Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

 

italiano

tu sei qui: Home Primo Piano Gastronomia a Caserta

Strutture

Visita una località navigando tramite il menù a sinistra. In ogni zona d'Italia potrai successivamente scegliere le strutture turistiche d'eccellenza che ti proponiamo.

I più visitati in Italia

  • Bella Baia Glamping Campeggio

    Bella Baia Glamping è l'occasione che mancava in Costiera Amalfitana per vivere una vacanza a strettissimo contatto con la natura! A Cannaverde, ad appena 2Km dal centro abitato di Maiori, lungo la panoramica SS. 163 "Amalfitana", Bella Baia Glamping...

  • Campeggio Selva Ranna

    Il Campeggio Selva Ranna è la soluzione ideale per vivere una vacanza in Costiera Amalfitana a stretto contatto con la natura, nella quiete del Parco Regionale dei Monti Lattari, tra boschi secolari e macchia mediterranea, lontani dai rumori del traffico...

Stampa questa pagina Segnala via e-mail

Condividi:
fb-like
g-plus

Gastronomia a Caserta

La gastronomia casertana predilige piatti di terra, con un occhio di riguardo verso i sapori tradizionali di questa zona. A cominciare dalla famosa mozzarella di bufala campana DOP, prodotta (oltre che nella Piana del Sele, in provincia di Salerno) nella zona tra l'Ager Falernum e Castel Volturno esclusivamente con latte di bufale allevate in libertà e nutrite con mangimi naturali. Per prepararla ci vuole tutta la sapienza dei mastri caseari, i soli abili nel "mozzare" (da qui il nome) la pasta filante ancora calda.
Il "caso peruto" è un'originale varante delle diverse caciotte caprine prodotte da sempre in Campania e destinate ad un consumo familiare. Il nome deriva dall'inconfondibile profumo pungente di muffa, che tende a svilupparsi sulla superficie del formaggio, da cui il nome di "formaggio perso". Tipico nelle aree del vulcano spento di Roccamonfina e del Monte Maggiore, in provincia di Caserta, il Caso Peruto si produce da latte di capra crudo, fatto filtrare e coagulare con caglio vegetale ottenuto da fiori di cardo.
Da provare anche gli altri formaggi di vacca e di capra, il pecorino laticauda ed i salumi paesani.
I primi piatti sono generalmente a base di pasta fresca (tagliolini e gnocchi) e zuppe di legumi, mentre tra i secondi spiccano le carni di allevamenti locali, cucinate in svariati modi.
Nella piana dei Mazzoni, un tempo paludosa, si possono gustare anguille e zuppe di rane, mentre nella valle di Maddaloni si coltivano carciofi e mele annurche. Di particolare interesse anche la coltura del ciliegio e le saporite castagne di Roccamonfina.
Nella provincia di Caserta vengono prodotti ben varietà diverse di tre olio extravergine di oliva, il Terre Aurunche, il Terre del Matese ed il Colline Caiatine, tre prodotti assai diversi tra loro per colore, profumo e sapore.
Da non dimenticare, poi, le profumatissime fragole di Vairano Patenora.
Passando ai vini, ricordiamo l'Asprinio di Aversa DOC, il Galluccio DOC, il Falerno del Massico DOC, già celebrato da Plinio e Marziale, da Ovidio e Cicerone, il Pallagrello, la Falanghina Roccamonfina, il Cecubo ed il Terra di Lavoro.

Mariarosaria Pisacane

Scegli la lingua

italiano

english