Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

 

italiano

tu sei qui: Home Emilia Romagna Romagna D'Este e Terre di Faenza Sant'Agata sul Santerno

Strutture

Visita una località navigando tramite il menù a sinistra. In ogni zona d'Italia potrai successivamente scegliere le strutture turistiche d'eccellenza che ti proponiamo.

Stampa questa pagina Segnala via e-mail

Condividi:
fb-like
g-plus

Sant'Agata sul Santerno

Descrizione

Piccolo comune della provincia di Ravenna, Sant'Agata sul Santerno è situata lungo la Via San Vitale, che collega Bologna a Ravenna, nel punto in cui questa attraversa il fiume Santerno.
Menzionato per la prima volta in alcuni documenti dell'VIII secolo d.C., già dopo l'anno Mille il borgo era dotato di un castello e di una pieve. Il castello fu posseduto dai Faentini, poi dai Monaci Benedettini di Santa Maria in Cosmedin di Ravenna fino al 1377, poi dalla chiesa romana. In posizione strategicamente rilevante divenne oggetto di contesa fra i vari Signori della Romagna. Nel 1444 divenne di proprietà dei Duchi d'Este di Ferrara fino al 1501, anno in cui tornò di proprietà della chiesa. Dopo il 1859 Sant'Agata fu unita alla Provincia di Ravenna e nel 1863, con Decreto Regio, assunse l'attuale denominazione.
Siti di interesse:
- la Chiesa Arcipretale di Sant'Agata, ricostruita su una più antica chiesa rinascimentale. A croce latina, conserva all'interno alcuni dipinti di artisti locali, come Tasselli di Lugo (XII secolo) e Orfeo Orfei di Massalombarda (XIX secolo).
- la Torre Civica (o dell'Orologio), costruita sull'antica porta di accesso al castello. Risalente all'anno mille, secondo alcuni la fortificazione fu fatta erigere dal Barbarossa. Dell'antico castello non rimase che un torrione, trasformato, successivamente, in torre civica con un ampio arco di accesso, detto comunemente "Porta".
- il Municipio, da sempre utilizzato come edificio pubblico, si presume sia coevo all'edificazione del castello, per la presenza di muri obliqui a "scarpata".

Mappa

La pagina web di questo paese è stata visitata 15.697 volte.

Scegli la lingua

italiano

english