Locali d'Autore

Abbiamo a cuore la tua privacy

Come indicato nella cookie policy, noi e alcuni partner selezionati facciamo uso di tecnologie, quali i cookie, per raccogliere ed elaborare dati personali dai dispositivi (ad esempio l'indirizzo IP, tracciamenti precisi dei dispositivi e della posizione geografica), al fine di garantire le funzionalità tecniche, mostrarti pubblicità personalizzata, misurarne la performance, analizzare le nostre audience e migliorare i nostri prodotti e servizi. Con il tuo consenso potremo fare uso di tali tecnologie per le finalità indicate. Puoi liberamente conferire, rifiutare o revocare il consenso a tutti o alcuni dei trattamenti facendo click sul pulsante "Preferenze". Puoi acconsentire all'uso delle tecnologie sopra menzionate facendo click su "Accetta" o rifiutarne l'uso facendo click su "Rifiuta".

RifiutaPersonalizzaAccetta

Locali d'Autore

Il rispetto della tua riservatezza è la nostra priorità

Noi e i nostri fornitori archiviamo informazioni su un dispositivo (e/o vi accediamo), quali cookie e trattiamo i dati personali, quali gli identificativi unici e informazioni generali inviate da un dispositivo per le finalità descritte sotto. Puoi fare clic per consentire a noi e ai nostri fornitori di trattarli per queste finalità. In alternativa puoi fare clic per negare il consenso o accedere a informazioni più dettagliate e modificare le tue preferenze prima di acconsentire. Le tue preferenze si applicheranno solo a questo sito web. Si rende noto che alcuni trattamenti dei dati personali possono non richiedere il tuo consenso, ma hai il diritto di opporti a tale trattamento. Puoi modificare le tue preferenze in qualsiasi momento ritornando su questo sito o consultando la nostra informativa sulla riservatezza.

Cookie strettamente necessari Questi cookie sono necessari per il funzionamento del sito e non possono essere disattivati ​​nei nostri sistemi. Di solito vengono impostati solo in risposta alle azioni da te effettuate che costituiscono una richiesta di servizi, come l'impostazione delle preferenze di privacy, l'accesso o la compilazione di moduli. È possibile impostare il browser per bloccare o avere avvisi riguardo questi cookie, ma di conseguenza alcune parti del sito non funzioneranno. Questi cookie non archiviano informazioni personali.

Cookie per pubblicità mirata Questi cookie possono essere impostati tramite il nostro sito dai nostri partner pubblicitari. Possono essere utilizzati da queste aziende per costruire un profilo dei tuoi interessi e mostrarti annunci pertinenti su altri siti. Non memorizzano direttamente informazioni personali, ma sono basati unicamente sull'individuazione del tuo browser e del tuo dispositivo internet. Se non si accettano questi cookie, riceverai una pubblicità meno mirata.

Rifiuta tuttoAccetta tuttoAccetta selezionati

 

italiano

tu sei qui: Home Primo Piano Villa San Michele

Strutture

Visita una località navigando tramite il menù a sinistra. In ogni zona d'Italia potrai successivamente scegliere le strutture turistiche d'eccellenza che ti proponiamo.

I più visitati in Italia

  • Villa Santa Croce Amalfi

    Come le curve sinuose di una donna mediterranea, che sa sorprendere e conquistare, rivelando a tratti la sua indole indomita e selvaggia, così la Costiera Amalfitana nasconde dentro di sé un'anima femminile e virile al tempo stesso, manifestandosi in...

  • Sunland Viaggi e Turismo Costa di Amalfi

    Sunland Viaggi e Turismo è sinonimo di garanzia grazie all'esperienza ultratrentennale nel settore ricettivo-alberghiero e dell'incoming in Costiera Amalfitana, Cilento, Penisola Sorrentina e Golfo di Napoli. La Sunland offre attività di ground handling...

