Locali d'Autore

Abbiamo a cuore la tua privacy

Come indicato nella cookie policy, noi e alcuni partner selezionati facciamo uso di tecnologie, quali i cookie, per raccogliere ed elaborare dati personali dai dispositivi (ad esempio l'indirizzo IP, tracciamenti precisi dei dispositivi e della posizione geografica), al fine di garantire le funzionalità tecniche, mostrarti pubblicità personalizzata, misurarne la performance, analizzare le nostre audience e migliorare i nostri prodotti e servizi. Con il tuo consenso potremo fare uso di tali tecnologie per le finalità indicate. Puoi liberamente conferire, rifiutare o revocare il consenso a tutti o alcuni dei trattamenti facendo click sul pulsante "Preferenze". Puoi acconsentire all'uso delle tecnologie sopra menzionate facendo click su "Accetta" o rifiutarne l'uso facendo click su "Rifiuta".

RifiutaPersonalizzaAccetta

Locali d'Autore

Il rispetto della tua riservatezza è la nostra priorità

Noi e i nostri fornitori archiviamo informazioni su un dispositivo (e/o vi accediamo), quali cookie e trattiamo i dati personali, quali gli identificativi unici e informazioni generali inviate da un dispositivo per le finalità descritte sotto. Puoi fare clic per consentire a noi e ai nostri fornitori di trattarli per queste finalità. In alternativa puoi fare clic per negare il consenso o accedere a informazioni più dettagliate e modificare le tue preferenze prima di acconsentire. Le tue preferenze si applicheranno solo a questo sito web. Si rende noto che alcuni trattamenti dei dati personali possono non richiedere il tuo consenso, ma hai il diritto di opporti a tale trattamento. Puoi modificare le tue preferenze in qualsiasi momento ritornando su questo sito o consultando la nostra informativa sulla riservatezza.

Cookie strettamente necessari Questi cookie sono necessari per il funzionamento del sito e non possono essere disattivati ​​nei nostri sistemi. Di solito vengono impostati solo in risposta alle azioni da te effettuate che costituiscono una richiesta di servizi, come l'impostazione delle preferenze di privacy, l'accesso o la compilazione di moduli. È possibile impostare il browser per bloccare o avere avvisi riguardo questi cookie, ma di conseguenza alcune parti del sito non funzioneranno. Questi cookie non archiviano informazioni personali.

Cookie per pubblicità mirata Questi cookie possono essere impostati tramite il nostro sito dai nostri partner pubblicitari. Possono essere utilizzati da queste aziende per costruire un profilo dei tuoi interessi e mostrarti annunci pertinenti su altri siti. Non memorizzano direttamente informazioni personali, ma sono basati unicamente sull'individuazione del tuo browser e del tuo dispositivo internet. Se non si accettano questi cookie, riceverai una pubblicità meno mirata.

Rifiuta tuttoAccetta tuttoAccetta selezionati

 

italiano

tu sei qui: Home Lazio Litorale romano Civitavecchia

Strutture

Visita una località navigando tramite il menù a sinistra. In ogni zona d'Italia potrai successivamente scegliere le strutture turistiche d'eccellenza che ti proponiamo.

Stampa questa pagina Segnala via e-mail

Condividi:
fb-like
g-plus

Civitavecchia

Descrizione

In provincia di Roma, Civitavecchia è un attivissimo porto del litorale laziale, secondo in Europa per numero di passeggeri imbarcati verso le più rinomate località del bacino del Mediterraneo. Menzionata per la prima volta da Plinio il Giovane nel 107 d.C. col nome di "Centum Cellae", il rinvenimento in zona di modeste costruzioni rustiche attesta la presenza in loco di popolazioni di origini etrusche, esperti mercanti che, attraverso lo sfruttamento delle miniere dei Monti della Tolfa intensificarono gli scambi commerciali con le popolazioni limitrofe. Un forte incremento alla crescita economica e sociale della città si registrò quando sorsero per Roma nuove esigenze portuali, non essendo più sufficienti gli scali campani e quello di ostia: i lavori furono affidati ad Apollodoro di Damasco nel 102 d.C.. In seguito alla caduta dell'Impero Romano, Civitavecchia passò prima sotto il dominio bizantino e, successivamente, sotto il diretto controllo del papato, fino alle rovinose incursioni saracene dell'813 e dell'828 che spinsero i superstiti a trovare riparo nelle zone interne, meno esposte agli attacchi dei pirati. L'attuale toponimo cominciò a registrarsi dopo l'anno Mille, quando i vecchi abitanti di "Centumcellae" tornarono ad abitare al "Civitas vetula". Lo Stato della Chiesa si adoperò a rafforzare l'apparato difensivo della città, affidando ad Antonio da Sangallo l'edificazione delle mura, ordinando la costruzione di torrioni difensivi e munendola di una stabile flotta, in modo da rendere Civitavecchia un valido baluardo contro le incursioni saracene, così da diventare nuovamente il porto di Roma.
Siti di interesse:
- l'antica Aquae Tauri, città romana sorta su un preesistente abitato etrusco, caratterizzato da una fonte di acqua sulfurea, le cui proprietà terapeutiche erano note ed apprezzate sin dall'antichità;
- la Statio di Algae, nonché resti di villaggi e necropoli del periodo villanoviano;
- la necropoli etrusca del Marangone;
- le tombe a camera in località La Scaglia, risalenti al VI-V secolo a.C.;
- la villa marittima romana (I secolo d.C.), che occupava un'area di circa 4500mq esclusa la peschiera a mare;
- le Terme Taurine;
- la Cattedrale di San Francesco, realizzata nel XVIII secolo sul luogo in cui sorgeva un preesistente edificio religioso dedicato al medesimo santo, divenuto, ormai, troppo piccolo per accogliere la sempre crescente popolazione della città. I lavori furono affidati all'architetto Francesco Navona;
- la seicentesca Chiesa dell'Orazione della Morte, a croce greca, dalle linee semplici ed eleganti;
- la Chiesa della Vergine delle Grazie o della Stella, probabilmente la più antica della città;
- la Chiesa dei Santissimi martiri giapponesi (XIX secolo);
- il Forte Michelangelo, fatto costruire da papa Giulio II (lo stesso che commissionò a Michelangelo la decorazione della Cappella Sistina) nel luogo in cui sorgeva una vasta e complessa costruzione di epoca romana. I lavori furono affidati al Bramante e conclusi dai suoi allievi, mentre la realizzazione della parte superiore del Maschio fu affidata a Michelangelo;
- la Rocca, realizzata sulle rovine dell'antico porto romano, ed oggi inglobata in un edificio cinquecentesco;
- il muraglione, fatto costruire nel 1630 da papa Urbano VIII;
- il porto turistico Riva di Traiano;
- i numerosi ed interessanti relitti che affiorano dai fondali marini.

Mappa

La pagina web di questo paese è stata visitata 34.867 volte.

Scegli la lingua

italiano

english