Locali d'Autore

Abbiamo a cuore la tua privacy

Come indicato nella cookie policy, noi e alcuni partner selezionati facciamo uso di tecnologie, quali i cookie, per raccogliere ed elaborare dati personali dai dispositivi (ad esempio l'indirizzo IP, tracciamenti precisi dei dispositivi e della posizione geografica), al fine di garantire le funzionalità tecniche, mostrarti pubblicità personalizzata, misurarne la performance, analizzare le nostre audience e migliorare i nostri prodotti e servizi. Con il tuo consenso potremo fare uso di tali tecnologie per le finalità indicate. Puoi liberamente conferire, rifiutare o revocare il consenso a tutti o alcuni dei trattamenti facendo click sul pulsante "Preferenze". Puoi acconsentire all'uso delle tecnologie sopra menzionate facendo click su "Accetta" o rifiutarne l'uso facendo click su "Rifiuta".

RifiutaPersonalizzaAccetta

Locali d'Autore

Il rispetto della tua riservatezza è la nostra priorità

Noi e i nostri fornitori archiviamo informazioni su un dispositivo (e/o vi accediamo), quali cookie e trattiamo i dati personali, quali gli identificativi unici e informazioni generali inviate da un dispositivo per le finalità descritte sotto. Puoi fare clic per consentire a noi e ai nostri fornitori di trattarli per queste finalità. In alternativa puoi fare clic per negare il consenso o accedere a informazioni più dettagliate e modificare le tue preferenze prima di acconsentire. Le tue preferenze si applicheranno solo a questo sito web. Si rende noto che alcuni trattamenti dei dati personali possono non richiedere il tuo consenso, ma hai il diritto di opporti a tale trattamento. Puoi modificare le tue preferenze in qualsiasi momento ritornando su questo sito o consultando la nostra informativa sulla riservatezza.

Cookie strettamente necessari Questi cookie sono necessari per il funzionamento del sito e non possono essere disattivati ​​nei nostri sistemi. Di solito vengono impostati solo in risposta alle azioni da te effettuate che costituiscono una richiesta di servizi, come l'impostazione delle preferenze di privacy, l'accesso o la compilazione di moduli. È possibile impostare il browser per bloccare o avere avvisi riguardo questi cookie, ma di conseguenza alcune parti del sito non funzioneranno. Questi cookie non archiviano informazioni personali.

Cookie per pubblicità mirata Questi cookie possono essere impostati tramite il nostro sito dai nostri partner pubblicitari. Possono essere utilizzati da queste aziende per costruire un profilo dei tuoi interessi e mostrarti annunci pertinenti su altri siti. Non memorizzano direttamente informazioni personali, ma sono basati unicamente sull'individuazione del tuo browser e del tuo dispositivo internet. Se non si accettano questi cookie, riceverai una pubblicità meno mirata.

Rifiuta tuttoAccetta tuttoAccetta selezionati

 

italiano

tu sei qui: Home Emilia Romagna Romagna D'Este e Terre di Faenza Brisighella

I più visitati in Brisighella

  • La Collina Vini Romagna

    Il vigneto de "La Collina" si trova nel comune di Brisighella ed è situato fra le prime colline degli Appennini orientali nella provincia di Ravenna, a 30 chilometri dalla costa adriatica e poco distante da Faenza, città famosa soprattutto per le sue...

  • Villa Liverzano Vini e Vacanze Ravenna

    Villa Liverzano è una dimora signorile del sei/settecento a forma di un monastero, il quale complesso è formato dalla villa padronale, una chiesa ed annesso agricolo, tutto accuratamente restaurato dal 2004 al 2008. Alberi secolari, uliveti, vigneti ed...

Stampa questa pagina Segnala via e-mail

Condividi:
fb-like
g-plus

Brisighella

Descrizione

Splendido e suggestivo borgo della provincia di Ravenna, Brisighella è arroccato su uno sperone roccioso dell'Appennino Tosco-Romagnolo, lungo la strada che collega Ravenna a Firenze. Sull'origine del toponimo si registrano tre diverse ipotesi: secondo alcuni deriverebbe dalla radice celto-longobarda "brix" (luogo scosceso), secondo altri dal tardo latino "brisca" (terra spugnosa) ed, infine, secondo una terza corrente di pensiero, da "brassica" (cavolo).
Le origini del borgo risalgono al 1200, quando il condottiero Maghinardo Pagani edificò su una delle tre guglie di selenite la roccaforte più importante della valle del Lamone. Nel XIV secolo, i Manfredi, signori di Faenza, iniziarono l'edificazione della rocca sulla seconda guglia. Dopo un breve periodo di occupazione da parte di Cesare Borgia, Brisighella passò prima ai Veneziani e poi allo Stato della Chiesa. Nel 1860, dopo la sconfitta delle truppe austriache, passò al Regno d'Italia.
Siti di interesse:
- l'antica Via degli Asini o del Borgo, suggestiva via sopraelevata, unica al mondo, illuminata da arcate di diversa ampiezza, detta Via degli Asini per le carovane di animali che trasportavano materiale dalle vicine cave di gesso;
- la Rocca Manfrediana e Veneziana, situata su uno dei tre pinnacoli rocciosi, si compone di un Torricino, costruito da Manfredi di Faenza nel 1300, e di una Rocca Veneziana, risalente al Cinquecento. Splendido esempio di architettura militare medievale, è oggi sede del Museo della Civiltà Contadina.
- la Torre dell'Orologio, baluardo difensivo risalente al 1290, fu ricostruito prima nel Cinquecento e, successivamente, nell'Ottocento;
- il Santuario del Monticino, situato sul terzo colle di Brisighella, risale al XVIII secolo;
- la Collegiata di San Michele Arcangelo, ultimata nel 1697, presenta un bel portale in bronzo e, all'interno, un crocifisso ligneo del Cinquecento, un altare policromo in stile neobarocco en una tavola del pittore forlivese Marco Palmezzano (XVI secolo).
- la Chiesa di Santa Maria degli Angeli, risalente al Cinquecento, è situata lungo la strada che porta a Firenze. All'interno è possibile ammirare una tavola del Palmezzano ed una Pietà di Giuseppe Rosetti.
- la Pieve del Tho, la pieve più antica della Valle del Lamone. Le sue origini si fanno risalire a Galla Placidia, figlia di Teodosio, che l'avrebbe fatta edificare utilizzando i materiali provenienti da un antico tempio pagano dedicato a Giove Ammone. Il periodo di costruzione è compreso tra l'VIII e il X secolo. In stile romanico, presenta una pianta basilicale a tre navate divise da colonnine tutte diverse tra loro (probabile materiale di reimpiego). All'interno sono ammirabili un capitello corinzio (ora utilizzato come acquasantiera) del I secolo d.C., un miliare romano, una lastra dell'VIII secolo, affreschi vari ed altro materiale portato alla luce durante le campagne di scavi.

Mappa

La pagina web di questo paese è stata visitata 43.831 volte.

Scegli la lingua

italiano

english