Locali d'Autore

Abbiamo a cuore la tua privacy

Come indicato nella cookie policy, noi e alcuni partner selezionati facciamo uso di tecnologie, quali i cookie, per raccogliere ed elaborare dati personali dai dispositivi (ad esempio l'indirizzo IP, tracciamenti precisi dei dispositivi e della posizione geografica), al fine di garantire le funzionalità tecniche, mostrarti pubblicità personalizzata, misurarne la performance, analizzare le nostre audience e migliorare i nostri prodotti e servizi. Con il tuo consenso potremo fare uso di tali tecnologie per le finalità indicate. Puoi liberamente conferire, rifiutare o revocare il consenso a tutti o alcuni dei trattamenti facendo click sul pulsante "Preferenze". Puoi acconsentire all'uso delle tecnologie sopra menzionate facendo click su "Accetta" o rifiutarne l'uso facendo click su "Rifiuta".

RifiutaPersonalizzaAccetta

Locali d'Autore

Il rispetto della tua riservatezza è la nostra priorità

Noi e i nostri fornitori archiviamo informazioni su un dispositivo (e/o vi accediamo), quali cookie e trattiamo i dati personali, quali gli identificativi unici e informazioni generali inviate da un dispositivo per le finalità descritte sotto. Puoi fare clic per consentire a noi e ai nostri fornitori di trattarli per queste finalità. In alternativa puoi fare clic per negare il consenso o accedere a informazioni più dettagliate e modificare le tue preferenze prima di acconsentire. Le tue preferenze si applicheranno solo a questo sito web. Si rende noto che alcuni trattamenti dei dati personali possono non richiedere il tuo consenso, ma hai il diritto di opporti a tale trattamento. Puoi modificare le tue preferenze in qualsiasi momento ritornando su questo sito o consultando la nostra informativa sulla riservatezza.

Cookie strettamente necessari Questi cookie sono necessari per il funzionamento del sito e non possono essere disattivati ​​nei nostri sistemi. Di solito vengono impostati solo in risposta alle azioni da te effettuate che costituiscono una richiesta di servizi, come l'impostazione delle preferenze di privacy, l'accesso o la compilazione di moduli. È possibile impostare il browser per bloccare o avere avvisi riguardo questi cookie, ma di conseguenza alcune parti del sito non funzioneranno. Questi cookie non archiviano informazioni personali.

Cookie per pubblicità mirata Questi cookie possono essere impostati tramite il nostro sito dai nostri partner pubblicitari. Possono essere utilizzati da queste aziende per costruire un profilo dei tuoi interessi e mostrarti annunci pertinenti su altri siti. Non memorizzano direttamente informazioni personali, ma sono basati unicamente sull'individuazione del tuo browser e del tuo dispositivo internet. Se non si accettano questi cookie, riceverai una pubblicità meno mirata.

Rifiuta tuttoAccetta tuttoAccetta selezionati

 

italiano

tu sei qui: Home Calabria Reggio Calabria ed Aspromonte Reggio Calabria

Strutture

Stampa questa pagina Segnala via e-mail

Condividi:
fb-like
g-plus

Reggio Calabria

Descrizione

La fondazione di Reggio Calabria, ad opera dei coloni di Calcide, città dell'isola di Eubea, risale al VII sec. a.C.. La sua posizione geografica unita ad un governo illuminato ne fecero presto una delle capitali della Magna Grecia: La storia antica della città segue le grandi vicende del mediterraneo, ma i frequenti sismi che nei secoli l'hanno colpita ( quello del 1783 e, soprattutto, quello del 1908) hanno lasciato pochi segni del suo grande passato. Rimangono, tuttavia, i resti di mura preromane, ruderi di un tempio del V secolo, una tomba di età ellenistica e le terme romane, con pavimento in mosaico.
Passeggiando sul lungomare della città, definito da Gabriele D'Annunzio "il più bel chilometro d'Italia", tra palazzi in stile liberty e piante rare, si può raggiungere a piedi il Museo Archeologico nazionale, uno dei più importai musei della penisola, che tra i suoi tesori annovera le statue dei Bronzi di Riace, rinvenute nel 1972 a Riace Marina.
Insieme ai Bronzi, il casello Aragonese è considerato uno dei simboli di Reggio Calabria. Anche se è riconosciuto universalmente come aragonese, in realtà ha origini molto più antiche: si hanno notizie certe della sua esistenza già nel 1027, ma se ne fa risalire la costruzione tra il 536 ed il 549, probabilmente impiantato su un preesistente nucleo fortificato. Punto strategico di difesa della città, sorto dove era situata l'acropoli della polis greca, fu conquistato dagli Ostrogoti, dai Longobardi, dagli Arabi, dai Normanni, dagli Svevi, dagli Angioini e dagli Aragonesi. E furono proprio i sovrani Ferdinando e Giovanna I d'Aragona, nel 1548, ad effettuare consistenti modifiche del maniero. Oggi ospita l'Osservatorio dell'Istituto Nazionale di Geofisica.
La Cattedrale di Maria Santissima Assunta in Cielo risale al periodo normanno, ma subì notevoli rimaneggiamenti prima nel Seicento e poi nell'Ottocento. L'edificio attuale è frutto di un'ulteriore ricostruzione del Novecento per riparare i gravi danni provocati da un terremoto nel 1908. Il progetto venne affidato a Padre Carmelo Angelini. L'architettura della Chiesa si compone, quindi, di elementi che vanno dal romanico, al gotico, alle ricostruzioni del Novecento. La facciata è spartita verticalmente in tre parti da quattro torri ottagonali. Al centro si trova una grande trifora sormontata da un rosone, entrambi incorniciati da un arco decorato. L'ingresso è preceduto da una gradinata ornata dalle sculture rappresentanti i Santi Paolo e Stefano di Nicea, realizzate nel Novecento da Francesco Jerace. L'interno è composto da tre navate absidate divise da arcate e pilastri.
La Basilica minore di Maria Santissima Madre della Consolazione, la cui devozione ha origine nel 1577 quando la città fu colpita da un'epidemia di peste, è di recente costruzione e preserva al suo interno l'immagine della Madonna apparsa al frate cappuccino dipinta su tavola da Andrea Capriolo.
Tra gli altri luoghi di interesse ricordiamo il Castello di Sant'Aniceto, antico rifugio dei reggini in epoca bizantina, Villa Zerbi, in stile veneziano del XIV secolo, con elementi decorativi e cromatismi molto evidenti, il teatro Francesco Cilea, il più grande della città e dedicato al musicista reggino, la Chiesa degli Ottimati (X secolo) e la Statua dell'Angelo Tutelare, in Piazza San Giorgio nei pressi dell'omonima Chiesa risalente al Seicento (forse opera di Placido Bradamonte).

Mappa

La pagina web di questo paese è stata visitata 36.533 volte.

Scegli la lingua

italiano

english