Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

 

italiano

  • I Miei Nonni Ponza

    I Miei Nonni Ponza

    casa vacanze a Ponza, holiday house a Ponza, appartamenti a Ponza, Le Forna, vacanze a Ponza

  • Hotel de Russie Roma

    Hotel de Russie Roma

    Ospitalità di Lusso e Charme Albergo 5 Stelle Rocco Forte Collection Hotel Benessere Beauty Center SPA Roma Lazio Italia

  • Hotel Gladiatori Palazzo Manfredi Roma

    Hotel Gladiatori Palazzo Manfredi Roma

    Ospitalità di Lusso e Charme Albergo 5 Stelle Ristorante esclusivo vista Colosseo Roma Lazio Italia

  • Hotel La Posta Vecchia Ladispoli

    Hotel La Posta Vecchia Ladispoli

    Ospitalità di Lusso e Charme Albergo 5 Stelle Luxury Resort Benessere Health & Beauty Club Ladispoli Roma Lazio Italia

  • Villas Amalfi Coast Accommodation

    Villas Amalfi Coast Accommodation

    Ospitalità Esclusiva Ville e Appartamenti Praiano Positano Costa d'Amalfi Penisola Sorrentina Riviera di Napoli Salerno Campania...

tu sei qui: Home Campania Benevento e dintorni Torrecuso

Strutture

I più visitati in Torrecuso

  • Cantine Iannella Vini Campania

    Cantine Iannella, fondata nel 1920 dal capostipite della famiglia Giovanni Iannella, inizialmente aveva una produzione che si limitava a soli 50 ql di vino. I vini prodotti erano l'Aglianico ( che ha reso celebre questo piccolo paesino sannita, dopo il...

Stampa questa pagina Segnala via e-mail

Condividi:
fb-like
g-plus

Torrecuso

Descrizione

Il toponimo deriva dal latino "toriculus", diminutivo di "torus" (altura), in riferimento alla particolare collocazione del centro abitato. Comune in provincia di Benevento, arroccato su un colle, alle pendici del Monte Pentime (appartenente per un versante a Torrecuso e per un altro lato a Vitulano), il paese domina dall'alto della sua posizione vaste aree, fertili e soleggiate, coltivate a grano,olivi e viti. Il territorio comunale si estende sulla sponda sinistra del Fiume Calore.
Non si conosce la data precisa della fondazione: qualcuno la fa risalire al 216 a.C., altri la anticipano all'anno 316 e la attribuiscono a profughi etruschi. La presenza di un ponte di epoca romana consente di affermare che la zona sia stata certamente frequentata dai Romani. Il borgo risulta citato per la prima volta in un testo risalente all'XI secolo: ciò, quindi, consente di ipotizzare una possibile origine medievale. La fondazione con molta probabilità avvenne a scopo di difesa della vicina città di Benevento che sotto i Longobardi era capitale. Nel corso della sua storia fu sotto il governo di diverse famiglie nobiliari: infatti divenne feudo dei Baroni Fenocchio, dei Della Leonessa, dei Caracciolo, dei Cito. Visse un periodo di particolare prosperità tra il XVII ed il XVIII secolo.
Da vedere:
La chiesa della Santissima Annunziata, risalente al XIV secolo, ha una facciata arricchita da larghe colonne, nicchie e finestre circolari, molto particolare perchè si apre a semicerchio, quasi a voler accogliere in un abbraccio il visitatore. In cima presenta un piccolo timpano ed, inglobato nella struttura, un alto campanile con base quadrata sormontato da un tamburo e da una cuspide. Conserva quadri di epoca settecentesca ed ottocentesca, una interessantissima pala d'altare, arricchita da una cornice dorata, raffigurante la Vergine e l'Angelo Gabriele, una Pietà del 1790, opera del pittore beneventano Musco, otto medaglioni dello stesso autore, un'opera del Castellano e le spoglie di San Vincenzo di Saragozza.
La chiesa parrocchiale di Sant'Erasmo, di cui non è noto l'anno di edificazione, presenta una facciata classicheggiante delineata da colonne e cornici. È una piccola costruzione a tre navate molto sviluppata verso il basso e sormontata da un piccolo ed elegante timpano sostenuto da una base che si raccorda delicatamente con la restante parte dell'edificio. Conserva al suo interno una pregevole tela raffigurante San Filippo Neri.
La chiesa di San Liberatore, preceduta da un piazzale, è costruita interamente in pietra. È un edificio basso e largo alla base, più stretto al centro. La semplicità della facciata è interrotta soltanto da una finestra circolare e dalla cornice che circonda il portale d'ingresso.
Il ponte Foenicolum, risalente all'epoca romana, è situato sul fiume Calore.
Palazzo Cito oggi sede del Comune.

Mappa

La pagina web di questo paese è stata visitata 41.777 volte.

Scegli la lingua

italiano

english