Locali d'Autore

Abbiamo a cuore la tua privacy

Come indicato nella cookie policy, noi e alcuni partner selezionati facciamo uso di tecnologie, quali i cookie, per raccogliere ed elaborare dati personali dai dispositivi (ad esempio l'indirizzo IP, tracciamenti precisi dei dispositivi e della posizione geografica), al fine di garantire le funzionalità tecniche, mostrarti pubblicità personalizzata, misurarne la performance, analizzare le nostre audience e migliorare i nostri prodotti e servizi. Con il tuo consenso potremo fare uso di tali tecnologie per le finalità indicate. Puoi liberamente conferire, rifiutare o revocare il consenso a tutti o alcuni dei trattamenti facendo click sul pulsante "Preferenze". Puoi acconsentire all'uso delle tecnologie sopra menzionate facendo click su "Accetta" o rifiutarne l'uso facendo click su "Rifiuta".

RifiutaPersonalizzaAccetta

Locali d'Autore

Il rispetto della tua riservatezza è la nostra priorità

Noi e i nostri fornitori archiviamo informazioni su un dispositivo (e/o vi accediamo), quali cookie e trattiamo i dati personali, quali gli identificativi unici e informazioni generali inviate da un dispositivo per le finalità descritte sotto. Puoi fare clic per consentire a noi e ai nostri fornitori di trattarli per queste finalità. In alternativa puoi fare clic per negare il consenso o accedere a informazioni più dettagliate e modificare le tue preferenze prima di acconsentire. Le tue preferenze si applicheranno solo a questo sito web. Si rende noto che alcuni trattamenti dei dati personali possono non richiedere il tuo consenso, ma hai il diritto di opporti a tale trattamento. Puoi modificare le tue preferenze in qualsiasi momento ritornando su questo sito o consultando la nostra informativa sulla riservatezza.

Cookie strettamente necessari Questi cookie sono necessari per il funzionamento del sito e non possono essere disattivati ​​nei nostri sistemi. Di solito vengono impostati solo in risposta alle azioni da te effettuate che costituiscono una richiesta di servizi, come l'impostazione delle preferenze di privacy, l'accesso o la compilazione di moduli. È possibile impostare il browser per bloccare o avere avvisi riguardo questi cookie, ma di conseguenza alcune parti del sito non funzioneranno. Questi cookie non archiviano informazioni personali.

Cookie per pubblicità mirata Questi cookie possono essere impostati tramite il nostro sito dai nostri partner pubblicitari. Possono essere utilizzati da queste aziende per costruire un profilo dei tuoi interessi e mostrarti annunci pertinenti su altri siti. Non memorizzano direttamente informazioni personali, ma sono basati unicamente sull'individuazione del tuo browser e del tuo dispositivo internet. Se non si accettano questi cookie, riceverai una pubblicità meno mirata.

Rifiuta tuttoAccetta tuttoAccetta selezionati

 

italiano

tu sei qui: Home Trentino Alto Adige Val di Sole, Pejo e Rabbi Peio

Strutture

Visita una località navigando tramite il menù a sinistra. In ogni zona d'Italia potrai successivamente scegliere le strutture turistiche d'eccellenza che ti proponiamo.

Stampa questa pagina Segnala via e-mail

Condividi:
fb-like
g-plus

Peio

Descrizione

Situato nella omonima valle, laterale ala Val di Sole, Pejo (o Peio) è un comune della provincia di Trento, immerso nella natura incontaminata del Parco Nazionale dello Stelvio, alle pendici del Monte Viòz. L'ambiente, particolarmente suggestivo, è caratterizzato da ghiacciai perenni, folti boschi e vegetazione spontanea, laghi naturali e due invasi artificiali per la produzione di energia idroelettrica (lago del Càreser e Pian Palù).
E' una rinomata località turistica, molto apprezzata in ogni periodo dell'anno, grazie ad un'ampia e variegata offerta turistica: in estate, infatti, è possibile effettuare trekking lungo i sentieri montani, escursioni verso le cime più alte ed apprezzare le gustose specialità casearie prodotte in maniera biologica; nei mesi più freddi, invece, gli amanti degli sport invernali potranno praticare snowboard, sci alpino, sci nordico e pattinaggio sul ghiaccio, approfittando delle moderne attrezzature e degli impianti di risalita di ultima generazione.
Nella località Peio Fonti, inoltre, grazie alla presenza di acque termali, conosciute per le loro proprietà terapeutiche sin dal 1600, coloro che sono alla ricerca di una vacanza salutare e rilassante ritroveranno qui il loro equilibrio psicofisico, messo a dura prova dalla stressante vita quotidiana.
L'area della Valle di Pejo fu abitata da popolazioni gallo-retiche già alcuni anni prima di Cristo, come rivelano i ritrovamenti portati alla luce in prossimità del dosso di San Rocco; inoltre la zona fu interessata da un'intensa attività estrattiva sin dal 1360, attività che si è conclusa solo da alcuni decenni. La storia della Valle di Pejo è stata sempre legata alle sorti della vicina Val di Sole e del Principato-Vescovile di Trento. Le più antiche norme di comunità risalgono al 1456 con la "Carta di Regola di Celentino e Strombiano" e 1522 "Carta di Regola di Pèio", sorta di statuti incentrati sull'uso del territorio e conseguente autogoverno.
Per quanto riguarda, invece, l'origine del toponimo, adottato nel 1928 per indicare l'insieme di tutte le località della valle, è attestato sin dal 1200 e, secondo alcuni, deriverebbe dall'etnico-celtico "pellus".
Siti di interesse:
- la Chiesa di San Giorgio, a Peio paese, la cui struttura risale al Quattrocento e fu oggetto di un ampliamento nella prima metà del Seicento. L'interno si presenta a due navate Degno di nota è l'adiacente campanile, eretto tra il 1480 ed il 1483, in cui spicca l'enorme figura affrescata di San Cristoforo, opera dei fratelli Giovanni e Battista Baschenis.
- la Chiesetta di San Rocco, immersa tra gli alti larici del dosso omonimo;
- la Chiesa dei Santi Filippo e Giacomo a Cògolo, costruita nel 1332 ed ampliata nei secoli successivi, con pareti esterne affrescate (XVII secolo) ed, all'interno, un ciclo raffigurante scene di vita di Santa Caterina dei fratelli Baschenis;
- la Chiesa di San Bartolomeo, a Pegaia, con affreschi interni ed esterni risalenti al Cinquecento;
- la Chiesa dei Santi Fabiano e Sebastiano, con cappella ed affreschi dei Baschenis;
- la quattrocentesca Chiesa di San Matteo a Comesine, con pregevoli altari lignei provenienti dalla Chiesa di Santa Lucia;
- la Chiesa di Sant'Agostino, a Celentino, attestata sin dal 1300, sebbene le forme attuali risalgano al secolo scorso, si presenta in stile neoclassico, affiancata da un campanile con cupola a cipolla;
- la Chiesa di San Camillo, a Pejo Fonti, risalente alla metà del Novecento, quando si decise di ampliare le semplice edicola votiva settecentesca;
- la cappella della Madonna Nera;
- la settecentesca Cappella di sant'Antonio da Padova, a Strombiano;
- la torre di Strombiano, di probabile origine medievale;
- il complesso termale a Pejo Fonti;
- il palazzo Migazzi, oggi sede della Biblioteca Comunale;
- il Museo della Grande Guerra;
- i resti del forte austriaco di Barbadifiore;
- la Segheria Museo del Legno a Celentino.

Mappa

La pagina web di questo paese è stata visitata 23.280 volte.

Scegli la lingua

italiano

english