Locali d'Autore

Abbiamo a cuore la tua privacy

Come indicato nella cookie policy, noi e alcuni partner selezionati facciamo uso di tecnologie, quali i cookie, per raccogliere ed elaborare dati personali dai dispositivi (ad esempio l'indirizzo IP, tracciamenti precisi dei dispositivi e della posizione geografica), al fine di garantire le funzionalità tecniche, mostrarti pubblicità personalizzata, misurarne la performance, analizzare le nostre audience e migliorare i nostri prodotti e servizi. Con il tuo consenso potremo fare uso di tali tecnologie per le finalità indicate. Puoi liberamente conferire, rifiutare o revocare il consenso a tutti o alcuni dei trattamenti facendo click sul pulsante "Preferenze". Puoi acconsentire all'uso delle tecnologie sopra menzionate facendo click su "Accetta" o rifiutarne l'uso facendo click su "Rifiuta".

RifiutaPersonalizzaAccetta

Locali d'Autore

Il rispetto della tua riservatezza è la nostra priorità

Noi e i nostri fornitori archiviamo informazioni su un dispositivo (e/o vi accediamo), quali cookie e trattiamo i dati personali, quali gli identificativi unici e informazioni generali inviate da un dispositivo per le finalità descritte sotto. Puoi fare clic per consentire a noi e ai nostri fornitori di trattarli per queste finalità. In alternativa puoi fare clic per negare il consenso o accedere a informazioni più dettagliate e modificare le tue preferenze prima di acconsentire. Le tue preferenze si applicheranno solo a questo sito web. Si rende noto che alcuni trattamenti dei dati personali possono non richiedere il tuo consenso, ma hai il diritto di opporti a tale trattamento. Puoi modificare le tue preferenze in qualsiasi momento ritornando su questo sito o consultando la nostra informativa sulla riservatezza.

Cookie strettamente necessari Questi cookie sono necessari per il funzionamento del sito e non possono essere disattivati ​​nei nostri sistemi. Di solito vengono impostati solo in risposta alle azioni da te effettuate che costituiscono una richiesta di servizi, come l'impostazione delle preferenze di privacy, l'accesso o la compilazione di moduli. È possibile impostare il browser per bloccare o avere avvisi riguardo questi cookie, ma di conseguenza alcune parti del sito non funzioneranno. Questi cookie non archiviano informazioni personali.

Cookie per pubblicità mirata Questi cookie possono essere impostati tramite il nostro sito dai nostri partner pubblicitari. Possono essere utilizzati da queste aziende per costruire un profilo dei tuoi interessi e mostrarti annunci pertinenti su altri siti. Non memorizzano direttamente informazioni personali, ma sono basati unicamente sull'individuazione del tuo browser e del tuo dispositivo internet. Se non si accettano questi cookie, riceverai una pubblicità meno mirata.

Rifiuta tuttoAccetta tuttoAccetta selezionati

 

italiano

tu sei qui: Home Trentino Alto Adige Val di Fiemme Cavalese

Strutture

Visita una località navigando tramite il menù a sinistra. In ogni zona d'Italia potrai successivamente scegliere le strutture turistiche d'eccellenza che ti proponiamo.

Stampa questa pagina Segnala via e-mail

Condividi:
fb-like
g-plus

Cavalese

Descrizione

Centro amministrativo, culturale e storico della Val di Fiemme, Cavalese è una ridente località turistica della provincia di Trento, situata sulla parte terminale dell'ampia e soleggiata terrazza naturale che caratterizza l'intera valle. L'area di Cavalese fu abitata dall'uomo sin dalle epoche più antiche: è, infatti, documentata la presenza di insediamenti preistorici lungo la catena del Lagorai (Mesolitico), del Dos Zelo (Età del Ferro) e del Parco della Pieve (epoca tardo-romana). I primi insediamenti abitativi andarono sviluppandosi lungo il corso del Rio Gambis ma, a causa delle continue e rovinose esondazioni di quest'ultimo, la popolazione dell'allora centro di Cadrubio fu costretta, nel XII secolo, a spostarsi più all'interno. Nel corso del XVI secolo ha inizio l'opera di contenimento del Rio, con la realizzazione di pittoreschi argini, mulini e segherie. Nel Settecento, grazie anche al contributo di nobili e potenti famiglie che stabilirono qui la loro residenza, Cavalese si affermo, definitivamente, come il centro culturale ed economico dell'intera Val di Fiemme. Qui aveva sede la scuola pittorica di Giuseppe Alberti, nella quale lavorarono anche Michelangelo e Francesco Unterberger, capostipiti dei c.d. pittori cavalesani. Ma, prima di tutto, qui aveva sede la Magnifica Comunità di Fiemme, nata ufficialmente con i Patti Gebardini del 1111-1112.
Per la sua ampia e variegata offerta turistica, cavalese permette di essere visitata ed apprezzata in ogni momento dell'anno: durante i mesi primaverili ed estivi è possibile, infatti, dedicarsi a lunghe passeggiate all'aria aperta a piedi, a cavallo o in mountain bike, raggiungendo rifugi montani per apprezzare le gustose specialità culinarie della Val di Fiemme; in inverno, invece, gli appassionati della neve potranno divertirsi con le piste di sci alpino e sci nordico o lasciarsi catturare dalla candida bellezza dei paesaggi imbiancati, con le racchette da neve ai piedi.
Siti di interesse:
- il Palazzo della Magnifica Comunità di Fiemme, di origine medievale, fatto costruire dai vescovi di Trento quale residenza dei loro vicari in Val di Fiemme. Circondato da un muro merlato, sul prospetto principale sono ancora ben visibili gli affreschi cinquecenteschi che, un tempo, decoravano tutti i prospetti dell'edificio.
- il Banco della Resòn, unico in Italia nel suo genere, in cui si riunivano le assemblee della Magnifica Comunità per discutere e risolvere le questioni più importanti;
- la Pieve di Fiemme, intitolata all'Assunta, di cui si ha notizia sin dal 1134, grazie ad un'iscrizione in latino presente sul lato destro dell'edificio. Oggetto di continui rimaneggiamenti ed ampliamenti nei secoli successivi, sono ben visibili le varie fasi stilistiche ed architettoniche: dal romanico al gotico, dal rinascimentale al barocco. All'interno vi sono importanti affreschi romanici e gotici, nonché opere della scuola pittorica fiemmese.
- la Chiesa dei Sette Dolori di Maria, consacrata nel 1830 e realizzata in stile neoclassico grazie al lascito del prete-pittore Antonio Longo di Varena;
- la Chiesa di San Sebastiano, costruita nel Quattrocento in occasione di un'epidemia di peste e ricostruita nell'Ottocento;
- il Convento dei Padri Francescani con annessa Chiesa di San Vigilio, entrambi realizzati nella seconda metà del Seicento, conservano numerosissimi capolavori d'arte pittorica della scuola fiemmese, oltre a statue lignee ed altari in legno decorato.
- la Cappella dell'Ospedale;
- la Chiesa di Masi di Cavalese;
- la Cappella del Palazzo dei Congressi;
- i mulini, le segherie ed i lavatoi, lungo il corso del Rio Gambis.
- la funivia del Cermis.

Mappa

La pagina web di questo paese è stata visitata 24.261 volte.

Scegli la lingua

italiano

english