romanico, un crocifisso ligneo quattrocentesco ed una coppia di statue in marmo raffiguranti la Madonna e l’Angelo Annunziante.
La pre-romanica Chiesa di San Martino è tra le più antiche delle terre di Lucca; realizzata nel IX secolo ed ampliata nel X, nell’XI secolo e negli anni successivi, presenta una facciata asimmetrica dovuta ai rifacimenti del XVI e del XVII secolo.
Coreglia vanta un tessuto urbano d'origine cinquecentesca con diversi bei palazzi, come quello del Comune, realizzato nel 1572, i palazzi Antonimi e Vincenti e Palazzo Vanni, sede del "Museo della Figurina di Gesso e dell’Emigrazione".

Mappa

La pagina web di questo paese è stata visitata 22.606 volte.

Scegli la lingua

italiano

english