Locali d'Autore

Abbiamo a cuore la tua privacy

Come indicato nella cookie policy, noi e alcuni partner selezionati facciamo uso di tecnologie, quali i cookie, per raccogliere ed elaborare dati personali dai dispositivi (ad esempio l'indirizzo IP, tracciamenti precisi dei dispositivi e della posizione geografica), al fine di garantire le funzionalità tecniche, mostrarti pubblicità personalizzata, misurarne la performance, analizzare le nostre audience e migliorare i nostri prodotti e servizi. Con il tuo consenso potremo fare uso di tali tecnologie per le finalità indicate. Puoi liberamente conferire, rifiutare o revocare il consenso a tutti o alcuni dei trattamenti facendo click sul pulsante "Preferenze". Puoi acconsentire all'uso delle tecnologie sopra menzionate facendo click su "Accetta" o rifiutarne l'uso facendo click su "Rifiuta".

RifiutaPersonalizzaAccetta

Locali d'Autore

Il rispetto della tua riservatezza è la nostra priorità

Noi e i nostri fornitori archiviamo informazioni su un dispositivo (e/o vi accediamo), quali cookie e trattiamo i dati personali, quali gli identificativi unici e informazioni generali inviate da un dispositivo per le finalità descritte sotto. Puoi fare clic per consentire a noi e ai nostri fornitori di trattarli per queste finalità. In alternativa puoi fare clic per negare il consenso o accedere a informazioni più dettagliate e modificare le tue preferenze prima di acconsentire. Le tue preferenze si applicheranno solo a questo sito web. Si rende noto che alcuni trattamenti dei dati personali possono non richiedere il tuo consenso, ma hai il diritto di opporti a tale trattamento. Puoi modificare le tue preferenze in qualsiasi momento ritornando su questo sito o consultando la nostra informativa sulla riservatezza.

Cookie strettamente necessari Questi cookie sono necessari per il funzionamento del sito e non possono essere disattivati ​​nei nostri sistemi. Di solito vengono impostati solo in risposta alle azioni da te effettuate che costituiscono una richiesta di servizi, come l'impostazione delle preferenze di privacy, l'accesso o la compilazione di moduli. È possibile impostare il browser per bloccare o avere avvisi riguardo questi cookie, ma di conseguenza alcune parti del sito non funzioneranno. Questi cookie non archiviano informazioni personali.

Cookie per pubblicità mirata Questi cookie possono essere impostati tramite il nostro sito dai nostri partner pubblicitari. Possono essere utilizzati da queste aziende per costruire un profilo dei tuoi interessi e mostrarti annunci pertinenti su altri siti. Non memorizzano direttamente informazioni personali, ma sono basati unicamente sull'individuazione del tuo browser e del tuo dispositivo internet. Se non si accettano questi cookie, riceverai una pubblicità meno mirata.

Rifiuta tuttoAccetta tuttoAccetta selezionati

 

italiano

tu sei qui: Home Campania Napoli e il suo golfo Pompei

Stampa questa pagina Segnala via e-mail

Condividi:
fb-like
g-plus

Pompei

Descrizione

"Ecco il Vesuvio, che ieri ancora era verde delle ombre di pampini: qui celebre uva spremuta dal torchio aveva colmato i tini. Questa giogaia Bacco amò più dei colli di Nisa: su questo monte ieri ancora i Satiri eseguirono il girotondo. Qui c'era la città di Venere, a lei più gradita di Sparta; qui c'era la città che ripeteva nel nome la gloria di Ercole. Tutto giace sommerso dalle fiamme e dall'oscura cenere: gli dei avrebbero voluto che un tale scempio non fosse stato loro permesso" (Marziale).

Pompei è, probabilmente, l'unico sito archeologico al mondo capace di far vedere e comprendere lo stile di vita di un'antica città romana. Infatti, l'eruzione del Vesuvio del 79 d.C. non ha distrutto Pompei, ma ha semplicemente fermato le lancette del tempo, per restituircela con l'aspetto che aveva all'alba del 24 agosto del 79 d.C.
Dichiarata dall'UNESCO Patrimonio dell'Umanità, Il fascino e la magia di Pompei era tale che fu inserita tra le tappe del Grand Tour; Stendhal nel 1817 annotava: " E' un piacere vivissimo vedere faccia a faccia quell'antichità sulla quale si sono letti tanti volumi".
Gli scavi archeologici iniziarono nel 1748 sotto Carlo III di Borbone ed attualmente hanno portato alla luce solo i 3/5 della città.
Il percorso degli scavi è molto vasto (ben 44 ettari). Tra gli edifici pubblici, c'è il Foro: centro commerciale e cuore della politica, il Capitolium (il tempio principale), il santuario di Apollo, la Basilica (dove si amministravano giustizia e affari) e, oltre il Tempio di Venere, il Macellum (qui si affacciavano le botteghe), il tempio di Vespasiano e l'edificio di Eumachia dal bel fregio in marmo (lo si nota sull'ingresso dal Foro). Al suo fianco, la Via dell'Abbondanza. Percorrendola, si giunge alle Terme Stabiane: parte dell'edificio dà sul Vicolo del Lupanare, che prende il nome dal più celebre dei tanti bordelli (lupa era la prostituta in latino) di Pompei. Alle pareti, quadretti dipinti che raffigurano diverse posizioni erotiche. Nelle vicinanze, il Teatro grande (dall'alto della cavea si ha un'ottima vista sugli scavi; il quadriportico dietro la scena era la caserma dei gladiatori) e l'Odeion, il teatro piccolo, utilizzato sia come sala da musica che per le assemblee pubbliche. Imboccando di nuovo la Via dell'Abbondanza, si risale fino alla Casa di Menandro, una ricca abitazione di 1800 metri quadrati. Risalendo ancora, la Casa di Loreius Tiburtinus, dalla bella loggia con giardino, la Casa di Venere (dall'affresco che immortala la dea), e la Villa di Giulia Felice, di cui sono da vedere gli appartamenti privati. Da qui si noti l'Anfiteatro, costruito per ospitare fino a 20 mila spettatori. C'è poi la Pompei delle residenze private, quelle più famose in assoluto per i dipinti e le architetture degli interni: basterà che dal Foro si prosegua dritto fino alla Via della Fortuna, ed ecco la Casa del Fauno, la più grande - 3000 metri quadrati - tra i palazzi signorili, e poi la Casa dei Vetii, celebre per i suoi affreschi. Ma Pompei deve la sua notorietà soprattutto alla Villa dei Misteri. La si raggiunge attraversando la Via dei Sepolcri, che dalle mura cittadine portava alla costa (da notare la quantità di monumenti funebri). E' la più bella, sia per gli affreschi che per la distribuzione interna degli ambienti. Splendida la terrazza sorretta dal portico e splendido il ciclo pittorico del triclinio: 17 metri per 3, un vero record in quanto a proporzioni, in cui dominano la scena il dio Dioniso e Arianna.
I calchi in gesso delle vittime dell'eruzione - uomini e animali - esposti all'Antiquarium di Boscoreale, a 3 chilometri da Pompei, ultima "istantanea" di vita dei pompeiani. Altri reperti provengono da siti archeologici di Pompei, Ercolano, Oplontis, Stabiae, Terzigno e Boscoreale, appunto.

Mappa

La pagina web di questo paese è stata visitata 305.035 volte.

Scegli la lingua

italiano

english