  • Amalfi Coast Destination Tour e Trasferimenti

    La Costiera Amalfitana, terra di bellezze naturali, antiche tradizioni, arte, storia millenaria, cultura e gastronomia: un mix di esperienze sensoriali che rendono questa località unica al mondo. Se siete alla ricerca di un transfer o un tour privato...

  • Hotel Marina Riviera Amalfi

    il Marina Riviera è situato in una posizione centrale a pochi metri dalla spiaggia e gode di un panorama eccezionale. Le camere e le junior suites denotano un gusto molto raffinato, con mobili in stile, ceramiche pregiate ed un confort che comprende:...

  • Hotel Santa Caterina Amalfi

    Situato lungo la celebre costiera amalfitana, a pochi minuti dalla rinomata cittadina di Amalfi, il Santa Caterina gode di una visuale di incomparabile bellezza su tutta la Costa. La storia di questa residenza speciale è straordinaria come tutto ciò che...

Stampa questa pagina Segnala via e-mail

Condividi:
fb-like
g-plus

Villa San Michele

Villa San Michele non è un'abitazione privata, nel senso letterale del termine. È, più esattamente, la testimonianza delle riflessioni e dei sentimenti di Axel Munthe sulla bellezza e sui grandi interrogativi dell'esistenza, ma rimane, al contempo, aperta a ogni interpretazione.
L'architettura è utilizzata per sottolineare l'immensità del paesaggio, ma crea, al tempo stesso, una cornice per i capolavori artistici secondo lo spirito romantico - simbolistico. A questo proposito il parco gioca un ruolo importante. Caratteristici sono, a titolo di esempio, le statue ricoperte di rampicanti e i marmi coperti di muschio sparsi nel giardino. Gli oggetti in marmo, pietra, mosaico e terracotta sono circa 655. Quelli in legno, metallo ceramica e tessuti sono ben 530. Le collezioni sembrano presentare alcune tematiche principali. È il caso delle raffigurazioni della natura e degli animali, come anche della morte e della mortalità. Ma non sono disposte seguendo un programma definito. Si ha, più che altro, l'impressione che i pezzi siano stati accostati casualmente in gruppi di qualità variabile. Al Dr Munthe, più che il valore artistico del singolo oggetto, interessava il messaggio e i ricordi personali che sapeva evocare. Questa conclusione fu avvalorata dal fatto che le collezioni non contengono pezzi acquistati in gruppo da altre collezioni.
L'inventario del museo copre diverse epoche dall'antichità agli inizi del Novecento. Le antichità classiche sono romane, egizie o etrusche. Solo pochi esemplari tra queste sono riconducibili alle proprietà imperiali del luogo. Si tratta di resti di costruzioni, elementi architettonici e affreschi.
Varie sono le provenienze degli oggetti. Gli ampi e ramificati contatti del Dottor Munthe attraverso l'Europa includevano molti paesi dalla Scandinavia all'Italia e dall'Inghilterra fino in Russia.San Michele è, nel senso più vero dell'espressione, la creazione di un cittadino del mondo.

Il Giardino
Il giardino segue, nelle grandi linee, le intenzioni di Munthe. Uscendo dalla Villa si passa sotto un loggiato che diventa in seguito un pergolato, che a sua volta si apre in terrazze, in punti panoramici e angoli più raccolti o ariosi del giardino.
Ovunque sono disposti vasi, anfore e diversi oggetti artistici. Secondo il susseguirsi delle stagioni fioriscono a turno camelie, cinerarie, azalee, glicini, ortensie, rose, agapanti, balsamini e centinaia di altre piante del Mediterraneo e di altre parti del mondo. Ma le piante tipiche del luogo che crescono spontanee sono l'acanto, il mirto, la ginestra, il cisto e molti altri ancora. Fra gli alberi ad alto fusto prevalgono i pini, le palme e i cipressi.
Grazie alla sua posizione e alla sua tipicità, il giardino si mantiene sempre fresco e verde tutto l'anno. Nei giorni più caldi dell'estate le pergole offrono ombra e ristoro ai visitatori.

