Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

 

italiano

tu sei qui: Home Trentino Alto Adige Paganella, Andalo, Molveno e Dolomiti di Brenta San Lorenzo in Banale

Strutture

Visita una località navigando tramite il menù a sinistra. In ogni zona d'Italia potrai successivamente scegliere le strutture turistiche d'eccellenza che ti proponiamo.

Primo Piano

Qui ti proporremo informazioni e curiosità riguardanti l'area che stai visitando.

Stampa questa pagina Segnala via e-mail

Condividi:
fb-like
g-plus

San Lorenzo in Banale

Descrizione

Con uno splendido panorama sulle Dolomiti di Brenta e le Giudicarie Esteriori, San Lorenzo in Banale è il principale comune del Banale, in provincia di Trento, composto da sette "ville": Berghi, Dollaso, Glolo, Pergnano, Prato, Busa e Senaso. Situato a poca distanza dal lago di Molveno, è il punto di partenza ideale per escursioni in Val Ambiez, lunghe ed ossigenanti passeggiate all'aria aperta e trekking lungo i sentieri montani; in inverno, invece, sono facilmente raggiungibili i comprensori sciistici di Andalo e della Paganella.
Il toponimo rivela una radice comune europea, che farebbe riferimento ai diritti feudali.
L'area fu abitata sin dai tempi più remoti, come attesta il villaggio palafitticolo della torbiera di Fiavè; i Romani sottomisero la popolazione alpina degli Stoni ed inglobarono questa zona nella giurisdizione del municipium di Brescia. Dopo la caduta dell'Impero si alternarono i Longobardi, prima, ed i Franchi, poi, i quali istituirono il potere temporale dei Vecovi-Principi di Trento. Col Trattato di Vienna del 1815 fu annesso alla contea di Tirolo.
Siti di interesse:
- i ruderi di Castel Mani;
- la seicentesca Chiesa di Sant'Apollonia;
- la Chiesa dei Santi Rocco e Sebastiano, con affreschi dei Baschenis;
- la Chiesa di San Matteo, con l'antico sagrato;
- i numerosi capitelli votivi;
- Casa Osei, edificio settecentesco che ospita una mostra etnografica permanente;
- la Casa del Parco "C'era una volta", custode della memoria contadina.

Mappa

La pagina web di questo paese è stata visitata 12.723 volte.

Scegli la lingua

italiano

english