Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

 

italiano

tu sei qui: Home Lazio Roma e dintorni Ponzano Romano

Strutture

Visita una località navigando tramite il menù a sinistra. In ogni zona d'Italia potrai successivamente scegliere le strutture turistiche d'eccellenza che ti proponiamo.

Stampa questa pagina Segnala via e-mail

Condividi:
fb-like
g-plus

Ponzano Romano

Descrizione

Ponzano Romano è un piccolo comune della provincia di Roma, in posizione dominante la media Valle del Tevere, situato a circa 50km dalla capitale. Il toponimo deriverebbe da "pons Jani" (ponte di Giano) o dalla "gens Pontia", facoltosa famiglia romana, proprietaria di una villa e di terreni nella zona. I monaci benedettini, insediati nell'Abbazia di Sant'Andrea in Flumine sin dall'VIII secolo, nella metà dell'XI secolo presero possesso del fundus di Ponzano. Il borgo ha origini medievali, presumibilmente intorno al XIII secolo, sebbene l'area fosse stata abitata sin dal periodo preromano da Etruschi e Sabini.
Siti di interesse:
- il suggestivo borgo, dal tipico aspetto medievale, con stradine strette ed abitazioni in pietra le une attaccate alle altre, quasi a creare un muro difensivo;
- il Palazzo Abbaziale, parte integrante del sistema difensivo del castrum;
- l'Edicola votiva della Madonna, di cui si ha notizia sin dal Cinquecento, situata nella piazza antistante il Palazzo Abbaziale;
- la Chiesa di San Nicola di Bari, di cui è incerta la data di fondazione, conserva all'interno pregevoli capolavori provenienti dall'Abbazia di Sant'Andrea in Flumine;
- la Chiesa e il Convento di San Sebastiano;
- la suggestiva Abbazia di Sant'Andrea in Flumine, situata in posizione dominante e panoramica; la leggenda vuole che la chiesa sia stata fondata nel VI secolo da Galla, mentre il monastero da Carlomanno. La chiesa è caratterizzata da un raro esempio di jubé, una galleria su tre archi con funzione di pulpito e posta a divisione tra il presbiterio e la zona riservata ai fedeli. Si possono ancora ammirare gli splendidi mosaici cosmateschi e l'elegante ciborio firmato da Nicola e Giovanni Guittone. Al XV secolo risale la decorazione pittorica con la Resurrezione nel catino absidale e la Crocifissione nell'arco trionfale.

Mappa

La pagina web di questo paese è stata visitata 26.476 volte.

Scegli la lingua

italiano

english