La collezione
La collezione, presente nel museo di San Michele, rappresenta diverse culture attraverso un ampio arco di tempo che si stende dal 1250 circa a.C. agli inizi del Novecento.
La collezione è formata da 1647 oggetti, di cui un quarto rappresentato da antichità. Di notevole interesse è la sfinge egizia in granito rosso e nero del periodo di Ramesse II, collocata nella loggia della cappella. Una collezione minore di epoca etrusca è costituita da una sfinge in marmo, urne in diversi materiali e una testa scolpita in terracotta. Le antichità romane comprendono, iscrizioni, mosaici, opus reticulatum, sculture e colonne.
Bifore e trifore medioevali con elementi antichi romani, come capitelli, colonne e basi, decorano facciate ed interni. Nell'atrio si trova la vera di un pozzo, originariamente nel convento delle sepolte vive di Napoli; la testa di Medusa dello studio, proveniente da Roma, è parte della serie di sculture raffiguranti Medusa poste ad ornamento del tempio di Venere e Roma.
Nella cappella sono presenti sia reperti archeologici sia oggetti che testimoniano l'arte sacra medioevale e il rinascimento napoletano. Capolavoro rinascimentale è il letto a baldacchino in ferro battuto, proveniente dalla Sicilia, nella camera da letto. Una notevole collezione di mobili settecenteschi, provenienti, tra l'altro, dalla Toscana e dal Veneto, è presente al piano superiore del museo. Nella sala da pranzo e nella cucina sono esposti le collezioni di utensili in stagno e in rame, attestanti, rispettivamente, il Settecento svedese e il Cinquecento lombardo. Il giardino ospita, principalmente, oggetti archeologici e antichità medioevali provenienti dall'Italia. Il Museo possiede, inoltre, porcellane svedesi dell'Ottocento, ma anche altri paesi e in particolare l'Italia sono rappresentati da oggetti che ne testimoniano la vita quotidiana. Parte di quanto lasciato dalla regina Vittoria, dopo la sua morte nel 1930, venne acquistato da Axel Munthe e si trova ora disposto anche negli altri ambienti della tenuta della Fondazione per San Michele.
Sono parte della collezione i documenti di Axel Munthe e alcuni dei suoi effetti personali, tra cui parte degli strumenti medici e il manoscritto del suo libro "La Storia di San Michele".

La foresteria
Nei dintorni di Villa San Michele è presente una costruzione di derivazione settecentesca che rappresenta un esempio raffinato di tradizione costruttiva locale.
Utilizzata originariamente dai vescovi di Capri, come abitazione occasionale ad Anacapri, divenne già negli ultimi anni dell'Ottocento la residenza degli ospiti di Munthe (da cui la denominazione, che fa riferimento agli alloggi dei pellegrini nei conventi). Anche quando fu inclusa nelle proprietà di Munthe intorno a San Michele.
Mantenne una certa atmosfera ascetica, nonostante i muri fossero impreziositi, in accordo con il gusto del dottore, da marmi decorativi. Oggi è sede del centro delle attività culturali della Fondazione San Michele.

Barbarossa
Sulla cima della montagna sopra Villa San Michele sono conservate le rovine di un castello. Queste sono costituite in parte da una costruzione centrale collocata in posizione elevata, in cui Munthe fece approntare un semplice rifugio per la notte, denominato Villino Barbarossa, e in parte dalle mura difensive che la racchiudono.
Al pari delle opere difensive di Anacapri, la costruzione risale all'anno Mille circa e fu oggetto, attraverso i secoli, di molte riedificazioni. Il nome storico Barbarossa fa riferimento al pirata Khair-ed-Din che occupò più volte l'intera isola nel corso del Cinquecento.
Munthe acquistò anche i fianchi della montagna perché potessero costituire un rifugio per gli uccelli migratori e che, ancora oggi, rimangono un'oasi naturale sorvegliata dalla Stazione Ornitologica di Anacapri, con sede nella parte abitabile delle rovine.

www.villasanmichele.eu

Scegli la lingua

italiano

english