Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

 

italiano

tu sei qui: Home Piemonte Valsesia Alagna Valsesia

Primo Piano

Qui ti proporremo informazioni e curiosità riguardanti l'area che stai visitando.

Stampa questa pagina Segnala via e-mail

Condividi:
fb-like
g-plus

Alagna Valsesia

Descrizione

Sul toponimo non si registra concordia: per alcuni deriverebbe dal tedesco "land" (terra), per altri, "olen", (oleare). Comune in provincia di Vercelli, composto da un gran numero di frazioni, sorge in una conca circondata da pini ai piedi del Monte Rosa. Rappresenta il principale centro della Valsesia in cui convivono architettura tradizionale walser ed edifici moderni. Le case Walser sono costruzioni in legno dotate di basamenti di pietra e tetti ricoperti da piode, scaglie di pietra grigia. E'un centro di soggiorno e di sports invernali dotato di impianti sciistici e ricettivi, punto di partenza per numerose escursioni come alla volta di punta Indren a 3260 metri, nel cuore del Monte Rosa, dove è possibile praticare lo sci estivo, al rifugio Gnifetti, a 3647 metri, e al rifugio Regina Margherita, il più alto d'Europa, a 4559 metri.
Fu fondato nel XIII secolo da un gruppo Walser proveniente dalla Svizzera, della cui presenza rimangono tracce nelle costruzioni, nei costumi e nella lingua. Al principio l'abitato fu aggregato a quello dell'attuale Riva Valdobbia, ma se ne separò quasi del tutto nel 1475. Verso la fine del Cinquecento gli Scarognini di Varallo diedero inizio all'attività di sfruttamento delle miniere d'oro, argento e rame attirando manodopera dalle zone limitrofe e contribuendo, in tal modo, a far perdere ai Walser l'isolamento che li aveva caratterizzati fino a quel momento ed aveva consentito loro la possibilità di conservare intatta l'identità culturale fino alla metà del Cinquecento. Nel 1842 divenne una base importante per partire alla volta del Monte Rosa.

Da vedere:

La parrocchiale di San Giovanni Battista risalente al Cinquecento presenta grandi affreschi sulla facciata, opera dei fratelli Avando, un pregevole portale in stile gotico ed una altissima torre campanaria. L'interno è a tre navate sostenute da colonne di granito nero. Conserva una pala d'altare del Seicento ed un altare laterale della fine del XVII secolo.
Il castello, edificio storico situato a Pedelegno, di probabile origine quattrocentesca.
Il Museo Walser nella frazione di Pedemonte è ospitato in una casa di legno del Seicento, conserva attrezzi e mobili tradizionali.
Il Teatro Unione Alagnese conserva opere del pittore valsesiano Camillo Verno.
Lo storico hotel Monte Rosa Guglielmina risalente al 1865.
Casa Steiner, situata all'ingresso del paese, ingloba i resti di un castello.
Il centro di visita del Parco Naturale Alta Valsesia.

Mappa

La pagina web di questo paese è stata visitata 25.878 volte.

Carrello Contatti

Clicca sull'icona del carrello per creare una lista di strutture da contattare.

eventi

Scegli la lingua

italiano

english