Locali d'Autore

Abbiamo a cuore la tua privacy

Come indicato nella cookie policy, noi e alcuni partner selezionati facciamo uso di tecnologie, quali i cookie, per raccogliere ed elaborare dati personali dai dispositivi (ad esempio l'indirizzo IP, tracciamenti precisi dei dispositivi e della posizione geografica), al fine di garantire le funzionalità tecniche, mostrarti pubblicità personalizzata, misurarne la performance, analizzare le nostre audience e migliorare i nostri prodotti e servizi. Con il tuo consenso potremo fare uso di tali tecnologie per le finalità indicate. Puoi liberamente conferire, rifiutare o revocare il consenso a tutti o alcuni dei trattamenti facendo click sul pulsante "Preferenze". Puoi acconsentire all'uso delle tecnologie sopra menzionate facendo click su "Accetta" o rifiutarne l'uso facendo click su "Rifiuta".

RifiutaPersonalizzaAccetta

Locali d'Autore

Il rispetto della tua riservatezza è la nostra priorità

Noi e i nostri fornitori archiviamo informazioni su un dispositivo (e/o vi accediamo), quali cookie e trattiamo i dati personali, quali gli identificativi unici e informazioni generali inviate da un dispositivo per le finalità descritte sotto. Puoi fare clic per consentire a noi e ai nostri fornitori di trattarli per queste finalità. In alternativa puoi fare clic per negare il consenso o accedere a informazioni più dettagliate e modificare le tue preferenze prima di acconsentire. Le tue preferenze si applicheranno solo a questo sito web. Si rende noto che alcuni trattamenti dei dati personali possono non richiedere il tuo consenso, ma hai il diritto di opporti a tale trattamento. Puoi modificare le tue preferenze in qualsiasi momento ritornando su questo sito o consultando la nostra informativa sulla riservatezza.

Cookie strettamente necessari Questi cookie sono necessari per il funzionamento del sito e non possono essere disattivati ​​nei nostri sistemi. Di solito vengono impostati solo in risposta alle azioni da te effettuate che costituiscono una richiesta di servizi, come l'impostazione delle preferenze di privacy, l'accesso o la compilazione di moduli. È possibile impostare il browser per bloccare o avere avvisi riguardo questi cookie, ma di conseguenza alcune parti del sito non funzioneranno. Questi cookie non archiviano informazioni personali.

Cookie per pubblicità mirata Questi cookie possono essere impostati tramite il nostro sito dai nostri partner pubblicitari. Possono essere utilizzati da queste aziende per costruire un profilo dei tuoi interessi e mostrarti annunci pertinenti su altri siti. Non memorizzano direttamente informazioni personali, ma sono basati unicamente sull'individuazione del tuo browser e del tuo dispositivo internet. Se non si accettano questi cookie, riceverai una pubblicità meno mirata.

Rifiuta tuttoAccetta tuttoAccetta selezionati

 

italiano

tu sei qui: Home Veneto Belluno e Dolomiti Bellunesi Lorenzago di Cadore

Strutture

Visita una località navigando tramite il menù a sinistra. In ogni zona d'Italia potrai successivamente scegliere le strutture turistiche d'eccellenza che ti proponiamo.

Stampa questa pagina Segnala via e-mail

Condividi:
fb-like
g-plus

Lorenzago di Cadore

Descrizione

Il toponimo ha origine dall'antroponimo latino "Laurentius", probabilmente il nome di un colono romano. E' un comune in provincia di Belluno, situato su un altopiano circondato dal verde e dai massicci delle Dolomiti, sulla sinistra orografica del fiume Piave; l'abitato di Lorenzago di Cadore, che comprende anche il Monte Mauria, è caratterizzato dalla presenza di diversi corsi d'acqua e si trova ai confini con il Friuli Venezia Giulia. Si suddivide in due nuclei distinti: uno più antico, composto da due borgate, ed uno più moderno.
Il rinvenimento di reperti preistorici lascia ipotizzare che la zona su cui sorge oggi Lorenzago sia stata abitata sin dall'Età della Pietra. Si ipotizza che in epoche successive siano giunti i Reti, gli Illirici ed i Celti; fu, successivamente, colonizzata dai Romani. Con la dispersione dell'Impero di Roma, nonostante il territorio fosse impervio, il Cadore fu sottoposto alle invasioni di Eruli, Ostrogoti, Franchi, Bizantini, Longobardi e Franchi. Divenne parte del Marchesato del Friuli e, poi, passò per un periodo ai Duchi di Carinzia. Divenuto territorio del Patriarcato di Aquileia, fu infeudato ai Da Camino che governarono fino alla prima metà del XIV secolo e che concessero al Cadore uno statuto. Fece seguito il dominio veneziano che durò fino al 1797, anno in cui il Veneto fu conquistato dall'esercito francese. La storia seguente è condivisa da tutta la provincia.

Da vedere:

La chiesa parrocchiale di S.Ermagora e S.Fortunato fu edificata nel XV secolo. Più volte rimaneggiata, oggi mostra l'aspetto che le è stato conferito a seguito della ristrutturazione avvenuta sul finire del Settecento. Conserva al suo interno opere del Da Rin, dell'Alois, del Vicari e del Vecellio. L'organo risale alla fine del XVIII secolo.
La chiesa della Madonna della Difesa, di epoca cinquecentesca, fu ampliata nella prima metà del XIX secolo. E' abbellita da affreschi realizzati da Giovanni da Tolmezzo ed un organo settecentesco.
La chiesa di Sant'Antonio Abate risale alla fine del Settecento.
Palazzo Fabbro, oggi sede del Municipio, presenta un bellissimo loggiato disposto su due piani.
Palazzo Mainardi.
Casa De Lorenzo.
Casa Tremonti.
Casa De Donà.

Mappa

La pagina web di questo paese è stata visitata 20.990 volte.

Scegli la lingua

italiano

english