Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

 

italiano

tu sei qui: Home Veneto Belluno e Dolomiti Bellunesi San Nicolò di Comelico

Strutture

Visita una località navigando tramite il menù a sinistra. In ogni zona d'Italia potrai successivamente scegliere le strutture turistiche d'eccellenza che ti proponiamo.

Stampa questa pagina Segnala via e-mail

Condividi:
fb-like
g-plus

San Nicolò di Comelico

Descrizione

San Nicolò di Comelico è un'apprezzata località di soggiorno in provincia di Belluno, situato in posizione panoramica sul versante sinistro della Valle di Padola, ai confini con l'Austria.
Che la zona del Cadore fosse abitata sin dalla Preistoria si evince dal rinvenimento di necropoli ed iscrizioni. Nei secoli seguenti vi giunsero diverse popolazioni, tra cui i Liguri, gli Illirici, i Veneti, i Galli ed i Celti; i Romani colonizzarono l'area e probabilmente vi fecero passare una strada che univa la Val Pusteria ad Auronzo. Successero a Roma gli Eruli, gli Ostrogoti, i Franchi, i Bizantini, i Longobardi. Dallo studio delle tracce venute alla luce si evince che i primi insediamenti stabili nel Comelico esistevano sin dall'epoca precedente l'anno Mille. Nel XIII secolo nacquero le Regole, particolare sistema di gestione del territorio. San Nicolò di Comelico, come avvenne per molti altri comuni veneti, nel XIV secolo divenne parte del territorio della Repubblica di Venezia, vivendo un periodo particolarmente prospero, anche grazie allo sfruttamento minerario delle cave nella zona. Con il governo napoleonico furono eliminate le Regole ed istituiti i comuni. Caduto Napoleone, subentrarono gli Austriaci; successivamente l'area del Cadore fu annessa al Regno d'Italia.

Da vedere:
La parrocchiale dedicata a San Nicolò, di origine medievale, fu riedificata negli ultimi anni del XV secolo e più volte rimaneggiata. L'edificio, a navata unica con contrafforti in arenaria e monofore sui fianchi, presenta tetto a capanna, abside e presbiterio sono decorati da un ciclo di affreschi eseguiti nel 1492 da Gianfrancesco da Tolmezzo, conserva anche un dipinto di Cesare Bagni. Il campanile affianca la chiesa, possiede un aspetto solido e lineare, la cella campanaria è interrotta da bifore e sormontata da un tamburo su cui incide una cupoletta quasi sferica.
La chiesa della SS.Trinità e Santa Giulia a Gera conserva il corpo di Santa Giuliana, ivi trasferito nel 1845. Custodisce interessanti opere d'arte, tra cui un dipinto realizzato dal Lazzarini.
La chiesa di San Daniele nella frazione di Costa, risalente alla seconda metà del XIX secolo, su disegno del Palatini, custodisce pregevoli dipinti del Soligo e del Solero.
La chiesa del Sacro Cuore a Campitello.
La cappella dei Caduti a Tamai.

Mappa

La pagina web di questo paese è stata visitata 19.002 volte.

Scegli la lingua

italiano

english