Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

 

italiano

tu sei qui: Home Lombardia Valtellina Chiuro

Strutture

Primo Piano

Qui ti proporremo informazioni e curiosità riguardanti l'area che stai visitando.

I più visitati in Chiuro

  • Pietro Nera Vini Lombardia

    L'attività vitivinicola dell'azienda familiare NERA ha iniziato negli anni '40 con Guido Nera al quale è succeduto, alla fine degli anni '50, il figlio Pietro che con caparbietà ed orgoglio ha accorpato circa 40 ettari di vigneti di proprietà siti nelle...

Stampa questa pagina Segnala via e-mail

Condividi:
fb-like
g-plus

Chiuro

Descrizione

Chiuro è un piccolo comune della media Valtellina, situato sulla sponda destra del fiume Adda, noto come importante centro enologico per la produzione del Valtellina Superiore DOCG e dello Sforzato da meditazione. L'area fu abitata sin dall'epoca preistorica, come testimoniano i ritrovamenti portati alla luce in località Castionetto ed oggi conservati presso il Museo Valtellinese di Storia e Arte di Sondrio. Monete di epoca romana, invece, attestano la presenza in loco di truppe o mercanti romani. E' menzionato per la prima volta in un documento del 918 col nome di "Clure" (è evidente la radice retico-etrusca "Clur"). Nell'XI secolo è sotto il controllo della Pieve di Trevisio. Fin dal XIII secolo Chiuro si organizzò in Comune. La popolazione fu divisa in Quadre e godette di un discreto benessere, grazie anche alla buona posizione delle contrade, situate lungo la Valeriana (l'antichissima strada che attraversava la Valtellina) e la strada di monte che portava a Teglio. Il paese ebbe un periodo di particolare fortuna nella prima metà del XV secolo con Stefano Quadrio, abile condottiero, fedele ai Visconti di Milano. Altro periodo di fioritura economica del borgo coincide col XVIII secolo, quando tutte le chiese ed i palazzi nobiliari furono arricchiti da fregi e decori.

Tra i siti di maggio interesse, menzioniamo:
- l'antico castello di Stefano Quadrio, dimora fortificata rimaneggiata nel corso dei secoli ed oggi sede di un'azienda vitivinicola;
- la parrocchiale dei Santi Giacomo e Andrea, già esistente nel XIII secolo. L'esterno presenta una facciata molto semplice, a capanna, appena abbellita nella parte inferiore da quattro lesene; l'interno, invece, è in stile barocco con fregi, stucchi, statue e dipinti settecenteschi.
- il cinquecentesco portico dei Disciplini con l'attigua cappella affrescata;
- il Santuario della Madonna della Neve (XVII secolo);
- la Parrocchia di San Bartolomeo, in località Castionetto, edificata intorno all'anno Mille;
- l'imponente torre di Castionetto, probabilmente appartenuta ai Quadrio;
- Palazzo Quadrio de' Maria Pontaschelli (XVI-XVIII secolo) e gli altri palazzi nobiliari.

Mappa

La pagina web di questo paese è stata visitata 26.513 volte.

Scegli la lingua

italiano

english