Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

 

italiano

  • Ravello Transfer Service

    Ravello Transfer Service

    Trasferimenti, Escursioni, Crociere, Aeroporto Napoli, Capodichino, Stazioni ferroviarie, Salerno, Roma, Costiera Amalfitana Campania...

  • Farfalle e Gabbiani Tramonti

    Farfalle e Gabbiani Tramonti

    Ospitalità di Qualità Relais Camere e Colazione Bed and Breakfast Tramonti Costa di Amalfi Riviera di Napoli Salerno Campania...

  • Amalfi Coast Driving Dreams

    Amalfi Coast Driving Dreams

    Noleggio auto con conducente, escursioni esclusive in Costa d'Amalfi, Transfer da e per Aeroporto di Napoli e Roma, Stazione ferroviaria...

  • Le Villette Residence Ravello

    Le Villette Residence Ravello

    Appartamenti di qualità, Residence esclusivo, vacanze per la famiglia Ravello Costa di Amalfi Salerno Campania Italia

  • Taxi Amalficoast

    Taxi Amalficoast

    Servizi Taxi noleggio auto con conducente mini van escursioni esclusive Trasferimenti da e per aeroporti italiani Ravello Costa...

tu sei qui: Home Primo Piano Il sistema difensivo delle torri costiere in Penisola Sorrentina

Strutture

Visita una località navigando tramite il menù a sinistra. In ogni zona d'Italia potrai successivamente scegliere le strutture turistiche d'eccellenza che ti proponiamo.

I più visitati in Italia

  • Ristorante Masaniello Maiori Costa di Amalfi

    Dal nome del celebre capopopolo che guidò la Rivoluzione Napoletana del 1647 e che, secondo la tradizione, era originario proprio della Costa d'Amalfi, il Ristorante Masaniello è situato nel cuore del centro storico di Maiori, all'imbocco di Via Casale...

  • Ristorante Dedalo Maiori

    Il Ristorante "Dedalo" si trova ad appena due passi dal lungomare di Maiori, all'imbocco del corso principale del grazioso paesino costiero. Ristrutturato di recente, dal design innovativo e moderno e con un fresco dehors, è il luogo ideale per assaporare...

  • Ristorante Paisà Maiori

    Il ristorante "Paisà" si trova nel pieno centro storico di Maiori, una delle perle della Costiera Amalfitana, nonché cornice di alcuni dei capolavori di maggior successo del regista Roberto Rossellini. E proprio a Maiori, nel 1946, il maestro del Neorealismo...

  • Ristorante Osteria Reale Costa di Amalfi

    L'OSTERIA REALE, da sempre un luogo dove i saperi si sono mescolati, nel tempo, nelle tradizioni, ai sapori più intimi e più cari alle proprie origini. Questo è il motto dell'osteria Reale, situata in una piccola borgata, Gete di Tramonti, dove le radici...

  • San Fabiano Calcinaia Vini Chianti

    L' Azienda Agricola San Fabiano Calcinaia è localizzata tra le colline del prestigioso paesaggio chiantigiano. La casa padronale e le cantine fanno parte di un piccolo borgo medievale risalente circa all' anno 1000 d.c. Guido Serio e sua moglie Isa sono...

Stampa questa pagina Segnala via e-mail

Condividi:
fb-like
g-plus

Il sistema difensivo delle torri costiere in Penisola Sorrentina

  • l sistema difensivo delle torri costiere in Penisola Sorrentina - Locali d'Autore

    Torre Crapolla a Massa Lubrense/ Tower of Crapolla in Massa Lubrense

  • l sistema difensivo delle torri costiere in Penisola Sorrentina - Locali d'Autore

    Torre di Punta Campanella a Massa Lubrense/ Tower of Punta Campanella in Massa Lubrense

  • l sistema difensivo delle torri costiere in Penisola Sorrentina - Locali d'Autore

