Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

 

italiano

tu sei qui: Home Veneto Belluno e Dolomiti Bellunesi Danta di Cadore

Strutture

Visita una località navigando tramite il menù a sinistra. In ogni zona d'Italia potrai successivamente scegliere le strutture turistiche d'eccellenza che ti proponiamo.

Primo Piano

Qui ti proporremo informazioni e curiosità riguardanti l'area che stai visitando.

Stampa questa pagina Segnala via e-mail

Condividi:
fb-like
g-plus

Danta di Cadore

Descrizione

Il toponimo offre varie interpretazioni, tra cui quella che indicherebbe la vicinanza ad una caverna, dal latino "de antrum".
Comune in provincia di Belluno, situato ad oltre 1300 metri di altitudine, nel verde intenso dei prati e dei boschi di conifere, l'abitato, circondato dalle montagne, gode di scorci panoramici straordinariamente suggestivi. È il luogo ideale per passeggiare in alta quota e per assaporare l'impareggiabile sensazione del contatto con un ambiente incontaminato.
Tracce di insediamenti preistorici sono stati rinvenuti nel Cadore; si ipotizza che i primi abitati sorsero solo nei secoli VI e VII ad opera di popolazioni provenienti dalla Val Pusteria in fuga dalle invasioni barbariche. Nel XIII secolo si diffuse una particolare suddivisione e gestione del territorio, le Regole, affidata a turno ai capo-villaggio. Questa rigida ed autonoma struttura organizzativa fu riconosciuta e conservata anche dalla Repubblica di Venezia che dominò sulla zona sin dal XV secolo. Con il governo napoleonico furono eliminate le Regole ed istituiti i comuni. Caduto Napoleone, subentrarono gli Austriaci; poi il Cadore fu annesso al Regno d'Italia.

Da vedere:

La chiesa parrocchiale dei Santi Rocco e Sebastiano, citata già in atti risalenti al XV secolo, fu ristrutturata alla fine del XVIII secolo. Il massiccio campanile a base quadrata è delineato da grandi cornicioni che lo circondano interamente, nella cella campanaria si aprono ariose bifore ed in cima è collocato un orologio. Completa il tutto una insolita merlatura. All'interno della chiesa due statue lignee, opera del De Martin, una pala raffigurante i Santi Rocco e Sebastiano, realizzata dal Vecellio, una realizzata dal Da Rin ed una dal Barberis, due statue in legno del Demetz.
La chiesa di Santa Barbara, distante dal centro abitato, è stata edificata recentemente sul luogo in cui nel settecento era stato installato un capitello, oggetto di devozione, in un punto dal quale si domina la valle sottostante. È un grazioso edificio con tetto a capanna, completato da un campanile a guglia. Possiede un altare settecentesco.
Il Museo Paleontologico.

Mappa

La pagina web di questo paese è stata visitata 14.292 volte.

Scegli la lingua

italiano

english