Locali d'Autore

Abbiamo a cuore la tua privacy

Come indicato nella cookie policy, noi e alcuni partner selezionati facciamo uso di tecnologie, quali i cookie, per raccogliere ed elaborare dati personali dai dispositivi (ad esempio l'indirizzo IP, tracciamenti precisi dei dispositivi e della posizione geografica), al fine di garantire le funzionalità tecniche, mostrarti pubblicità personalizzata, misurarne la performance, analizzare le nostre audience e migliorare i nostri prodotti e servizi. Con il tuo consenso potremo fare uso di tali tecnologie per le finalità indicate. Puoi liberamente conferire, rifiutare o revocare il consenso a tutti o alcuni dei trattamenti facendo click sul pulsante "Preferenze". Puoi acconsentire all'uso delle tecnologie sopra menzionate facendo click su "Accetta" o rifiutarne l'uso facendo click su "Rifiuta".

RifiutaPersonalizzaAccetta

Locali d'Autore

Il rispetto della tua riservatezza è la nostra priorità

Noi e i nostri fornitori archiviamo informazioni su un dispositivo (e/o vi accediamo), quali cookie e trattiamo i dati personali, quali gli identificativi unici e informazioni generali inviate da un dispositivo per le finalità descritte sotto. Puoi fare clic per consentire a noi e ai nostri fornitori di trattarli per queste finalità. In alternativa puoi fare clic per negare il consenso o accedere a informazioni più dettagliate e modificare le tue preferenze prima di acconsentire. Le tue preferenze si applicheranno solo a questo sito web. Si rende noto che alcuni trattamenti dei dati personali possono non richiedere il tuo consenso, ma hai il diritto di opporti a tale trattamento. Puoi modificare le tue preferenze in qualsiasi momento ritornando su questo sito o consultando la nostra informativa sulla riservatezza.

Cookie strettamente necessari Questi cookie sono necessari per il funzionamento del sito e non possono essere disattivati ​​nei nostri sistemi. Di solito vengono impostati solo in risposta alle azioni da te effettuate che costituiscono una richiesta di servizi, come l'impostazione delle preferenze di privacy, l'accesso o la compilazione di moduli. È possibile impostare il browser per bloccare o avere avvisi riguardo questi cookie, ma di conseguenza alcune parti del sito non funzioneranno. Questi cookie non archiviano informazioni personali.

Cookie per pubblicità mirata Questi cookie possono essere impostati tramite il nostro sito dai nostri partner pubblicitari. Possono essere utilizzati da queste aziende per costruire un profilo dei tuoi interessi e mostrarti annunci pertinenti su altri siti. Non memorizzano direttamente informazioni personali, ma sono basati unicamente sull'individuazione del tuo browser e del tuo dispositivo internet. Se non si accettano questi cookie, riceverai una pubblicità meno mirata.

Rifiuta tuttoAccetta tuttoAccetta selezionati

 

italiano

tu sei qui: Home Lazio Litorale romano Anzio

Strutture

Visita una località navigando tramite il menù a sinistra. In ogni zona d'Italia potrai successivamente scegliere le strutture turistiche d'eccellenza che ti proponiamo.

Stampa questa pagina Segnala via e-mail

Condividi:
fb-like
g-plus

Anzio

Descrizione

Comune costiero della provincia di Roma, l'antica "Antium" (che comprende anche parte del territorio dell'attuale Nettuno), capitale dei Volsci, fu fondata da Anteo, figlio di Ulisse e della maga Circe (il ciclo troiano, invece, identifica in Ascanio, figlio di Enea, il fondatore della città).
Sebbene il rinvenimento di reperti archeologici risalenti all'Età della Pietra testimoni la presenza dell'uomo in questi luoghi sin dai tempi più remoti, le fondamenta del primo nucleo urbano risalgono al VI-V secolo a.C., quando i Volsci occuparono l'area da Terracina all'antica Neptunia. Una volta assorbita dalla cresente potenza romana, Anzio divenne luogo prescelto dai nobili patrizi per trascorrere le loro vacanze: numerosi, infatti, sono i resti di ville romane, alcune appartenute anche a personaggi di spicco della vita politica e culturale dell'Urbe, come Cicerone, Lucrezio, Bruto, Cassio, Caligola, Nerone e Mecenate.
Alla caduta dell'Impero Romano seguì un lungo periodo di declino e di abbandono, in cui si perse addirittura il nome di Anzio, a favore della vicina Nettuno. La rinascita si ebbe solo nel Seicento, con la ricostruzione del porto ad opera di papa Innocenzo XII. A partire dai primi anni del XIX secolo, quello che era un piccolo villaggio di pescatori si trasformò man mano nell'attuale cittadina, diventando località balneare e di soggiorno dell'alta borghesia romana.
Siti di interesse:
- la Villa di Nerone, imponente costruzione che si estendeva per più di 800 metri dalla punta di Capo d'Anzio fino al capo dell'Arco Muto. La leggenda vuole che proprio da questa villa Nerone assistette al rogo di Roma. La struttura subì notevoli rimaneggiamenti nel corso degli anni, quando appartenne ai vari imperatori che si succedettero al potere di Roma. Qui furono rinvenute la maggior parte delle splendide sculture, come l'Apollo del Belvedere, il Gladiatore Borghese e la Fanciulla di Anzio;
- i resti del teatro romano (I secolo d.C.), sulla collina di Santa Teresa;
- il porto innocenziano, fatto costruire da Innocenzo XII dopo che quello risalente al periodo neroniano fu distrutto in seguito ad un'incursione saracena;
- Villa Adele, la prima villa cardinalizia sorta ad Anzio (1615);
- Villa Albani, fatta costruire dal cardinale Alessandro Albani nel 1731;
- Villa Sarsina, fatta costruire tra il 1740 e il 1745 dal cardinale Neri Maria Corsini sulle rovine della villa dei Cesari;
- Villa Spigarelli (1920);
- War Commonwealth Cemetery di Santa Teresa;
- il Santuario di Santa Teresa di Gesù Bambino, terminato nel 1939, e realizzato su progetto dell'architetto romano Luigi Paletti.

Mappa

La pagina web di questo paese è stata visitata 29.184 volte.

Scegli la lingua

italiano

english