Locali d'Autore

Abbiamo a cuore la tua privacy

Come indicato nella cookie policy, noi e alcuni partner selezionati facciamo uso di tecnologie, quali i cookie, per raccogliere ed elaborare dati personali dai dispositivi (ad esempio l'indirizzo IP, tracciamenti precisi dei dispositivi e della posizione geografica), al fine di garantire le funzionalità tecniche, mostrarti pubblicità personalizzata, misurarne la performance, analizzare le nostre audience e migliorare i nostri prodotti e servizi. Con il tuo consenso potremo fare uso di tali tecnologie per le finalità indicate. Puoi liberamente conferire, rifiutare o revocare il consenso a tutti o alcuni dei trattamenti facendo click sul pulsante "Preferenze". Puoi acconsentire all'uso delle tecnologie sopra menzionate facendo click su "Accetta" o rifiutarne l'uso facendo click su "Rifiuta".

RifiutaPersonalizzaAccetta

Locali d'Autore

Il rispetto della tua riservatezza è la nostra priorità

Noi e i nostri fornitori archiviamo informazioni su un dispositivo (e/o vi accediamo), quali cookie e trattiamo i dati personali, quali gli identificativi unici e informazioni generali inviate da un dispositivo per le finalità descritte sotto. Puoi fare clic per consentire a noi e ai nostri fornitori di trattarli per queste finalità. In alternativa puoi fare clic per negare il consenso o accedere a informazioni più dettagliate e modificare le tue preferenze prima di acconsentire. Le tue preferenze si applicheranno solo a questo sito web. Si rende noto che alcuni trattamenti dei dati personali possono non richiedere il tuo consenso, ma hai il diritto di opporti a tale trattamento. Puoi modificare le tue preferenze in qualsiasi momento ritornando su questo sito o consultando la nostra informativa sulla riservatezza.

Cookie strettamente necessari Questi cookie sono necessari per il funzionamento del sito e non possono essere disattivati ​​nei nostri sistemi. Di solito vengono impostati solo in risposta alle azioni da te effettuate che costituiscono una richiesta di servizi, come l'impostazione delle preferenze di privacy, l'accesso o la compilazione di moduli. È possibile impostare il browser per bloccare o avere avvisi riguardo questi cookie, ma di conseguenza alcune parti del sito non funzioneranno. Questi cookie non archiviano informazioni personali.

Cookie per pubblicità mirata Questi cookie possono essere impostati tramite il nostro sito dai nostri partner pubblicitari. Possono essere utilizzati da queste aziende per costruire un profilo dei tuoi interessi e mostrarti annunci pertinenti su altri siti. Non memorizzano direttamente informazioni personali, ma sono basati unicamente sull'individuazione del tuo browser e del tuo dispositivo internet. Se non si accettano questi cookie, riceverai una pubblicità meno mirata.

Rifiuta tuttoAccetta tuttoAccetta selezionati

 

italiano

tu sei qui: Home Trentino Alto Adige Rovereto, Vallagarina, Altopiano di Brentonico Brentonico

Strutture

Visita una località navigando tramite il menù a sinistra. In ogni zona d'Italia potrai successivamente scegliere le strutture turistiche d'eccellenza che ti proponiamo.

Stampa questa pagina Segnala via e-mail

Condividi:
fb-like
g-plus

Brentonico

Descrizione

Comune della provincia di Trento, Brentonico comprende tutta l'area dell'altopiano omonimo (anche se, in realtà, si tratta di una serie di terrazzi morenici) a nord-est della catena del Monte Baldo, tra il Lago di Garda e la Valle dell'Adige. Gode di un vasto panorama che spazia dal Lago di Garda alla Pianura Padana, dalle Dolomiti alle Alpi; in inverno, inoltre, è possibile divertirsi sulle piste del carosello sciistico di BrentonicoSki, i cui impianti sono prevalentemente concentrati nelle frazioni di Polsa, San Valentino e San Giacomo.
Sebbene l'area della Valle del Sorna fosse abitata dall'uomo sin dal periodo preistorico, prima, e romano, poi, come attestano gli interessanti ritrovamenti archeologici portati alla luce, solo nel medioevo si verificò una vera e propria colonizzazione intensiva dei luoghi, in concomitanza con la bonifica della montagna. Il castello di Brentonico è citato già nel 590 tra i castelli tridentini distrutti dai Franchi. Sottoposta ai veneziani dal 1411 al 1509, la valle ritornò in seguito al principato vescovile di Trento; nel 1703 le truppe francesi diroccarono il castello di Dossomaggiore, mentre nel maggio del 1915 la popolazione fu evacuata in parte in Austria ed in parte in Italia.
Il toponimo, secondo alcuni, deriverebbe dalla sua particolare forma a catino ("brenta" in dialetto trentino).
Siti di interesse:
- la Chiesa dei Santi Pietro e paolo, edificata nella seconda metà del XVI secolo su un preesistente edificio romanico di cui rimangono ancora molti resti, come la Cripta di san Giovanni (con ingresso a botola), alcuni affreschi, colonne cilindriche con capitello scolpito ed altari. Ricordata come pieve già nel XII secolo, è una delle chiese più illustri del Trentino e presenta un portale protetto da un atrio sui cui piedritti sono ancora ben visibili le misure metriche comunitarie. Oltre ai pregevoli capolavori artistici datati tutti XVI-XVII secolo, nella chiesa è conservata anche la bella pala d'altare della distrutta Chiesa di Fano.
- la Chiesetta di san Romedio, a pianta esagonale;
- la Chiesa di San Rocco, in stile barocco.
- la parrocchia di San Clemente a Castione, a tre navate con elegante fonte battesimale barocco;
- la Chiesa della Natività della Beata Vergine (XVII secolo) a Cazzano;
- la parrocchiale di San Zeno, ampliata nel Seicento;
- la seicentesca Chiesa di San Carlo a Sorne.
- la cinquecentesca Chiesa di San Matteo a Cornè;
- la parrocchiale di Santa Maria Maddalena a Prada, già menzionata nel 1456;
- la Chiesa di Sant'Anna (XVIII secolo) a Saccone;
- la Chiesa di San Giacomo, nell'omonima frazione, già menzionata nel 1570;
- i pochissimi resti del castello Terodol (XIV secolo);
- i resti di castel Rovione;
- i ruderi di castello Sajori;
- le rovine del castello di Dossomaggiore
- camminamenti e gallerie risalenti alla I Guerra Mondiale;
- la fontana settecentesca nella piazza antistante la Chiesa dei Santi Pietro e Paolo.
- le numerose residenze signorili (casa Baisi, casa Balista, palazzo Eccheli-Baisi);
- il Parco del Palù.
- la Riserva Naturale di Corna Piana.
- sporadici rinvenimenti preistorici nei pressi della Chiesa di Sant'Antonio.
- una fonte d'acqua salino-ferruginosa a temperatura costante di 8°C alle Molette.

Mappa

La pagina web di questo paese è stata visitata 24.548 volte.

Scegli la lingua

italiano

english