Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

 

italiano

tu sei qui: Home Trentino Alto Adige Paganella, Andalo, Molveno e Dolomiti di Brenta Comano Terme

Strutture

Primo Piano

Qui ti proporremo informazioni e curiosità riguardanti l'area che stai visitando.

Stampa questa pagina Segnala via e-mail

Condividi:
fb-like
g-plus

Comano Terme

Descrizione

Comano Terme è una nota località turistico-termale della provincia di Trento, situata el cuore del Parco Naturale Adamello-Brenta, ai piedi delle Dolomiti di Brenta; nasce dalla fusione dei preesistenti comuni di Bleggio Inferiore e Lomaso. Le proprietà terapeutiche delle sue acque termali, indicate soprattutto per la cura delle dermatiti e dei problemi cutanei, erano note ed apprezzate già dai Romani. L'origine delle fonti termali, nonché del toponimo, viene fatta risalire, secondo la leggenda, alla mitica figura della Sibilla Cumana.
Oltre alle cure termali, è possibile approfittare degli splendidi sentieri montani per raggiungere la sommità del Monte Casale (1630 metri), i laghetti alpini, i massicci del Brenta e dell'Adamello-Presanella. In inverno, invece, è possibile praticare i tipici sport invernali presso i vicini comprensori sciistici di Andalo, Pinzolo, Madonna di Campiglio o le piste di Bolbeno.
Siti di interesse:
- Castel Spine, attualmente di proprietà privata, nasce come rifugio comunitario ed è stato in parte ricostruito;
- Castel Rèstor, le cui prime notizie risalgono al 1265 quando il Principe Vescovo di Trento Egnone donò a Federico d´Arco questo luogo, autorizzando la costruzione di una fortezza.
- Castel campo, situato nel vicino comune di Fiavè, si presenta ben conservato con mura e torri cilindriche, circondato da un folto bosco. E' attualmente di proprietà privata.
- la Chiesa cimiteriale di San Felice, a Bono di Bleggio, con affreschi dei Baschenis;
- la Chiesa di Santa Maria Assunta, a Dasindo, con preziosi dipinti;
- la Chiesa di San Giuliano, a Villa, circondata da un suggestivo paesaggio rurale;
- i resti del villaggio palafitticolo, scoperto nel vicino biotipo di Fiavè, risalenti dal 2300 al 1200 a.C..

Mappa

La pagina web di questo paese è stata visitata 22.372 volte.

Scegli la lingua

italiano

english