Locali d'Autore

Abbiamo a cuore la tua privacy

Come indicato nella cookie policy, noi e alcuni partner selezionati facciamo uso di tecnologie, quali i cookie, per raccogliere ed elaborare dati personali dai dispositivi (ad esempio l'indirizzo IP, tracciamenti precisi dei dispositivi e della posizione geografica), al fine di garantire le funzionalità tecniche, mostrarti pubblicità personalizzata, misurarne la performance, analizzare le nostre audience e migliorare i nostri prodotti e servizi. Con il tuo consenso potremo fare uso di tali tecnologie per le finalità indicate. Puoi liberamente conferire, rifiutare o revocare il consenso a tutti o alcuni dei trattamenti facendo click sul pulsante "Preferenze". Puoi acconsentire all'uso delle tecnologie sopra menzionate facendo click su "Accetta" o rifiutarne l'uso facendo click su "Rifiuta".

RifiutaPersonalizzaAccetta

Locali d'Autore

Il rispetto della tua riservatezza è la nostra priorità

Noi e i nostri fornitori archiviamo informazioni su un dispositivo (e/o vi accediamo), quali cookie e trattiamo i dati personali, quali gli identificativi unici e informazioni generali inviate da un dispositivo per le finalità descritte sotto. Puoi fare clic per consentire a noi e ai nostri fornitori di trattarli per queste finalità. In alternativa puoi fare clic per negare il consenso o accedere a informazioni più dettagliate e modificare le tue preferenze prima di acconsentire. Le tue preferenze si applicheranno solo a questo sito web. Si rende noto che alcuni trattamenti dei dati personali possono non richiedere il tuo consenso, ma hai il diritto di opporti a tale trattamento. Puoi modificare le tue preferenze in qualsiasi momento ritornando su questo sito o consultando la nostra informativa sulla riservatezza.

Cookie strettamente necessari Questi cookie sono necessari per il funzionamento del sito e non possono essere disattivati ​​nei nostri sistemi. Di solito vengono impostati solo in risposta alle azioni da te effettuate che costituiscono una richiesta di servizi, come l'impostazione delle preferenze di privacy, l'accesso o la compilazione di moduli. È possibile impostare il browser per bloccare o avere avvisi riguardo questi cookie, ma di conseguenza alcune parti del sito non funzioneranno. Questi cookie non archiviano informazioni personali.

Cookie per pubblicità mirata Questi cookie possono essere impostati tramite il nostro sito dai nostri partner pubblicitari. Possono essere utilizzati da queste aziende per costruire un profilo dei tuoi interessi e mostrarti annunci pertinenti su altri siti. Non memorizzano direttamente informazioni personali, ma sono basati unicamente sull'individuazione del tuo browser e del tuo dispositivo internet. Se non si accettano questi cookie, riceverai una pubblicità meno mirata.

Rifiuta tuttoAccetta tuttoAccetta selezionati

 

italiano

tu sei qui: Home Lombardia Brescia, Val Trompia e Valle Sabbia Rezzato

Strutture

Visita una località navigando tramite il menù a sinistra. In ogni zona d'Italia potrai successivamente scegliere le strutture turistiche d'eccellenza che ti proponiamo.

Stampa questa pagina Segnala via e-mail

Condividi:
fb-like
g-plus

Rezzato

Descrizione

Comune della provincia di Brescia, noto soprattutto per la lavorazione del marmo, sorge nell'area pedemontana immediatamente a est del capoluogo. La tradizione vuole che il toponimo derivi dal leggendario re Zato, vissuto nella zona a est di Brescia; tuttavia, l'ipotesi più plausibile è che derivi da "Curtis Vetus" o "Regiadum", vale a dire il luogo in cui sostava l'impeatore durante i suoi viaggi diplomatici.
L'area fu abitata sin dalla Preistoria, come attestano i ritrovamenti di scheletri e vasellame in alcune grotte, oggi andate perdute per lo sfruttamento di alcune cave limitrofe. In ogni caso i reperti sono oggi conservati presso il Museo di Storia Naturale di Brescia.
L'attuale borgo nasce nel Medioevo, quando il vescovo di Brescia, Landolfo, donò alcune terre ai monaci benedettini del monastero di Sant'Eufemia per bonificare quelle terre. Il borgo rimase sotto la giurisdizione del Monastero di Sant'Eufemia fino al 1299 quando il vescovo Berardo Maggi con decreto dichiarò la nascita del nuovo comune.
L'edificio più rappresentativo della città, è sicuramente il Santuario di Valverde, ricostruito nel XVII secolo con annesso oratorio romanico divenuto cappella, che presenta affreschi dei secoli XIV-XVI.
Di grande impatto scenografico è Villa Avogrado-Fenaroli, risalente al 1500 e ristrutturata nel Settecento dall'architetto Giovan Battista Marchetti.
menzioniamo, infine, la Pinacoteca Internazionale di Arte Evolutiva ed il Convento di San Pietro in Colle, dotato di una biblioteca con manoscritti antichissimi.

Mappa

La pagina web di questo paese è stata visitata 24.256 volte.

Scegli la lingua

italiano

english