Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

 

italiano

tu sei qui: Home Piemonte Cuneo e dintorni Macra

Primo Piano

Qui ti proporremo informazioni e curiosità riguardanti l'area che stai visitando.

I più visitati in Macra

  • Locanda del Silenzio

    La Locanda del Silenzio mountain camp, è il posto ideale per una vacanza di sport o di relax in Val Maira ed è il punto di partenza per numerose escursioni. La struttura è stata finemente restaurata mantenendo il tradizionale stile rurale tipico per offrire...

Stampa questa pagina Segnala via e-mail

Condividi:
fb-like
g-plus

Macra

Macra Photo Enrico Collo

Macra Photo Enrico Collo

Descrizione

Comune occitano situato nel cuore della media Valle Maira, Macra deve il suo toponimo alla valle e al torrente che lo percorre. Anticamente noto col nome di Alma (derivazione celto-ligure di "balma", ossia antro, cavità), è documentato per la prima volta in un atto di donazione redatto tra il 1155 ed il 1176; insieme agli altri comuni della valle fece parte del marchesato di Saluzzo, passando sotto i Savoia nel 1601 con il Trattato di Lione. Nel 1928 al territorio di Macra fu annesso anche l'antico comune di Albaretto, dal quale fu separato nel 1602. La sua posizione al centro della valle rende Macra un punto di partenza ideale per escursioni lungo le mulattiere ed i sentieri montani, percorsi occitani e visita alle chiese rupestri. Di particolare bellezza è il percorso naturalistico detto "il sentiero dei ciclamini".

Siti di interesse:
- la cappella medievale di San Salvatore, risalente al XII secolo, fu fondata dai canonici di Oulx in pietre rozzamente squadrate e ciottoli di fiume. E' preceduta da un pronao sorretto da colonne circolari e presenta all'interno affreschi del XIII e del XV secolo;
- la cappella di San Pietro, risalente al XIII secolo, situata lungo l'antica mulattiera che conduce a Camoglieres. L'interno è ricco di affreschi, tra cui spicca una c.d. "danza macabra";
- la parrocchiale di San Marcellino, risalente al XV secolo;
- la parrocchiale di Santa Maria Assunta ad Albaretto, di origine gotica, dal bel portale in pietra con immagini scolpite;
- l'antico mulino dei primi anni dell'Ottocento, rimasto in funzione fino al 1972;
- le pitture murali presenti sulle facciate di molte abitazioni nelle borgate Camoglieres e Garini, realizzate dal pittore itinerante ottocentesco Giòrs Boneto di Paesana;
- i piloni votivi dedicati a Santi diversi, testimonianza della profonda fede religiosa dei valligiani;
- la via ferrata di Camoglieres, inaugurata nel 2006, permette di inoltrarsi in un paesaggio naturale di incontaminata bellezza. Abbraccia la zona tra Camoglieres (980m) e la cima della Crocetta Soprana (1320m).

Mappa

La pagina web di questo paese è stata visitata 11.066 volte.

Scegli la lingua

italiano

english