    Torre di Montalto a Massa Lubrense/ Tower of Montalto in Massa Lubrense

Sono circa una ventina i baluardi difensivi costruiti in più riprese lungo la fascia costiera che va da Massa Lubrense a Vico Equense e che raccontano la storia di otto secoli (dal IX al XVII secolo) di lotte sostenute dalle popolazioni locali contro le frequenti e cruenti incursioni saracene e corsare. Dal periodo bizantino, infatti, passando per il dominio degli Svevi, degli Angioini, degli Aragonesi e dei viceré spagnoli, gli abitanti della Costiera Sorrentina dovettero difendersi dalle scorrerie dei pirati che, con ferocia inaudita, depredavano i villaggi lasciando dietro di loro una scia rossa di sangue, macerie e prigionia. Alcuni di questi episodi sono rimasti nella storia, come la strage di Conca dei Marini nel 1543, l'attacco subito da Cetara nel 1534, l'invasione turca del 1587 o la storia della nobildonna sorrentina Berardina Donnorso, rapita durante la feroce invasione del 1558 e liberata dopo sette anni di schiavitù, dietro pagamento di un ingente riscatto da parte della famiglia.
Si distinguono due tipi di torri di avvistamento costiere: le prime e più antiche hanno forma cilindrica e risalgono all'epoca angioina. Sono alte, sottili, con rare e piccole aperture verso l'alto ed avevano principalmente una funzione di allarme: da qui, infatti, si segnalava alla popolazione il pericolo imminente, attraverso l'accensione di fuochi, così da consentire agli abitanti di trovare riparo nei boschi, nelle grotte o nelle fortificazioni.
Con l'intensificarsi delle razzie, nella prima metà del XVI secolo, il viceré di Napoli don Pedro di Toledo ordinò la costruzione lungo tutta la fascia costiera del Viceregno Spagnolo di Napoli di un complesso sistema difensivo costiero - gli editti parlavano di una torre ogni 4000/5000 passi -, costituito da torri più massicce e di forma quadrata (torri di secondo tipo), con spessore della muratura maggiore sul lato esterno. In effetti, a segnare il passaggio dalla forma circolare a quella quadrata fu soprattutto l'avvento dell'artiglieria che comportò necessariamente un cambiamento nella costruzione delle fortificazioni, così da renderle più idonee a sostenerne i colpi. Queste fortificazioni, quindi, avevano sia compiti di avvistamento, segnalazione, rifugio e difesa attiva, attraverso l'uso di armi la cui gittata consentiva di colpire una nave in prossimità della costa.
La storia delle torri costiere segue di pari passo l'evoluzione politico-militare del Regno di Napoli: già 30 anni dopo la loro costruzione, molte di esse necessitavano di urgenti lavori di manutenzione o, addirittura, cadevano in rovina. Con la restaurazione borbonica del 1815 la maggior parte delle torri fu disarmata ed adibita ad altri scopi (abitativi, segnalazioni semaforiche o telegrafiche).

Elenco delle torri esistenti in Penisola Sorrentina:
- Torre di Crapolla (Massa Lubrense);
- Torre di Recommone (Massa Lubrense);
- Torre del Cantone a Marina di Cantone (Massa Lubrense);
- Torre di Montalto, Baia di Ieranto (Massa Lubrense);
- Torre di Punta Campanella (Massa Lubrense);
- Torre di Fossa di Papa a Termini (Massa Lubrense);
- Torre Capo San Lorenzo (Massa Lubrense);
- Torre di Capo Corbo o Corva (Massa Lubrense);
- Torre della Marina di Massa (Massa Lubrense);
- Torre di Sant'Elia di Ceremegna (Sorrento);
- Torre del Gallo (Sorrento);
- Torre a Guardiola di Punta Scutolo a Seiano (Vico Equense);
- Torre di Marina di Equa (Vico Equense);
- Castello Giusso (Vico Equense).

Mariarosaria Pisacane

Carrello Contatti

Clicca sull'icona del carrello per creare una lista di strutture da contattare.

Scegli la lingua

italiano

english