Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

 

italiano

  • Hotel Accademia Trento

    Hotel Accademia Trento

    Ospitalità di Qualità Albergo 4 Stelle Ristorante Trento Trentino Alto Adige Sud Tirolo Italia

  • Amalfi Transfer Tour

    Amalfi Transfer Tour

    Trasferimento ed escursioni in Costa d'Amalfi, Costiera Amalfitana Tour, lemon tour, trasferimenti Positano, Amalfi, Ravello Stazione...

  • Ristorante Taverna di Moranda

    Ristorante Taverna di Moranda

    ristorante tipico, cucina tipica toscana, vini toscani, Cucina italiana, Pienza, Toscana

  • Novecento Boutique Hotel Venezia

    Novecento Boutique Hotel Venezia

    Ospitalità di Qualità Boutique Hotel 3 Stelle Albergo di Charme Venezia Veneto Italia

  • Ristorante Pascalò

    Ristorante Pascalò

    Gastronomia di Qualità Arte in Tavola Cucina Marinara Vietri sul Mare Riviera di Napoli Salerno Costiera Amalfitana Campania Italia

tu sei qui: Home Trentino Alto Adige Trento, Monte Bondone, Valle dell'Adige Faedo

Strutture

I più visitati in Faedo

  • Pojer e Sandri Vini Trentino

    L'Azienda Pojer & Sandri nasce nel 1975 dall'incontro dei giovani Fiorentino Sandri e Mario Pojer. Il primo aveva appena ereditato circa due ettari di vigneto, il secondo si era di recente diplomato enologo alla prestigiosa scuola di enologia di San Michele...

Stampa questa pagina Segnala via e-mail

Condividi:
fb-like
g-plus

Faedo

Descrizione

Faedo è un piccolo e suggestivo borgo della provincia di Trento, situato in una invidiabile posizione collinare che domina la sottostante Valle dell'Adige; si presenta come un grumo di case attorno alle due chiese principali, sorvegliate dalla facciata imponente del castello e, tutto intorno, filari regolari di vigneti, da cui si producono eccellenti vini, già apprezzati ai tempi dei Romani, come ricorda lo storico Svetonio.
Sebbene la prima menzione del borgo risalga al VI secolo, in occasione degli scontri tra truppe longobarde e franche, in realtà già nel I secolo d.C. questi luoghi furono il campo di battaglia tra le truppe romane, guidate dal console Domiziano Lucatio Catullo, e quelle germaniche, sotto la guida del re Koels; queste ultime furono sconfitte ed i legionari romani presero possesso della rocca. Nel 1243 fu ricostruito il Castel Monreale (o Konigsberg) sui resti dell'antica rocca; ma lo sviluppo del borgo si registrò tra il XII ed il XIII secolo, in concomitanza con la massiccia opera di disboscamento, che comportò l'immigrazione di coloni (rucantores), a cui, successivamente, furono affidate le terre da coltivare con contratto di enfiteusi.
Numerosi ed interessanti i sentieri naturalistici, percorribili a piedi o in mountain bike; per gli amanti degli sport invernali, invece, è possibile raggiungere le piste sciistiche della Paganella e di Bondone.
Attrazioni:
- la suggestiva architettura edilizia del borgo, molto compatta, con i tipici "porteghi", passaggi indispensabili per districarsi nella chiusa organizzazione dello spazio;
- il Castello di Monreale (o Konigsberg), dalla possente struttura medievale, realizzato nella prima metà del XIII secolo a presidio della strada che, salendo verso Faedo, proseguiva verso la Valle di Cembra. Il toponimo, secondo alcuni, deriverebbe da un matrimonio politico avvenuto tra Autari, re dei Longobardi, e Teodolinda, figlia del re di Baviera. Garibaldo.
- la Chiesa di Sant'Agata, menzionata in documenti ufficiali sin dal XII secolo, sebbene sia stata consacrata solo nel XIV secolo. Si presenta in stile barocco con elementi romanici, preceduto da un elegante pronao rinascimentale. All'interno meritano una visita il monumentale altare barocco in legno scolpito, gli stemmi dei duchi d'Austria, il settecentesco fonte battesimale ed il pulpito in legno.
- la Chiesa di San Michele, costruita nel Seicento dopo che il preesistente edificio andò distrutto da un incendio; all'interno vi sono pregevoli affreschi dell'Alberti e del Ruprecht;
- il Museo degli usi e dei Costumi della Gente Trentina, ospitato nelle sale del Monastero di San Michele Arcangelo, ufficialmente costituito nel 1145 dal vescovo Altamanno.

Mappa

La pagina web di questo paese è stata visitata 32.000 volte.

Scegli la lingua

italiano

english