Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

 

italiano

tu sei qui: Home Veneto Costa Veneta Eraclea

Strutture

Visita una località navigando tramite il menù a sinistra. In ogni zona d'Italia potrai successivamente scegliere le strutture turistiche d'eccellenza che ti proponiamo.

Stampa questa pagina Segnala via e-mail

Condividi:
fb-like
g-plus

Eraclea

Descrizione

Affacciato sull'omonimo golfo, Eraclea, in provincia di Venezia, è un centro turistico e balneare di grande interesse naturalistico per la presenza della Laguna del Mort, formatasi a causa dello straripamento del Piave. Questo specchio d'acqua, dal basso fondale e ricco di pesci, è luogo di sosta di molte specie di uccelli ed habitat naturale per numerosi tipi di piante.
Il primo abitato si sviluppò ai principi del XVIII secolo, dopo che la Serenissima concesse ad Alvise Giustiniani Lolin, nobile veneziano, alcuni terreni nei pressi della Piave, ove questi fece edificare una chiesa. Intorno alla stessa, come sovente avveniva, si venne a creare un nucleo di case. Fu Napoleone a riconoscere al centro l'autonomia amministrativa; con gli Asburgo il territorio fu suddiviso tra i vicini Jesolo e San Donà. Dal 1866 fece parte del Regno d'Italia. Distrutto durante la Prima Guerra Mondiale, si risollevò lentamente. Nella zona furono eliminate progressivamente asperità, boschi e terre sommerse per far posto a vaste aree da destinare alle coltivazioni. Per avere un'idea della portata dell'opera svolta basti pensare che, fino alla seconda metà dell'Ottocento, la maggior parte dei terreni erano sommersi dalle acque del Lago de la Piave. Essi sono stati resi particolarmente fertili dopo la estesa bonifica operata nel XX secolo e vi si coltivano cereali, riso e viti.

Da vedere:

La chiesa parrocchiale di San Giovanni Bosco a Ponte Crepaldo fu edificata su progetto del Fabris. Presenta copertura a doppio spiovente e splendide vetrate.
La chiesa arcipretale dedicata a Santa Maria Concetta, realizzata su disegno del Berti, presenta tre navate e soffitto a capriate, abside e due cappelle absidali.
La chiesa di San Ferdinando a Torre di Fine, ingrandita in un secondo momento, fu dotata di cappelle e portico.
La chiesa della Madonna del Rosario a Torre di Fine presenta sulla facciata due statue risalenti al Trecento.
La chiesa di Gesù Buon Pastore a Valcasoni presenta una originale copertura a tronco di piramide.
La chiesa di San Gabriele dell'Addolorata Ca'Turcata su progetto di Dimitri Handjeff.
La cappella di Santa Croce a Torre di Fine.
L'oratorio di San Giovanni Battista.
La chiesa di San Tiziano a Stretti.
La chiesa di Sant'Isidoro.
La bellissima pineta.
La Laguna del Mort.

Mappa

La pagina web di questo paese è stata visitata 19.801 volte.

Scegli la lingua

italiano

english