Locali d'Autore

Abbiamo a cuore la tua privacy

Come indicato nella cookie policy, noi e alcuni partner selezionati facciamo uso di tecnologie, quali i cookie, per raccogliere ed elaborare dati personali dai dispositivi (ad esempio l'indirizzo IP, tracciamenti precisi dei dispositivi e della posizione geografica), al fine di garantire le funzionalità tecniche, mostrarti pubblicità personalizzata, misurarne la performance, analizzare le nostre audience e migliorare i nostri prodotti e servizi. Con il tuo consenso potremo fare uso di tali tecnologie per le finalità indicate. Puoi liberamente conferire, rifiutare o revocare il consenso a tutti o alcuni dei trattamenti facendo click sul pulsante "Preferenze". Puoi acconsentire all'uso delle tecnologie sopra menzionate facendo click su "Accetta" o rifiutarne l'uso facendo click su "Rifiuta".

RifiutaPersonalizzaAccetta

Locali d'Autore

Il rispetto della tua riservatezza è la nostra priorità

Noi e i nostri fornitori archiviamo informazioni su un dispositivo (e/o vi accediamo), quali cookie e trattiamo i dati personali, quali gli identificativi unici e informazioni generali inviate da un dispositivo per le finalità descritte sotto. Puoi fare clic per consentire a noi e ai nostri fornitori di trattarli per queste finalità. In alternativa puoi fare clic per negare il consenso o accedere a informazioni più dettagliate e modificare le tue preferenze prima di acconsentire. Le tue preferenze si applicheranno solo a questo sito web. Si rende noto che alcuni trattamenti dei dati personali possono non richiedere il tuo consenso, ma hai il diritto di opporti a tale trattamento. Puoi modificare le tue preferenze in qualsiasi momento ritornando su questo sito o consultando la nostra informativa sulla riservatezza.

Cookie strettamente necessari Questi cookie sono necessari per il funzionamento del sito e non possono essere disattivati ​​nei nostri sistemi. Di solito vengono impostati solo in risposta alle azioni da te effettuate che costituiscono una richiesta di servizi, come l'impostazione delle preferenze di privacy, l'accesso o la compilazione di moduli. È possibile impostare il browser per bloccare o avere avvisi riguardo questi cookie, ma di conseguenza alcune parti del sito non funzioneranno. Questi cookie non archiviano informazioni personali.

Cookie per pubblicità mirata Questi cookie possono essere impostati tramite il nostro sito dai nostri partner pubblicitari. Possono essere utilizzati da queste aziende per costruire un profilo dei tuoi interessi e mostrarti annunci pertinenti su altri siti. Non memorizzano direttamente informazioni personali, ma sono basati unicamente sull'individuazione del tuo browser e del tuo dispositivo internet. Se non si accettano questi cookie, riceverai una pubblicità meno mirata.

Rifiuta tuttoAccetta tuttoAccetta selezionati

 

italiano

tu sei qui: Home Veneto Altopiano di Asiago Enego

Strutture

Visita una località navigando tramite il menù a sinistra. In ogni zona d'Italia potrai successivamente scegliere le strutture turistiche d'eccellenza che ti proponiamo.

Stampa questa pagina Segnala via e-mail

Condividi:
fb-like
g-plus

Enego

Santa Giustina

Santa Giustina

Descrizione

Il toponimo ha origini poco chiare e diverse sono le opinioni in merito: le più accreditate lo vogliono derivante dall'antroponimo latino Enno e dall'antroponimo tedesco Enika. Comune in provincia di Vicenza, situato ai margini della Valsugana, il territorio di Enego è ai confini con il Trentino Alto Adige. La posizione occupata rende il centro particolarmente attivo dal punto di vista commerciale e turistico, visto che da Enego si raggiungono con facilità le stazioni sciistiche venete e trentine.
Importanti reperti archeologici rinvenuti in zona attestano la presenza dell'uomo sin dalla Preistoria. L'area su cui sorge Enego fu colonizzata dai Romani ed assunse una notevole importanza in epoca imperiale. La particolare posizione occupata fece sì che, caduto l'Impero romano, il centro fosse particolarmente ambito e preda delle popolazioni provenienti da Oriente e dal Nord. Fece parte della Reggenza dei Sette Comuni, una piccola confederazione, costituita nel 1310 e durata fino al 1807 con proprie leggi e governo distinta dal resto dei comuni vicentini. Dal XV secolo entrò a far parte dei territori sottoposti al dominio della Serenissima che rispettò la diversità della Reggenza e consentì la sua integrità. Questo periodo fu particolarmente prospero e foriero di sviluppo e benessere per il paese: Venezia, infatti, concesse alla città larghi spazi di autonomia. Le vicende successive sono comuni all'intera provincia a partire dalla dominazione austriaca.

Da vedere:
La chiesa parrocchiale di Santa Giustina, dalle forme classicheggianti, è preceduta da una lunghissima scalinata che, prolungando e scandendo i tempi necessari per raggiungerla, la rende distante e quasi altera. Presenta una candida facciata sormontata da un timpano ed arricchita da colonne, fregi e nicchie con statue. In posizione quasi centrale è evidente una cupola con in cima un tempietto. L'altissimo e slanciato campanile si distingue nettamente tra le case del centro; di recente costruzione, è stato edificato tra gli anni '40 e '50 del Novecento, affianca la chiesa, è in pietra bianca, semicolonne rinforzano gli angoli ed una cornice evidenzia la cella campanaria in cui si aprono su ciascun lato finestre ogivali e piccoli timpani. Completa il tutto un tamburo su cui svetta una cuspide alta e stretta.
Forte Lisser costruito durante la Prima Guerra Mondiale sul monte omonimo.
Il torrione scaligero rappresenta ciò che rimane dell'antico castello.
Palazzo Cappellari.
Val Dicina.
La Bastia.

Mappa

La pagina web di questo paese è stata visitata 28.721 volte.

Scegli la lingua

italiano

english