Locali d'Autore

Abbiamo a cuore la tua privacy

Come indicato nella cookie policy, noi e alcuni partner selezionati facciamo uso di tecnologie, quali i cookie, per raccogliere ed elaborare dati personali dai dispositivi (ad esempio l'indirizzo IP, tracciamenti precisi dei dispositivi e della posizione geografica), al fine di garantire le funzionalità tecniche, mostrarti pubblicità personalizzata, misurarne la performance, analizzare le nostre audience e migliorare i nostri prodotti e servizi. Con il tuo consenso potremo fare uso di tali tecnologie per le finalità indicate. Puoi liberamente conferire, rifiutare o revocare il consenso a tutti o alcuni dei trattamenti facendo click sul pulsante "Preferenze". Puoi acconsentire all'uso delle tecnologie sopra menzionate facendo click su "Accetta" o rifiutarne l'uso facendo click su "Rifiuta".

RifiutaPersonalizzaAccetta

Locali d'Autore

Il rispetto della tua riservatezza è la nostra priorità

Noi e i nostri fornitori archiviamo informazioni su un dispositivo (e/o vi accediamo), quali cookie e trattiamo i dati personali, quali gli identificativi unici e informazioni generali inviate da un dispositivo per le finalità descritte sotto. Puoi fare clic per consentire a noi e ai nostri fornitori di trattarli per queste finalità. In alternativa puoi fare clic per negare il consenso o accedere a informazioni più dettagliate e modificare le tue preferenze prima di acconsentire. Le tue preferenze si applicheranno solo a questo sito web. Si rende noto che alcuni trattamenti dei dati personali possono non richiedere il tuo consenso, ma hai il diritto di opporti a tale trattamento. Puoi modificare le tue preferenze in qualsiasi momento ritornando su questo sito o consultando la nostra informativa sulla riservatezza.

Cookie strettamente necessari Questi cookie sono necessari per il funzionamento del sito e non possono essere disattivati ​​nei nostri sistemi. Di solito vengono impostati solo in risposta alle azioni da te effettuate che costituiscono una richiesta di servizi, come l'impostazione delle preferenze di privacy, l'accesso o la compilazione di moduli. È possibile impostare il browser per bloccare o avere avvisi riguardo questi cookie, ma di conseguenza alcune parti del sito non funzioneranno. Questi cookie non archiviano informazioni personali.

Cookie per pubblicità mirata Questi cookie possono essere impostati tramite il nostro sito dai nostri partner pubblicitari. Possono essere utilizzati da queste aziende per costruire un profilo dei tuoi interessi e mostrarti annunci pertinenti su altri siti. Non memorizzano direttamente informazioni personali, ma sono basati unicamente sull'individuazione del tuo browser e del tuo dispositivo internet. Se non si accettano questi cookie, riceverai una pubblicità meno mirata.

Rifiuta tuttoAccetta tuttoAccetta selezionati

 

italiano

tu sei qui: Home Emilia Romagna Romagna D'Este e Terre di Faenza Russi

Strutture

Visita una località navigando tramite il menù a sinistra. In ogni zona d'Italia potrai successivamente scegliere le strutture turistiche d'eccellenza che ti proponiamo.

Stampa questa pagina Segnala via e-mail

Condividi:
fb-like
g-plus

Russi

Descrizione

Comune della provincia di Ravenna, grazie ai preziosi ritrovamenti archeologici portati alla luce nel territorio comunale, è possibile affermare con assoluta certezza che l'area fu interessata da insediamenti abitativi sin dal VII secolo a.C.. In particolare ciò è confermato da alcune tombe ad inumazione risalenti a tale periodo, rinvenute sotto il piano di calpestìo della villa romana, ed appartenute a popolazioni non etrusche. Successivamente alla caduta dell'Impero di Roma e alle invasioni barbariche, l'area fu progressivamente abbandonata. Nell'Alto Medioevo fu al centro di contese tra Faenza e Ravenna e nella seconda metà del XIV secolo Guido da Polenta sentì la necessità di fortificare i confini del territorio ravennate, per difenderli dagli attacchi dei Manfredi di Faenza e procedette alla costruzione del "castrum Russi". Il castello fu più volte oggetto di assedi e distruzioni da parte delle truppe di Cesare Borgia, delle forze della Lega di Cambrai, di Gastone di Foix e dell'esercito di Carlo di Borbone, dirette a Roma. Nel 1568 ritornò sotto il controllo di Faenza e, in seguito, dello Stato Pontificio. Nel 1859 fu annesso al Regno Sabaudo.
Siti di interesse:
- il bel centro storico, dall'aspetto settecentesco per la ricostruzione di molti edifici, in seguito al rovinoso terremoto del 1688;
- il complesso archeologico della Villa Romana, un grande complesso residenziale e produttivo di più di 3500 mq, formatosi in età augustea e attivo fino al IV secolo. Tra gli edifici, racchiusi da un portico esterno, si distinguono un quartiere residenziale con mosaici pavimentali di notevole bellezza e costruzioni lignee di servizio; le pitture parietali e le suppellettili sono raccolte nella sezione archeologica del Museo civico.
- i resti della Rocca trecentesca (il mastio e due torrioni) voluta da Guido da Polenta;
- la settecentesca Chiesa di Sant'Apollinare, affacciata su Piazza Farini, al cui interno sono conservati resti di affreschi duecenteschi provenienti dall'antica Chiesa di Sant'Apollinare;
- Chiesa di Santa Maria dei Servi, realizzata nel Settecento su rielaborazione del noto architetto faentino Gioacchino Tomba;
- la Pieve di Santo Stefano in Tegurio, risalente all'VIII secolo;
- la Pieve di San Pancrazio, risalente all'VIII secolo e, secondo la tradizione, fatta edificare da Galla Placidia, figlia dell'imperatore Teodosio;
- Palazzo San Giacomo, una delle più belle residenze nobiliari estive dell'Emilia Romagna. Fu costruito nel XVI secolo per volontà della famiglia Rasponi. L'attuale nome deriva da una piccola cappella familiare progettata da Cosimo Morelli nel XVIII secolo.

Mappa

La pagina web di questo paese è stata visitata 19.133 volte.

Scegli la lingua

italiano

english