Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

 

italiano

  • Villa Alba D'Oro Amalfi

    Villa Alba D'Oro Amalfi

    Ospitalità di Charme Villa Esclusiva Amalfi Costiera Amalfitana Riviera di Napoli Salerno Campania Italia

  • Terre Stregate azienda olivinicola

    Terre Stregate azienda olivinicola

    Produzione vini qualità , sannio doc, cantina, aglianico, falanghina, greco, spumante, fiano igt, frantoio, olio extravergina,...

  • Amalfi BB B&B Al Pesce d'Oro

    Amalfi BB B&B Al Pesce d'Oro

    Bed and Breakfast Camere e Colazione ad Amalfi in Costiera Amalfitana Salerno Campania Italia

  • Palazzo Avino

    Palazzo Avino

    Hotel 5 Stelle, Ospitalità di lusso e charme a Ravello in Costiera Amalfitana Salerno Campania Italia

  • Amalfi Transfer Tour

    Amalfi Transfer Tour

    Trasferimento ed escursioni in Costa d'Amalfi, Costiera Amalfitana Tour, lemon tour, trasferimenti Positano, Amalfi, Ravello Stazione...

tu sei qui: Home Calabria Reggio Calabria ed Aspromonte Palmi

Strutture

Visita una località navigando tramite il menù a sinistra. In ogni zona d'Italia potrai successivamente scegliere le strutture turistiche d'eccellenza che ti proponiamo.

Stampa questa pagina Segnala via e-mail

Condividi:
fb-like
g-plus

Palmi

Descrizione

Affacciato sul mar Tirreno, Palmi è il comune più popoloso della provincia di Reggio Calabria, dopo il capoluogo. Una leggenda narra che siano state le vesti della bella Donna Canfora, gettatasi in mare per sfuggire ai rapitori saraceni, a tingere di viola il tratto di mare di fronte a Palmi. L'aspetto attuale di questo importante centro commerciale deriva dall'importante ricostruzione, che ricalca fedelmente l'impostazione planimetrica ottocentesca a scacchiera, in seguito al terremoto del 1908, anche se sono sopravvissute numerose tracce del suo antico passato.
L'origine di Palmi avviene in seguito alla distruzione, nel VI secolo, del vicino centro magno-greco di Taureana. Il toponimo è già presente in un documento del 1310. Distrutta da un'incursione barbaresca del XVI secolo, fu ricostruita da Carlo Spinelli, duca di Seminara, a cui la città di Palmi era subordinata. La nuova città era minuta di una cinta fortificata, della quale sono ancora visibili i resti, e di torri di avvistamento lungo il litorale.
Siti di interesse:
- la seicentesca Chiesa del Crocifisso, ad un'unica navata con altari laterali. Si conservano numerose lapidi sei-settecentesche che coprivano le fosse tombali sul pavimento della navata, ora protette con lastre trasparenti che permettono di vedere la zona più antica sottostante della chiesa. Sull'altare maggiore è conservato un bel crocifisso ligneo settecentesco.
- la Chiesa del Carmine, rimasta miracolosamente intatta durante il terremoto del 1908. Il miracolo è ricordato da una statua della Vergine accanto alla chiesa. L'interno mostra un impianto longitudinale con stucchi ottocenteschi. Il grande altare marmoreo con balaustra risale al Settecento, così come la statua lignea raffigurante la Madonna del Carmine.
- la Chiesa Matrice, interamente ricostruita dopo il terremoto del 1908 con forme ispirate all'arte romanica. Al suo interno sono presenti tre statue lignee raffiguranti l'Assunta, San Giuseppe con Bambino e Sant'Elia, risalenti al XVIII secolo. Pregevole è la sacra effige della Madonna della Lettera, con manta argentea risalente al XVIII secolo.
- la Torre di Pietre Nere, torre di avvistamento costiera che domina la Marina di Palmi, anche detta Tonnara;
- il Monumento a Francesco Cilea, il grande compositore e autore dell'Adriana Lecouvreur e dell'Alsaziana, che nacque proprio qui a Palmi.
- il centro di cultura Leonida Repaci che accoglie al suo interno la Biblioteca comunale, il Museo di Etnografia e Folklore, la gipsoteca, l'antiquarium (con reperti dell'età neolitica, del periodo bizantino e medievale) e la pinacoteca (con opere di Guercino, Manet, Corot, Guttuso, De Chirico e Manzù).

Mappa

La pagina web di questo paese è stata visitata 20.125 volte.

Carrello Contatti

Clicca sull'icona del carrello per creare una lista di strutture da contattare.

Scegli la lingua

italiano

english