Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

 

italiano

tu sei qui: Home Piemonte Cuneo e dintorni Pontechianale

Strutture

Visita una località navigando tramite il menù a sinistra. In ogni zona d'Italia potrai successivamente scegliere le strutture turistiche d'eccellenza che ti proponiamo.

Primo Piano

Qui ti proporremo informazioni e curiosità riguardanti l'area che stai visitando.

Stampa questa pagina Segnala via e-mail

Condividi:
fb-like
g-plus

Pontechianale

Descrizione

Il toponimo è il frutto dell'aggregazione di "Pont" e "Chianale". Originariamente esistevano due abitati: Pont, così denominato per la presenza proprio di un ponte, il secondo, Chianale, a fondovalle. Comune sparso in provincia di Cuneo, situato nella Valle Varaita, è punto di partenza per diverse escursioni, come il Giro di Viso. Nella zona sono presenti anche quattro rifugi, impianti di risalita per lo sci ed il Bosco dell'Alevè. Dal 1942 in frazione Castello è stata costruita una diga per la produzione di energia elettrica che ha creato un lago artificiale, meta di turisti. Per realizzare quest'opera è stata abbattuta una intera frazione, denominata Chiesa, e ricostruita poco distante. Oggi, quando il livello dell'acqua scende, sono ancora visibili i resti delle case.
È probabile che i primi abitanti della Valle Varaita furono i Liguri, raggiunti qualche tempo dopo dai Galli. Ariberto II, re dei Longobardi, donò le Alpi Cozie e la Valle Varaita al Papa; seguì la conquista da parte di Carlo Magno e la dominazione dei Conti d'Austria. Nel XIV secolo il territorio fu ceduto dal Marchese di Saluzzo al Delfinato di Vienna e ne condivise la storia. Nel XVII secolo la Valle fu coinvolta direttamente nella lotta tra truppe francesi e piemontesi che vide sconfitti i primi. Con il trattato di Utrech i Savoia acquisirono la Castellata, la parte alta della Valle.

Da vedere:

La cappella di Santa Maria Maddalena in frazione Maddalena conserva al suo interno quattro dipinti raffiguranti gli Evangelisti risalenti al XVII secolo. I personaggi sono ritratti curiosamente con sei dita alle mani ed ai piedi.
La parrocchiale di San Lorenzo in frazione Chianale è barocca e presenta un ammirevole altare del XVIII secolo.
La chiesa di San Pietro in Vincoli nella frazione Chiesa, costruita nel XX secolo, possiede il bellissimo portale di epoca tardo romanica appartenuto alla precedente chiesa, dedicata ugualmente a San Pietro, sommersa nel 1942 insieme con l'intera frazione per creare un lago artificiale.
La chiesa di Sant'Antonio in frazione Chianale, risalente al XIV secolo, presenta una struttura molto originale ed un ancora più particolare campanile a forma di vela.
Il Museo del costume e dell'artigianato tessile in frazione Chianale, presso la Missione dei Cappuccini.

Mappa

La pagina web di questo paese è stata visitata 15.490 volte.

Scegli la lingua

italiano

english