Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

 

italiano

  • Antica Porta Appartamenti Ravello

    Antica Porta Appartamenti Ravello

    Ospitalità in Appartamenti Ravello Costiera Amalfitana Riviera di Napoli Salerno Campania Italia

  • Wine Tour AmalfiCoast

    Wine Tour AmalfiCoast

    Escursioni e trasferimenti esclusivi in Costiera Amalfitana, Tour delle cantine più importanti in Costa di Amalfi e in provincia...

  • Hotel Naples Napoli

    Hotel Naples Napoli

    Ospitalità di Qualità Albergo 4 Stelle Ristorante Bar Eventi Matrimoni Meeting Napoli Campania Italia

  • Agriturismo da Regina Tramonti

    Agriturismo da Regina Tramonti

    Ospitalità di Qualità B&B Camera e Colazione Case Vacanza Agriturismo Tramonti Costiera Amalfitana Ristorante Bar Bed and Breakfast...

  • Liparlati Bed and Breakfast Positano

    Liparlati Bed and Breakfast Positano

    Ospitalità di Qualità B&B Camera e Colazione Case Vacanza Positano Costiera Amalfitana Riviera di Napoli e Sorrento Salerno Campania...

tu sei qui: Home Primo Piano Festa del Vino e delle Tradizioni 2010

Strutture

Visita una località navigando tramite il menù a sinistra. In ogni zona d'Italia potrai successivamente scegliere le strutture turistiche d'eccellenza che ti proponiamo.

I più visitati in Italia

  • Villa Santa Croce Amalfi

    Come le curve sinuose di una donna mediterranea, che sa sorprendere e conquistare, rivelando a tratti la sua indole indomita e selvaggia, così la Costiera Amalfitana nasconde dentro di sé un'anima femminile e virile al tempo stesso, manifestandosi in...

  • Villa Maria Agriturismo Minori

    L'Agriturismo Villa Maria è situato in uno dei punti più panoramici di Minori, aggrappato al ripido crinale della collina, interamente coltivata a limoni, che domina la vallata del grazioso paesino della Costiera Amalfitana. L'antica Reghinna Minor fu,...

  • Villa Lara Amalfi

    Nel cuore del centro storico di Amalfi, lungo la strada che conduce alle antiche cartiere che producevano, un tempo, la rinomata carta a mano, uno dei vanti dell'Antica Repubblica Marinara, è situata Villa Lara, dimora patrizia di fine Ottocento, appartenuta...

  • Agriturismo Sant'Alfonso

    Immerso tra i profumi delle erbe spontanee ed i colori della macchia mediterranea, l'Agriturismo Sant'Alfonso è l'espressione di un rapporto armonico tra l'uomo e la natura. E' situato lontano dai rumori del traffico, su uno sperone roccioso che, dall'alto,...

  • La Conca del Sogno Nerano

    Una conca scavata nella roccia che scivola lentamente verso un mare dal colore turchese intenso, lo sguardo che spazia dall'isola di Capri con i suoi faraglioni agli isolotti dei Li Galli: questa è la cornice che racchiude il ristorante "La Conca del...

Stampa questa pagina Segnala via e-mail

Condividi:
fb-like
g-plus

Festa del Vino e delle Tradizioni 2010

Se siete stanchi delle solite sagre stereotipate, in cui il cibo è curato da catering industriali, sicuramente la "Festa del Vino e delle Tradizioni", che si tiene in piena estate a Gete, piccola frazione di Tramonti, in Costa D'Amalfi, sarà per voi una esperienza indimenticabile!

Arriviamo per le 21.00 e passiamo alla cassa, dove per 13 euro ci viene consegnato, oltre al biglietto per il menù completo, anche un calice di vetro con relativo - quanto pratico - porta-bicchiere da collo. Si comincia con un aperitivo di sangria profumata alla cannella, per passare, poi, all'antipasto: caponata, provola, ricotta ed ottimi salumi locali. Si procede, quindi, con il primo stand di vino: l'Azienda Agricola Reale ci offre un ottimo bicchiere dell'oramai famosissimo "Cardamone", a base di uve tintore.
Mentre assaporiamo le fragranze e gli aromi di questo vitigno autoctono, ci avventuriamo verso i primi e, mentre aspettiamo il nostro turno, ci divertiamo a leggere i vari proverbi contadini e filastrocche che sono affissi ad ogni stand, pillole di saggezza dal sapore antico ma sempre attuali! L'attesa è premiata con una porzione abbondante di "fusilli alla tramontana" (con pomodorini del piennolo e ragù di carne) ed una di "pasta e patate allardate", una vera leccornia preparata secondo i dettami della cucina povera tramontana.
Innaffiamo il tutto con una seconda degustazione di vino, fornito dalle Cantine Apicella, famose per la prelibata "Scippata".

Il percorso della sagra si snoda lungo la strada carrabile principale di Gete e, attraverso il greto del fiume ed un caratteristico vigneto, si giunge alla suggestiva Cappella Rupestre di San Michele Arcangelo. La Cappella, che fino a qualche anno fa versava in stato di totale abbandono, è stata completamente restaurata e riaperta al culto, restituendole l'importanza che un tale monumento merita. A fianco alla cappella viene offerta fresca uva da tavola e vino del contadino, il vino delle colline di Tramonti, dal sapore deciso e dal colore scuro, come l'inchiostro (da qui l'origine del nome del vitigno tipico della zona, il tintore). Ad ogni angolo si trovano le tipiche "paranze" che suonano, cantano e ballano motivi popolari riferiti soprattutto a culti mariani. Sul sagrato della chiesa si alternano "La Paranza dello Sperone", con i suoi sberleffi, la celeberrima "Paranza della Madonna delle Galline", dalla vicina Pagani, e la "Paranza dell'Avvocata", da Maiori. Ovviamente non mancano momenti in cui i vari gruppi suonano e ballano all'unisono, travolgendo il pubblico presente con la loro energia!

Dopo esserci sfrenati in balli e canti, ci incamminiamo nuovamente lungo il percorso enogastronomico: ci aspetta uno spezzatino di carne mista con patate in agrodolce di ottima fattura e la Cantina San Francesco che ci offre un bicchiere di "E' Iss", tintore in purezza, ulteriore omaggio ad un vitigno secolare e per troppo tempo sottovalutato!
Il percorso prosegue alle spalle della chiesa, illuminato da file di lampadine e ravvivato da tante bandierine colorate, e ci conduce fino alla stand del dolce, dove vengono servite prelibatezze del maestro pasticciere della Costa d'Amalfi, Salvatore De Riso, che, proprio tra le verdi colline di Tramonti ha il suo principale centro di produzione.

Il bilancio della serata è decisamente positivo: l'ottimo cibo, il buon vino, la travolgente musica delle tammorre e la suggestione dei luoghi rendono questa una delle feste più attese e meglio riuscite in Costiera Amalfitana!

Chiara Furco
13/08/2010

Scegli la lingua

italiano

english