Locali d'Autore

Abbiamo a cuore la tua privacy

Come indicato nella cookie policy, noi e alcuni partner selezionati facciamo uso di tecnologie, quali i cookie, per raccogliere ed elaborare dati personali dai dispositivi (ad esempio l'indirizzo IP, tracciamenti precisi dei dispositivi e della posizione geografica), al fine di garantire le funzionalità tecniche, mostrarti pubblicità personalizzata, misurarne la performance, analizzare le nostre audience e migliorare i nostri prodotti e servizi. Con il tuo consenso potremo fare uso di tali tecnologie per le finalità indicate. Puoi liberamente conferire, rifiutare o revocare il consenso a tutti o alcuni dei trattamenti facendo click sul pulsante "Preferenze". Puoi acconsentire all'uso delle tecnologie sopra menzionate facendo click su "Accetta" o rifiutarne l'uso facendo click su "Rifiuta".

RifiutaPersonalizzaAccetta

Locali d'Autore

Il rispetto della tua riservatezza è la nostra priorità

Noi e i nostri fornitori archiviamo informazioni su un dispositivo (e/o vi accediamo), quali cookie e trattiamo i dati personali, quali gli identificativi unici e informazioni generali inviate da un dispositivo per le finalità descritte sotto. Puoi fare clic per consentire a noi e ai nostri fornitori di trattarli per queste finalità. In alternativa puoi fare clic per negare il consenso o accedere a informazioni più dettagliate e modificare le tue preferenze prima di acconsentire. Le tue preferenze si applicheranno solo a questo sito web. Si rende noto che alcuni trattamenti dei dati personali possono non richiedere il tuo consenso, ma hai il diritto di opporti a tale trattamento. Puoi modificare le tue preferenze in qualsiasi momento ritornando su questo sito o consultando la nostra informativa sulla riservatezza.

Cookie strettamente necessari Questi cookie sono necessari per il funzionamento del sito e non possono essere disattivati ​​nei nostri sistemi. Di solito vengono impostati solo in risposta alle azioni da te effettuate che costituiscono una richiesta di servizi, come l'impostazione delle preferenze di privacy, l'accesso o la compilazione di moduli. È possibile impostare il browser per bloccare o avere avvisi riguardo questi cookie, ma di conseguenza alcune parti del sito non funzioneranno. Questi cookie non archiviano informazioni personali.

Cookie per pubblicità mirata Questi cookie possono essere impostati tramite il nostro sito dai nostri partner pubblicitari. Possono essere utilizzati da queste aziende per costruire un profilo dei tuoi interessi e mostrarti annunci pertinenti su altri siti. Non memorizzano direttamente informazioni personali, ma sono basati unicamente sull'individuazione del tuo browser e del tuo dispositivo internet. Se non si accettano questi cookie, riceverai una pubblicità meno mirata.

Rifiuta tuttoAccetta tuttoAccetta selezionati

 

italiano

tu sei qui: Home Piemonte Biella, Novara e Vercelli Candelo

Strutture

Visita una località navigando tramite il menù a sinistra. In ogni zona d'Italia potrai successivamente scegliere le strutture turistiche d'eccellenza che ti proponiamo.

Primo Piano

Qui ti proporremo informazioni e curiosità riguardanti l'area che stai visitando.

Stampa questa pagina Segnala via e-mail

Condividi:
fb-like
g-plus

Candelo

Descrizione

E' un comune in provincia di Biella, situato a poca distanza dal capoluogo di provincia, sulla destra del torrente Cervo. Nel territorio comunale è compresa una grande parte della Baraggia, lembo di territorio rimasto incolto, vasto circa 5000 ettari, particolare per caratteristiche botaniche e geologiche, per proteggere il quale la Regione Piemonte ha istituito una riserva, la Riserva Naturale Orientata delle Baragge che comprende anche territori nelle province di Biella, Vercelli e Novara. Conserva un ricetto, un paese nel paese, fortificato e disabitato, dal latino "receptum" (rifugio), per derrate ed animali, nonché per gli abitanti in epoche di epidemie e guerre. La pianta, che doveva essere quadrata, è divenuta pentagonale per adattarsi alle asperità del terreno, le mura di cinta presentano torri circolari agli angoli e due quadrate all'ingresso e sul lato opposto rispetto alla via principale. Il perimetro interno è separato dalle case per formare la "via di lizza", le altre strade sono disposte a pettine. Ingegnose ed ancora attuali le soluzioni architettoniche, come la "riana", una stretta intercapedine creata tra le case per raccogliere l'acqua piovana e per impedire agli incendi di propagarsi.
Nel 988 Candelo appartenne a Manfredo di Cavaglià, figlio del conte di Vercelli; successivamente fu ceduto al conte Amedeo VI di Savoia, al piacentino Gerardo Fontana, condiviso con i Novellino, i Lessona ed i Villani. Nel 1489 divenne possesso di Sebastiano Ferrero e passò per successione al ramo dei Ferrero Fieschi. Durante la seconda metà del XVI secolo il feudo divenne contea e nello stesso periodo fu più volte invaso dai Francesi e flagellato dalla peste. Nella prima metà del XVIII secolo divenne feudo di Vittorio Amedeo Fieschi. Subì la dominazione napoleonica e successivamente vide il ritorno dei Savoia con i quali rientrarono in vigore i vecchi statuti comunali.

Da vedere:

La chiesa di Santa Maria Maggiore, sorta prima dell'anno Mille, è la parrocchia più antica del paese. Originariamente ad unica navata, è stata oggetto di numerosi rimaneggiamenti fino al XVIII secolo. Attualmente presenta tre navate divise da colonne di granito. La facciata è abbellita da un portico risalente alla prima metà del XVII secolo e da un portale in legno realizzato da Antonio Ferrarone nel 1736. Il campanile risale al periodo compreso tra il XVI ed il XVII secolo. Al suo interno pregevoli opere del XVII secolo e rifiniture in legno di ottima fattura: nella piccola cappella di San Giovanni Battista è conservata una pala del XVII secolo raffigurante la Sacra Famiglia con Santa Elisabetta e San Giovanni, di autore ignoto, una tavola raffigurante la Crocifissione, opera nel 1572, di Boniforte Oldoni, la volta della navata destra fu affrescata da Gaspare de Fornerio e risalgono al periodo compreso tra il XV-XVI secolo.
La parrocchiale di San Pietro, citata già nel 1222, fu ricostruita a partire dal 1679. La facciata risale alla prima metà del XX secolo ed è opera dell'architetto Mosso, presenta un bel portale intagliato risalente al XVIII secolo, una sacrestia settecentesca, pregevoli arredi, dipinti e sculture risalenti al XVII e XVIII secolo.
La chiesa di San Lorenzo, risalente al periodo precedente l'anno Mille e ristrutturata nel XVII secolo in stile barocco, presenta una pregevole porta risalente al XVIII attribuita a Carlo Francesco Aureggio, sculture dello stesso periodo realizzato dallo stesso e dal fratello Pietro Giuseppe, un pregevole pulpito, una statua della Madonna del Carmine, un Crocifisso del Seicento e busti reliquiari e paramenti sacri del XVIII secolo. Il campanile è ugualmente del XVIII secolo.
L'oratorio d Santa Croce, eretto tra il 1640 ed il 1643 e restaurato nel XX secolo, presenta l'architrave del presbiterio in legno intagliato e dipinto risalente al XVII secolo, un Crocifisso ligneo di Giuseppe Orsini e la reliquia della Santa Croce.
L'oratorio dei Santi Grato e Giacomo fu edificato nel 1683 su una preesistente cappella già dedicata a San Grato. Ad unica navata, conserva un altare del 1765.
Il Ricetto.

Mappa

La pagina web di questo paese è stata visitata 16.463 volte.

Scegli la lingua

italiano

english